Panasonic e Sony al lavoro su fotocamere pro con supporto video 4K

Panasonic e Sony al lavoro su fotocamere pro con supporto video 4K

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Canon ha aperto il campo con EOS 1D-C, ma a breve il mercato delle fotocamere con supporto video 4K/UltraHD sarà popolato: Sony e Panasonic sono al lavoro sulle proprie proposte”

È relativamente poco che i video Full HD popolano in lungo e in largo il mercato delle fotocamere (reflex, mirrorless e compatte), ma già il prossimo passo evolutivo fa capolino nel mercato. UltraHD o 4K sono le parole d'ordine del momento in ambito video e le risoluzioni 4 volte maggiori del 1080p stanno cominciando a sconfinare dal settore delle videocamere professionali ai prodotti ibridi, come le fotocamere con spiccata vocazione video.

Canon EOS 1D-C è il prodotto che ha aperto la via allo sbarco dell'Ultra HD sulle reflex, ma la concorrenza non sta a guardare ed è pronta a mettere sul piatto le proprie proposte. In ambito video i due nomi che più hanno presentato proposte 4K nell'ultimo periodo sono i nipponici Sony e Panasonic ed entrambi i marchi orientali sono, stando alle indiscrezioni, al lavoro per reflex/mirrorless dotate di supporto video 4K.

Negli scorsi giorni, a margine della presentazione delle nuove mirrorless full frame Sony Alpha A7/A7r, Sony ha detto di avere altro in serbo, lasciando intendere che il prodotto andrà a posizionarsi al top della gamma. I bene informati sono riusciti a strappare qualche dettaglio in più e dicono che le nuove fotocamere saranno ben due: una simil-reflex dalla vocazione sportiva e una maggiormente specializzata in ambito video, proprio grazie al supporto 4K.

Il rumor di oggi, pubblicato da EOSHD, generalmente poco propenso a inseguire notizie poco fondate, parla invece di Panasonic Lumix GH4: non semplicemente l'erede di GH3, ma un prodotto che si posizionerà a quasi tremila dollari di listino ma che offrirà riprese 4K/24/25/30fps, sensore da 16 megapixel, campionamento 4:2:2 a 10bit (probabilmente con codec AVC Ultra), con opzioni 200Mbit MP4 ALL-I e 100Mbit IPB. Si tratta di un prodotto che punta a stuzzicare il pubblico professionale appassionato di Panasonic che in questo momento sta guardando con interesse una reflex come Canon EOS 1D-C.

Lumix GH3 vedrà poi la sua erede in GH5, con il consueto 'salto' del numero 4 che, per ragioni di scaramanzia, non viene utilizzato dai giapponesi di Panasonic. In questo caso però la tentazione, vista la sovrapposizione tra GH4 e 4K, deve essere stata troppo forte.


Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: AleLinuxBSD pubblicato il 23 Ottobre 2013, 19:46
Io mi auguro che non dimentichino risoluzioni intermedie, come i 2K ma, soprattutto, prevedano il supporto del raw a partire dal fullHD. Questo si che sarebbe qualcosa di molto interessante.
L'eventuale maggiore risoluzione, spinta tanto dai produttori per cercare di vendere nuove periferiche, potrebbe servire principalmente per potere avere più margine di manovra al livello dei singoli fotogrammi ma qui rientrano altre problematiche delle altissime risoluzioni che:
- richiedono potenza computazionale molto elevata (per il raw)
- enormi spazi per la memoria di massa
Commento # 2 di: crespo80 pubblicato il 23 Ottobre 2013, 20:48
ehm, veramente il 2K (termine improprio) c'è già, si chiama FullHD ed infatti è l'attuale 1920x1080
La confusione nasce dal fatto che hanno voluto chiamare 4K lo standard "del futuro" perchè le prime macchine da presa digitale professionali da cinema avevano appunto una risoluzione di più di quattromila pixel orizzontali, ma in seguito è stata standardizzata nel mercato consumer la risoluzione QuadHD (o SuperHD) che prevede appunto il semplice raddoppio di altezza e altezza rispetto al FullHD, e ciò ha abbassato la risoluzione sotto i quattromila, a 3840x2160.
Quindi in mezzo al momento non ci sta niente, a meno che non tirino fuori una qualche 3K 2880x1620 ma ormai si va a vele spiegate verso il 4K anche sui cellulari quindi non credo che se ne escano con nulla di simle
Commento # 3 di: Octavarium pubblicato il 23 Ottobre 2013, 21:51
beh in realtà i 2K sono 2048×1080 ( risoluzione utilizzata nelle sale cinematografiche )

cmq quello che hai scritto non cambia :-D
Commento # 4 di: AleLinuxBSD pubblicato il 23 Ottobre 2013, 22:04
Si avrei dovuto specificare:
2.5K
Blackmagic Cinema Camera è un'esempio di prodotto in grado di gestire questa risoluzione.

Per me questo aumento di risoluzioni è solo una forzatura mentre è certo l'aumento della quantità di dati da elaborare senza sostanziali benefici.
Da un lato nei dispositivi mobili, con i loro schermi necessariamente minuscoli, per motivi di portabilità, rispetto al fullHD, non cambia niente, mentre dall'altro lato, nel caso di dispositivi di più grandi dimensioni, cioè monitor, a parte imporre di comprare nuove periferiche, non è possibile apprezzare i miglioramenti senza porsi a sufficiente distanza e per display sufficientemente grandi.
BenQ Monitor