Panasonic Lumix GF7: piccola mirrorless per selfie (anche a mezz'aria)

Panasonic Lumix GF7: piccola mirrorless per selfie (anche a mezz'aria)

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Ingombri e peso ridotti, sensore Micro Quattro Terzi da 16 megapixel, aspetto vintage con finitura in pelle, display ribaltabile touch: anche la nuova Panasonic Lumix GF7 si fa contagiare dalla moda dei selfie”

Selfie continua ad essere una delle parole d'ordine dell'attuale mondo della fotografia: in particolare i produttori di fotocamere sembrano molto sensibili al tema e i nuovi prodotti spesso integrano un display orientabile completamente ribaltabile in avanti per permettere ai possessori autoscatti 'non alla cieca'. Fa parte di questa schiera anche la nuova Panasonic Lumix GF7, prodotto che rivoluziona decisamente l'estetica della serie. La nuova DMC-GF7, infatti, prende il filone della nostalgia vintage e si veste di un corpo con richiami retrò.

La livrea bicolore argento/nero, con finitura in finta pelle, va incontro agli attuali gusti del mercato, così come le forme e la foggia di ghiere e pulsanti. Si tratta di un prodotto dagli ingombri davvero ridotti, con un profilo anteriore che però trae in inganno: la protuberanza che sembra nascondere un mirino in realtà cela un flash e dietro a esso il meccanismo di snodo per ribaltare il display. Quest'ultimo ha diagonale di 3 pollici, 1,040k punti di risoluzione e supporto touchscreen.

Il cuore della fotocamera è il sensore Live-MOS Micro Quattro Terzi da 16 megapixel associato al processore Venus Engine, la stessa soluzione adottata da GM1/GM5: si caratterizza per il sistema autofocus a contrasto con lettura a 240fps e per la sensibilità massima pari a 25.600 ISO. Non manca poi il supporto ai video Full HD 60p in formato AVCHD o MP4. Tra i dati di targa troviamo anche la presenza della connettività Wi-Fi con supporto NFC per una connessione rapida a smartphone e tablet: tra le funzionalità avanzate permesse dallo scatto remoto via Wi-Fi abbiamo la modalità Jump Snap che, tenendo il telefono in mano o in tasca, utilizza i suoi accelerometri per rilevare il punto più alto di un salto e attivare in quel momento l'otturatore della macchina, per creare degli autoscatti a mezz'aria. La raffica si attesta a 5,8 fps (5 con autofocus continuo), ma può arrivare a 40 fps se viene utilizzato l'otturatore elettronico. In kit con l'ottica Lumix G Vario 12-32mm F3.5-5.6 dovrebbe essere proposta a €499.


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: roccia1234 pubblicato il 20 Gennaio 2015, 12:30
La raffica si attesta a 5,8 fps (5 con autofocus continuo), ma può arrivare a 40 fps se viene utilizzato l'otturatore elettronico.


Ecco, come se gli esempi precedenti non fossero sufficienti, l'ennesima dimostrazione che specchio e otturatori meccanici hanno fatto il loro tempo.

Le top di gamma reflex da migliaia di euro sono bloccate intorno ai 10 fps (sono arrivate a 14 con blocco specchio, un limite notevole) da anni, ed ecco che la mirrorless entry level che costa 1/10 tira fuori un 40 fps, con otturatore elettronico. Un video praticamente. E pure fluido.

Utili? Inutili? Vedremo, ma fatto sta che queste mirrorless stanno sempre più guadagnando terreno sulle reflex, con specchio e otturatori meccanici.
Commento # 2 di: demon77 pubblicato il 20 Gennaio 2015, 12:31
La macchina è molto carina ma l'ottica in bundle onestamente mi delunde un pochino per la luminosità..
essendo un micro 4/3 e quindi con superficie inferiore al regolare APS-C mi sare iaspettato una apertura massima superiore.. 2,8 almeno.
Commento # 3 di: demon77 pubblicato il 20 Gennaio 2015, 12:36
Originariamente inviato da: roccia1234
Utili? Inutili? Vedremo, ma fatto sta che queste mirrorless stanno sempre più guadagnando terreno sulle reflex, con specchio e otturatori meccanici.


Sono d'accordo.
Penso che tra qualche anno "mirrorless" sarà la regola.. non farà piacere agli affezionati del sitema tradizionale che avranno un ventaglio di scelta drasticamente ridotto..

Io personalmete non ne faccio una tragedia, se il risultato è garantito e il mirino elettronico efficace non vedo il problema.
Commento # 4 di: Rubberick pubblicato il 20 Gennaio 2015, 12:40
Originariamente inviato da: demon77
Sono d'accordo.
Penso che tra qualche anno "mirrorless" sarà la regola.. non farà piacere agli affezionati del sitema tradizionale che avranno un ventaglio di scelta drasticamente ridotto..

Io personalmete non ne faccio una tragedia, se il risultato è garantito e il mirino elettronico efficace non vedo il problema.


invero penso che converrà produrre macchine di formato grande come al solito ma con sistema mirrorless

e lo spazio in +? e beh tranquillo che se uno mi da spazio extra avoglia ad elettronica e altro che ci posso mettere su

certo non butti lenti storiche costosissime giusto così for fun
Commento # 5 di: roccia1234 pubblicato il 20 Gennaio 2015, 12:55
Originariamente inviato da: demon77
Sono d'accordo.
Penso che tra qualche anno "mirrorless" sarà la regola.. non farà piacere agli affezionati del sitema tradizionale che avranno un ventaglio di scelta drasticamente ridotto..

Io personalmete non ne faccio una tragedia, se il risultato è garantito e il mirino elettronico efficace non vedo il problema.


Sinceramente il mirino ottico è un piacere da usare.
Però se sto fotografando digitale e ho la possibilità di vedere, già a mirino (elettronico ovviamente), quale sarà il risultato... ben venga!!
Perchè se ho una macchina fotografica, mi interessa quello che impressionerò sul sensore, non quello che vedo in quel momento attraverso il mirino. O meglio, mi interessa, ma con il fine ultimo di comporre ed impressionare correttamente il sensore.
Se mi interessasse solo quello che vedo, mi sarei comprato un binocolo.

Il sistema tradizionale ha senso con la pellicola, dove non puoi, per forza di cose, avere un'anteprima "live" del risultato, quindi in quel caso ben vengano specchi, pentaprismi e mirini a pozzetto.

Originariamente inviato da: Rubberick
invero penso che converrà produrre macchine di formato grande come al solito ma con sistema mirrorless

e lo spazio in +? e beh tranquillo che se uno mi da spazio extra avoglia ad elettronica e altro che ci posso mettere su

certo non butti lenti storiche costosissime giusto così for fun


Ma mirrorless non deve per forza essere compatta e a tiraggio ridotto.
Canon e nikon potrebbero benissimo mantenere il formato attuale dei corpi macchina e le baionette attuali, levare specchio, otturatore meccanico e pentaprisma e sostituirli con un mirino elettronico. Nessuna perdita di retrocompatibilità.
Ad esempio, imho, una entry level così potebbero già farla. Un mirino elettronico di ultima generazione è infinitamente meglio di quei pentaspecchi ridicoli (microscopici e buissimi), inoltre i sensori con AF a fase integrato imho possono tranquillamente tenere botta con i sistemi AF dedicati che montano su quelle macchine.

Le lenti compatte? Non essendoci specchio, si possono costruire lenti che, in parte, entrano nella baionetta, così, esternamente, avresti poco più di un pancake.
Commento # 6 di: demon77 pubblicato il 20 Gennaio 2015, 13:53
Originariamente inviato da: Rubberick
invero penso che converrà produrre macchine di formato grande come al solito ma con sistema mirrorless

e lo spazio in +? e beh tranquillo che se uno mi da spazio extra avoglia ad elettronica e altro che ci posso mettere su

certo non butti lenti storiche costosissime giusto così for fun


Ma certo.
Con tutta probabilità le attuali DSLR perderanno il meccanismo interno meccanico, lo specchio ed il pentaprisma ma manterranno le dimensioni generose per questioni di ergonomia e sopratuto le varie distanze tra ottica e sensore.
Altrimenti sai le proteste di piazza di tutti quelli che hanno qualche decina di migliaia di euro in parco ottiche!
Commento # 7 di: torgianf pubblicato il 20 Gennaio 2015, 14:23
Originariamente inviato da: demon77
La macchina è molto carina ma l'ottica in bundle onestamente mi delunde un pochino per la luminosità..
essendo un micro 4/3 e quindi con superficie inferiore al regolare APS-C mi sare iaspettato una apertura massima superiore.. 2,8 almeno.


ci sono gli zoom f2.8 per m4/3, davanti ad una gf7 fanno semplicemente ridere, diverso il discorso per gh4 o em1
Commento # 8 di: demon77 pubblicato il 20 Gennaio 2015, 14:35
Originariamente inviato da: torgianf
ci sono gli zoom f2.8 per m4/3, davanti ad una gf7 fanno semplicemente ridere, diverso il discorso per gh4 o em1


Se è per un discorso di prezzo dell'ottica rispetto al corpo macchina ok.
Altrimenti non vedo perchè dovrebbe far ridere..
Commento # 9 di: torgianf pubblicato il 20 Gennaio 2015, 14:44
perche' un 2.8 rimane sempre 2.8 e per costruirlo ci vogliono schemi ottici e vetri che ne aumentano comunque le dimensioni e i pesi..... non e' che perche' e' per m4/3 allora facciamo tutte le ottiche da 2.8 in poi.

p.s.

davanti alla gf7 ci sta da dio un bel panaleica 15mm f1.7, via lo zoom cesso ed ecco l' arma definitiva da tenere nella tasca del giubbotto
Commento # 10 di: bob.malone pubblicato il 20 Gennaio 2015, 15:29
e soprattutto offrire uno zoom in kit con quelle caratteristiche su una macchina entry level la collocherebbe ad un prezzo completamente fuori mercato secondo me, visto poi che è una macchina anche senza mirino ottico chi cerca qualcosa di più professionale credo si dovrà rivolgere altrove.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor