Noleggiare uno degli Zeiss F0.7 progettati per la NASA ed utilizzati da Kubrick? È possibile

Noleggiare uno degli Zeiss F0.7 progettati per la NASA ed utilizzati da Kubrick? È possibile

di Michele Tarantini, pubblicata il

“La società tedesca P+S Technik ha modificato una cinepresa PS-Cam X35 HD per accogliere i famosi focale fissa Zeiss superluminosi, tra cui un 50mm f/0,7 utilizzati anche da Kubrick per le riprese a lume di candela di Barry Lyndon ”

Se è vero com'è vero che molti amanti della tecnologia perdono spesso di vista il fine per il quale questa viene sviluppata e che diversi puristi della creatività snobbano la tecnica in nome di qualche sorta di superiorità morale, è altrettanto vero che quando a fare da trait d'union tra i due mondi è un genio assoluto come Stanley Kubrick ogni diatriba viene solitamente sopita in nome del risultato ottenuto. È il caso ad esempio dei mitici focale fissa Zeiss F0.7 utilizzati dal cineasta statunitense per la realizzazione delle sequenze a lume di candela del film Barry Lyndon.


un fermo immagine di una delle sequenze di Barry Lyndon registrata a lume di candela

Commissionati alla Zeiss dalla NASA negli anni '60 per permettere agli astronauti delle missioni Apollo di catturare "the dark side of the Moon", tre dei dieci Carl Zeiss F0.7 prodotti furono acquistati da Kubrick per poter rendere nella maniera più autentica possibile le atmosfere tipiche dei salotti inglesi del '700, illuminati solamente dalla luce delle candele. Il regista, sempre molto attento alla tecnica (le pellicole di Barry Lyndon vennero distribuite assieme ad un libretto per proiezionisti curato da Kubrick con precise informazioni riguardo alle modalità dalla proiezione del film come luminosità, formato e durata degli intervalli), fece modificare appositamente le Mitchell BNC impiegate per le riprese pur di utilizzare le ottiche superluminose.

Interessante anche la storia che portò alla realizzazione di queste ottiche: commissionate dalla NASA, furono sviluppate dai progettisti della Zeiss partendo dagli schemi di obiettivi superluminosi destinati a visori notturni con tubo catodico realizzati durante la Seconda Guerra Mondiale per diversi sistemi d'arma dell'esercito nazista.


un esempio di girato con una delle ottiche Carl Zeiss F0.7

Ora la società tedesca P+S Technik, in possesso di alcuni esemplari delle ottiche in questione, ha modificato una cinepresa PS-Cam X35 HD per poter accogliere i famosi focale fissa Carl Zeiss F0.7. Per chi fosse interessato il prezzo del noleggio delle ottiche è solamente su rischiesta ma, tanto per avere un'idea, la sola cinepresa viene concessa per €750 al giorno.


Commenti (15)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: franzing pubblicato il 28 Agosto 2013, 09:08
F0,7 uaz
Commento # 2 di: Opteranium pubblicato il 28 Agosto 2013, 09:11
domanda semiseria.. ma una F/0,7 vorrebbe dire che passi più luce di quanta ne entri...??
Commento # 3 di: Raghnar-The coWolf- pubblicato il 28 Agosto 2013, 09:12
Originariamente inviato da: Opteranium
domanda semiseria.. ma una F/0,7 vorrebbe dire che passi più luce di quanta ne entri...??


Come sarebbe possibile?

Vuol dire solo che il diametro efficace della lente e' superiore alla lunghezza focale.
Commento # 4 di: frankie pubblicato il 28 Agosto 2013, 09:29

Per completezza quell'ottica è una versione finale basata su diversi prototipi precedenti (come il 70mm f1.0). In realtà lo schema ottico è un classico gauss (come praticamente tutti i 50mm fissi) iperluminoso da 100mm con un moltiplicatore invertito.

La risultante finale è si un 50mm f0.7 ma dal tiraggio prossimo allo zero. Ecco perchè è già montato su una cinepresa, anche la cinepresa originale è stata modificata per adattare un ottica la cui lente posteriore è quasi a contatto con la pellicola.

Questo spiega anche perchè ad oggi non ci sono obiettivi x reflex con luminosità simili, il problema è sempre lo stesso: il tiraggio.

PS se cercate uno zeiss 40mm f0.33, è vero meccanicamente, ma otticamente è un fake.
Commento # 5 di: fgpx78 pubblicato il 28 Agosto 2013, 09:37
Domanda seria, per i più esperti: chi è la stragnocca nel video????
Commento # 6 di: SuperMariano81 pubblicato il 28 Agosto 2013, 10:15
Teoricamente su mirrorless si dovrebbe risolvere (almeno in parte) il problema del tiraggio.
Se guardate ottiche prime come 85LII 1.2 o 50L f/1.0 la lente posteriore è a filo dei contatti
Commento # 7 di: frankie pubblicato il 28 Agosto 2013, 10:22
http://it.wikipedia.org/wiki/Barry_Lyndon

l'apertura di un obiettivo è espressa come rapporto fisico tra l'apertura numerica e il diframma, quindi può avere valori <1

Per un po' di storia sui gauss:
http://en.wikipedia.org/wiki/Double-Gauss_lens
Commento # 8 di: Opteranium pubblicato il 28 Agosto 2013, 11:37
Originariamente inviato da: Raghnar-The coWolf-
Vuol dire solo che il diametro efficace della lente e' superiore alla lunghezza focale.

infatti era semiseria grazie per la precisazione!
Commento # 9 di: smartiz pubblicato il 28 Agosto 2013, 19:17
Scusate, domanda da profano:

Ma....con le tecniche di oggi non e' possibile costruire niente di analogo, se non migliore ?????
Commento # 10 di: frankie pubblicato il 28 Agosto 2013, 21:40
Originariamente inviato da: smartiz
Scusate, domanda da profano:

Ma....con le tecniche di oggi non e' possibile costruire niente di analogo, se non migliore ?????


Ni:
La definizione di quell'obiettivo non era ai livelli attuali, basta vedere il flare intorno alle luci. In quel caso si è sacrificata la definizione in favore dell'apertura. Caso simile al canon 50mm f.1.0 più luminoso ma meno nitido del 50 1.2.
Ad oggi i due superluminosi sono il noctilux 50mm f.0.95 e il nokton 24mm f.0.95, che guarda caso sono entrambi per fotocamere con tiraggio corto. Nulla vieta di svilupparne di migliori, secondo me è possibile, ma la realtà è che i fissi normali han perso di mercato poichè gli zoom hanno invaso la fascia bassa e media. Ne è una controprova lo zoom 18-35 f1.8 della sigma e brevettato anche da canon con una focale leggermente più lunga. Complici anche i sensori più efficaci ad alti iso.

Certo su una mirrorless aps-c o meno realizzare un f<1.0 è molto più facile che in passato su un 35mm. Ma lo venderebbero?
Il 24mm f0.95 sta sui 1000$, chissà uno più lumnoso su una non reflex.
Serve chi lo compra, in passato si chiamava NASA ed ora?
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor