Nikon: i cellulari non sono una minaccia per il nostro business

Nikon: i cellulari non sono una minaccia per il nostro business

di Roberto Colombo, pubblicata il

“I cellulari non solo non sono un pericolo per il mercato delle fotocamere, ma anzi contribuiscono a costruire la cultura fotografica: questo il parere di Nikon. Anche Facebook aiuta inoltre a vedere fotocamere reflex.”

Negli ultimi anni la diatriba che vede contrapposto chi crede che i cellulari possano erodere quote di mercato alle fotocamere e chi la pensa in modo opposto è sempre stata attiva, con dei picchi in occasione del lancio di qualche terminale equipaggiato con moduli fotografici di spicco. A questo proposito è interessante il parere di Nikon, che non vede nei cellulari un pericolo per il suo business.

A dirlo è Masanobu Tsunoda, managing director di Nikon Malaysia e Singapore. L'esponente di Nikon è convinto che l'esperienza di scatto coi cellulari, non ancora del tutto soddisfacente per ritardi nello scatto alla pressione del pulsante e per la resa finale delle immagini, rappresenti ancora un gap difficile da colmare tra i cellulari e le fotocamere. Anzi la diffusione della consuetudine di scattare foto con il cellulare è un contributo positivo alla cultura fotografica: da una lato rappresentano la porta di ingresso al mondo della fotografia per molti utenti, dall'altro li spingono alla ricerca di qualcosa di più performante (una fotocamera vera e propria) per superare i limiti di telefonini e smartphone.

Partendo da questa considerazione Nikon considera quindi i cellulari 'amici' del suo business. Un'altra voce in Nikon Malaysia ha anche dichiarato che il fenomeno Facebook, nonostante veda nell'upload diretto di foto da cellulari una delle feature più utilizzate, abbia aiutato a sostenere le vendite di fotocamere reflex.


Commenti (28)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 13 Giugno 2011, 12:05
Beh, secondo me i cellulari una certa pericolosità per il mercato delle compattine ce l'hanno e come!

Non è una cosa bella perchè sono il primo ad affermare che un cell, per quanto bello, fatica a stare al livello qualitativo di una qualsiasi dozzinale compattina.
Va però tenuto presente che chi va a comprarsi copattine del cacchio per fare foto a c@zzo di certo è felice anche a fare le foto col cell se ne ha uno un po' figo..
In più il cell ce l'hai sempre in tasca.

Quindi io penso che pian piano il mercato si dividerà in due: da una parte cellulari e dall'altra fotocamere compatte "di alto livello", evil e reflex.

Categoria estinta: compattine di basso livello.

Beh.. alla fine ci può stare..
Commento # 2 di: aled1974 pubblicato il 13 Giugno 2011, 12:20
concordo, smettete di fare "fotocamere" da fustino dixan con qualità paragonabile a quella dei cellulari e vedrete che il vostro business non verrà più intaccato. Ragionamento esteso anche agli altri marchi sul mercato

ciao ciao
Commento # 3 di: avvelenato pubblicato il 13 Giugno 2011, 12:23
Però pensandoci bene i cellulari van sempre più nella direzione di erodere quote alle compatte.
E ciò nulla togliendo all'indubbia superiore qualità della stragrande maggioranza delle stesse: però la considerazione pratica è che, tra portarsi dietro uno smartphone, già di suo ingombrante, e portarsi dietro uno smartphone e una fotocamera, passa veramente la voglia di portarsi la seconda. Specie se la differenza di qualità non è così marcata.
Specie se si prende la mano con le funzioni aggiuntive di cui gli smartphone sono dotati, e non tutte le fotocamere invece hanno, dal geotagging all'orientamento automatico per dire le cose più banali di cui però sentono il vantaggio, se non il bisogno, tutti; per arrivare a funzioni più avanzate come l'editing in diretta, l'hdr su scatto multiplo, i panorama tramite stitching, l'invio diretto ai social network, e potrei andare avanti ancora, ma sarebbe inutile al ragionamento.
Quello che dico è che quando uno si vuol portare una compatta appresso, a questo punto non può più mettersela in tasca, che è già occupata dallo smartphone.

Allora tanto vale comprarsi una macchina un po' più grande ma col delta-qualità maggiore, da portarsi in giro solo in quelle occasioni in cui val davvero la pena far scatti con una certa qualità, tipo vacanze; se il mercato mi darà ragione vedremo una tendenza all'ingrossamento delle fotocamere punta-e-clicca.

Quel che dico è che secondo me, Nikon e anche Canon nel breve periodo non hanno nulla da temere, anche perché il loro business è più orientato alle reflex; ma con la crescente diffusione di smartphone dalla qualità fotografica sufficiente a non far rimpiangere una compatta, le case produttrici farebbero bene a focalizzare la loro attenzione su macchine leggermente più grandi delle compatte, tipo le evil.
Riuscire a fare delle mirrorless "quasi compatte", e con un obiettivo general-purpouse incluso, dotata possibilmente di opzioni base tipo quelle descritte sopra (geotagging, connettività wireless, ecc.), il tutto a un prezzo accessibile, potrebbe essere la via per sfondare nel mercato, ovvero per evitare di affondare nell'inevitabile calo di vendite di compatte e ultracompatte che secondo me avverrà tra quest'anno e i prossimi.
Commento # 4 di: the_joe pubblicato il 13 Giugno 2011, 12:25
Originariamente inviato da: aled1974
concordo, smettete di fare "fotocamere" da fustino dixan con qualità paragonabile a quella dei cellulari e vedrete che il vostro business non verrà più intaccato. Ragionamento esteso anche agli altri marchi sul mercato

ciao ciao


Di chi stai parlando?????

E poi, una compattina con qualità da cellulare (ammesso che ne esistano) costa 65€, un cellulare con fotocamera di qualità paragonabile alla compattina da 65€ quanto costa?????

Di certo il cellulare da 100€ con fotocamera da 3Mp dal lato fotocamera fa foto peggiori della calcolatrice che ho accanto alla tastiera del mio pc.....
Commento # 5 di: gd350turbo pubblicato il 13 Giugno 2011, 12:37
Si i cellulari vanno bene per chi ogni passo che fa, scatta una foto e la manda su facebook...
In questi casi la parola qualità non assume alcun significato, solo che si capisca più o meno qualcosa nella foto, va bene...
Ad esempio il Samsung galaxy 19000 non ha il flash...
Che foto volete fare senza flash ?
Altri tipo il mio hanno un led bianco che funge da flash, anche questo vi lascio immaginare le foto che fa...
Solo il nokia N8 ha un piccolo flash allo xenon...
Quindi se si vuole superare lo step facebook, il cellulare mostra ampiamente i suoi limiti...
E quindi ha senso proporre compattine da quel livello di qualità in poi...
Commento # 6 di: demon77 pubblicato il 13 Giugno 2011, 12:46
Originariamente inviato da: the_joe
E poi, una compattina con qualità da cellulare (ammesso che ne esistano) costa 65€, un cellulare con fotocamera di qualità paragonabile alla compattina da 65€ quanto costa?????

Di certo il cellulare da 100€ con fotocamera da 3Mp dal lato fotocamera fa foto peggiori della calcolatrice che ho accanto alla tastiera del mio pc.....


Assolutamente vero però ti ricordo che siamo in un range di pubblico che non ha il minimo criterio o attenzione alla qualità della foto, per loro un foto da cellulare vale tanto quanto una compattina: "otto megapiccsel sono otto megapiccsel"

A carico ulteriore devi tenere presente due questioni di grossa importanza:
Il cell lo hai in tasca sempre, molti partono già dal criterio "ho il cellulare, inutile comprare una macchina fotografica".

In secondo luogo molti si prendono il cellulare figo per una vascata di motivi (condivisibli o meno) e si trovano ad avere ANCHE la fotocamera, non viceversa.
Commento # 7 di: mantelvaviz pubblicato il 13 Giugno 2011, 12:48
concordo con il discorso del "delta" di qualità: il cellulare è un dispositivo che farà sempre (salvo eccezioni particolari) foto di qualità inferiore ad una compattina, però il salto di qualità cellulare>compatta raramente è così marcato come quello compatta>reflex

e il cellulare ha un indubbio vantaggio sulla compatta: è sempre con te ed ha connettività verso internet per fruizione immediata delle immagini

concordo anche col fatto che questo difficilmente danneggerà il business di nikon, perchè per ogni utente che rinuncia alla compatta in favore del cellulare ce ne è un altro (se non l'utente stesso di cui sopra) che investe in una reflex (magari anche solo entry level) per avere un vantaggio qualitativo maggiore rispetto alla semplice compatta

insomma: io il boom di diffusione delle reflex lo vedo, lo tocco con mano, ed allo stesso tempo l'evidente diffusione di camere di sempre più accettabile qualità sui cellulari

le compatte avranno vita sempre più dura, le reflex saranno sempre più diffuse

il tutto sempre secondo la mia modesta opinione, condivisibile o meno
Commento # 8 di: gd350turbo pubblicato il 13 Giugno 2011, 12:49
Si esattamente...
Appena provano ad utilizzare la foto per qualcosa che non sia facebook, saltano fuori i limiti...
Commento # 9 di: roccia1234 pubblicato il 13 Giugno 2011, 12:55
Originariamente inviato da: mantelvaviz
concordo con il discorso del "delta" di qualità: il cellulare è un dispositivo che farà sempre (salvo eccezioni particolari) foto di qualità inferiore ad una compattina, però il salto di qualità cellulare>compatta raramente è così marcato come quello compatta>reflex

e il cellulare ha un indubbio vantaggio sulla compatta: è sempre con te ed ha connettività verso internet per fruizione immediata delle immagini

concordo anche col fatto che questo difficilmente danneggerà il business di nikon, perchè per ogni utente che rinuncia alla compatta in favore del cellulare ce ne è un altro (se non l'utente stesso di cui sopra) che investe in una reflex (magari anche solo entry level) per avere un vantaggio qualitativo maggiore rispetto alla semplice compatta

insomma: io il boom di diffusione delle reflex lo vedo, lo tocco con mano, ed allo stesso tempo l'evidente diffusione di camere di sempre più accettabile qualità sui cellulari

le compatte avranno vita sempre più dura, le reflex saranno sempre più diffuse

il tutto sempre secondo la mia modesta opinione, condivisibile o meno


Conta che esistono anche le mode... vedo una barcata di gente che si prende "la reflex" per lasciarla tutto il tempo con l'ottica kit e, passata la novità, riporla in un cassetto con 2000 foto all'attivo... quando va bene.
Commento # 10 di: roccia1234 pubblicato il 13 Giugno 2011, 12:58
Originariamente inviato da: gd350turbo
Si esattamente...
Appena provano ad utilizzare la foto per qualcosa che non sia facebook, saltano fuori i limiti...


non sempre... o meglio, la persona deve avere anche una minimissima cultura fotografica per vedere questi limiti. Molti considerano "belle" foto fuori fuoco con soggetto sovraesposto con occhi rossi e sfondo nero (il tipico risultato della flashata delle compatte).
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor