Nuove tasse per le foto-videocamere dalla UE

Nuove tasse per le foto-videocamere dalla UE

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Secondo il nuovo regolamento le fotocamere in grado di riprendere filmati andranno incontro a una maggiore tassazione”

Da quello che si evince dal comunicato stampa rilasciato dalla CIPA (Camera & Imaging Products Association) il braccio di ferro che c'è stato negli ultimi due anni tra l'associazione, che raccoglie i produttori nipponici di foto/video-camere, e l'Unione Europea è stato molto duro.

Il risulto delle trattative, sfociato in un documento ufficiale dell'Unione Europea che mira a dare nuove regolamentazioni per quanto riguarda il mondo delle videocamere, poteva essere più penalizzante per i consumatori.

Secondo il nuovo regolamento tutte le fotocamere digitali (still camera) capaci di registrare filmati di risoluzione maggiore di 800x600 pixel, a più di 23 frame al secondo e per un tempo ininterrotto maggiore a 30 minuti, vengono classificate come videocamere, con conseguente diverso trattamento fiscale. Le videocamere infatti 'pagano' più tasse rispetto alle fotocamere.

Dalle trattative portate avanti dalla CIPA si è ottenuto che i tre requisiti debano essere soddisfatti simultaneamente per far scattare il cambio di categoria. Questo non solo dovrebbe restringere il campo dei prodotti (anche se ormai gran parte delle fotocamere in arrivo sul mercato rientrano i tutti i tre i parametri), ma dovrebbe anche mettere al riparo dalla tassazione retroattiva dei prodotti venduti negli ultimi tre anni, come chiesto dall'Unione Europea.

Il comunicato stampa dell'associazione dei produttori nipponici si chiude con le seguenti parole:'Arbitrary and unilateral tariff classification having been executed by the EU authorities for the products eligible for the ITA is infringement of the ITA. Thus, the CIPA will continue to make claims for the invalidity of the relevant action similar to this case in the trade area from now on so that other IT products will not be affected by such action'.

Pare dunque che la CIPA abbia considerato la mossa dell'Unione Euopea come un atto unilaterale e intenda continuare a lottare per 'ammorbidire' il regolamento. Una riflessione: la capacità di registrare filmati è stato uno dei forti driver di mercato che hanno trainato le vendite di fotocamere nell'ultimo periodo, da una parte sembra che l'Unione Europea voglia penalizzare questa spinta che dopotutto ha portato a un'espansione del mercato.

Dall'altra parte bisogna considerare che il regime fiscale precendente da un certo punto di vista penalizza i produttori di dispositivi marchiati come video camere, che vedono una folta concorenza fi fotocamere e offrire apparecchi con caratteristiche simili a prezzi inferiori potendo contare su una tassazione più bassa. La vicenda non sembra in ogni caso finita, staremo a vedere quali sviluppi seguirà.


Commenti (47)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: danyroma80 pubblicato il 04 Ottobre 2007, 11:16
e quindi come tradizione italiana, verrà applicata la tassa sopra la tassa
Commento # 2 di: Paganetor pubblicato il 04 Ottobre 2007, 11:17
e che palle! noi ci lamentiamo della SIAE, am anche questi non scherzano!

per fortuna che "risoluzione maggiore di 800x600 pixel, a più di 23 frame al secondo e per un tempo ininterrotto maggiore a 30 minuti" sono requisiti piuttosto elevati, dubito che molte compatte riescano a lavorare così...

PS: reflex forever
Commento # 3 di: Haran Banjo pubblicato il 04 Ottobre 2007, 11:17
E la tassazione sull'aria che respiriamo a quando?
Commento # 4 di: Crisa... pubblicato il 04 Ottobre 2007, 11:25
gia mi vedo degli aggiornamenti firmware per fare video massimo di 29 minuti
Commento # 5 di: MiKeLezZ pubblicato il 04 Ottobre 2007, 11:26
Adesso mi auguro non "downgradino" le fotocamere.
Quella di poter esser anche videocamere è una delle funzionalità migliori
Commento # 6 di: Ombra77 pubblicato il 04 Ottobre 2007, 11:27
c'è la tassazione persino sulle scoreggie.. le quali contribuiscono all'effetto serra, i valori di co2 vanno alle stelle e tu devi comprare auto euro4 .
Ma è assolutamente normale che avremo tasse su tasse e ritasse sullo stesso oggetto, tanto ci sono sempre i pecoroni che comprano.
Sento tanto parlare in giro "boicotta qua, boicotta la" e poi niente...
ce le meritiamo tutte queste tasse ed è giusto così, perchè se veramente volessimo dimostrare il nostro dissenso basterebbe NON comprare, poi vedi come svendono la roba che giace in magazzino a prezzi decenti.
Commento # 7 di: GabrySP pubblicato il 04 Ottobre 2007, 11:30
Siamo alle solite

La UE si diverte a tassare qualsiasi prodotto che non sia realizzato da aziende europee e/o multare aziende che tanto per cambiare non sono europee....................che casualità.

Questa insulsa tassa fa il paio con quella geniale che tassa in modo esorbitante i monitor LCD con diagonale da 20" in su con porta DVI ......col risultato che in solo in Europa ci ritroviamo con LCD con la sola porta VGA ..........neanche in Burundi

Dato che questa multa era nell'aria da parecchi mesi, le aziende asiatiche hanno già castrato a dovere le loro macchie fotografiche per il mercato europeo

Grazie UE !!! Come al solito pagheremo di più per avere di meno
Commento # 8 di: mucomas pubblicato il 04 Ottobre 2007, 11:38
presto me ne vado

e poi mi chiedono perchè mi sto costruendo una seconda casa fuori dall'UE quando tutti i paesi ci vogliono entrare.... ma andate a cagare tutti, tanto quanto credete durerà la pace in europa??? la storia ci insegna che abbiamo già superato il record di anni senza guerra( intendo quella seria ). Bel futuro per i nostri figli....belle prospettive....sinceramente mi sa che sarà dura, mooolto dura!!!!
Commento # 9 di: magilvia pubblicato il 04 Ottobre 2007, 11:50
Sinceramente a me sembra corretto che una fotocamera che fa anche videocamera piuttosto avanzata, paghi le tasse come tutte le altre videocamere, altrimenti come si dice nell'articolo si viene a creare una situazione sfavorevole per queste ultime...
Commento # 10 di: Paganetor pubblicato il 04 Ottobre 2007, 11:53
sì, ma il concetto fondamentale è: perchè una videocamera deve pagare maggiori tasse rispetto ad altri beni?
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor