Phase One lancia XF, nuovo sistema medio formato

Phase One lancia XF, nuovo sistema medio formato

di Alberto De Bernardi, pubblicata il

“Phase One annuncia il nuovo sistema medio formato XF: corpo macchina e tre dorsi digitali iQ3, CCD e CMOS, da 50 a 80 Mpixel. Annunciati per l'occasione anche due nuovi obiettivi capaci di risolvere fino a 100 Mpixel su questo formato. ”

Phase One, costruttore molto noto nel segmento professionale, ha annunciato il suo nuovo sistema medio formato XF: corpo macchina con sistema AF rinnovato, interfaccia touch rivisitata, tre nuovi dorsi digitali iQ3, CCD e CMOS, da 50, 60 e 80 Mpixel, due nuovi obiettivi Schneider Kreuznach capaci di tenere il passo di sensori fino a 100 Mpixel di risoluzione (120mm f/4 e 35mm f/3,5) e un sistema di mirini modulare.


Il corpo macchina, retro-compatibile con i dorsi iQ1 e iQ2 (P-mount) e progettato con un design pulito e controlli personalizzabili, si distingue soprattutto per il nuovo sistema AF sviluppato in casa da Phase One, che secondo il costruttore assicura una precisione mai vista e consente per la prima volta di memorizzare la distanza iperfocale degli obiettivi, per un veloce passaggio a questa distanza di messa a fuoco.

I tre nuovi dorsi digitali garantiscono tutti esposizioni fino a 60 minuti, ma si distinguono nettamente tra loro, non solo per risoluzione. Il top di gamma da 80 Mpixel è un CCD da 53,7x40,4mm (da confrontare con i 36x24mm del formato 35mm), che offre una gamma di sensibilità da 50 a 800 ISO (espandibile a 3200 per lunghe esposizioni o diminuendo la risoluzione) e scatta al ritmo di 0,8-0,8 fps, con una gamma dinamica di 13 stop.


Il modello da 60 Mpixel utilizza anch'esso un CCD di formato molto simile (53,9x40,4mm). Di conseguenza offre la stessa gamma ISO e la stessa gamma dinamica, ma prestazioni leggermente superiori grazie alla minore risoluzione: 0,8-0,9 fps.
Il modello "entry-level" da 50 Mpixel, se così si può definire un sistema che costa quasi 32.000 Euro, utilizza invece un sensore CMOS di formato ridotto 44x33mm (fattore di moltiplicazione pari a 1,3x), beneficiando delle maggiori performance di questa tecnologia: frame-rate da 1,4-1,8 fps, gamma di sensibilità da 100 a 6400 ISO e gamma dinamica di uno stop superiore, 14 contro i 13 dei due CCD. Di contro, il CMOS non arriva ai 16 bit/colore dei CCD.

Il pacchetto base composto da nuovo corpo macchina, dorso digitale iQ3 e obiettivo Schneider Kreuznach 80mm LS parte come già detto da poco meno di 32.000 Euro per la versione da 50 Mpixel, e arriva a poco meno di 39.000 per la versione da 80 Mpixel. I due nuovi obiettivi costano invece la stessa cifra, pari a circa 5.500 Euro ciascuno.  


Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Rubberick pubblicato il 03 Giugno 2015, 23:03
insomma... devi avere dei clienti stra paganti per ste bestiole..
Commento # 2 di: Tedturb0 pubblicato il 04 Giugno 2015, 11:53
e anche un PC che gli fumano.. 100MP.. sono tanti eh
BenQ Monitor