Lo "spessore" del sensore e i problemi di adattamento degli obiettivi

Lo "spessore" del sensore e i problemi di adattamento degli obiettivi

di Alberto De Bernardi, pubblicata il

“Un interessante articolo apparso su LensRental spiga perché l'accoppiamento tra vecchie ottiche e nuove reflex/mirrorless digitali può creare seri problemi di nitidezza. Necessario prestare attenzione soprattutto ai grandangolari di elevata apertura massima.”

Quanti sono tentati di adattare un obiettivo nato per un certo sistema fotografico a un altro, o pensano di recuperare vecchi obiettivi  su un moderno corpo digitale, dovrebbero dare un'occhiata a un'interessante articolo pubblicato su lensrental.com a firma del "solito" Roger Cicala.

Nel corso di alcuni test che coinvolgevano un adattatore, Roger è incappato in un serio problema di nitidezza che, dopo ulteriori indagini, si è rivelato essere imputabile alla copertura in vetro dei sensori.
In sintesi, si tratta di questo: ogni fotocamera protegge il sensore con uno strato di vetro ottico, ma lo spessore di questo vetro non è uguale per tutti i marchi, né per diversi modelli dello stesso marchio. Questo porta, in alcuni casi, a un evidente degrado qualitativo quando si utilizza un'ottica su un sistema molto diverso da quello per cui quell'ottica era stata progettata.

Il degrado qualitativo dipende da diversi fattori. In prima battuta, ovviamente, dipende dalla differenza tra gli spessori dei due sistemi - quello originale e quello di destinazione.  
Dipende poi dall'apertura del diaframma: il degrado si osserva fortunatamente solo ad aperture molto elevate, f/2.8 e oltre, e diventa di notevole entità ad aperture ancora più elevate, f/2 e oltre.
Dipende, infine, quanto l'obiettivo è telecentrico, cioè da quanto paralleli tra loro escono i raggi di luce verso il sensore. Nessun obiettivo fotografico è perfettamente telecentrico, ma quanto più ci si avvicina a questa condizione, tanto meno l'obiettivo soffrirà di degrado a causa dello spessore del vetro posto davanti al sensore.

Purtroppo, le due informazioni-chiave, cioè spessore del vetro ottico posto davanti al sensore e telecentrismo dell'ottica, espresso come distanza della pupilla di uscita, non sono normalmente disponibili. È comunque possibile fare alcune considerazioni di carattere generale basate sui dati noti.

La prima è che le reflex più diffuse, Canon e Nikon, utilizzano in molti casi vetri ottici di spessore analogo, nell'intorno dei 2mm. Esistono eccezioni - la D1x, ad esempio, sembra avesse davanti al sensore un vetro ottico di meno di 1mm di spessore. In prima approssimazione, si può comunque assumere 2mm lo spessore più diffuso per le reflex, e questo vale anche per alcune mirrorless Sony NEX. La mirrorless Fujifilm X-Pro1 sembra utilizzare un vetro da 2.5mm di spessore, ed è quindi anch'essa assimilabile alla reflex.
Leica utilizza spessori nell'intorno di 1mm, che sono i più bassi tra le fotocamere commerciali. Le fotocamere Micro 4/3 di Olympus e Panasonic utilizzano invece vetri da circa 4mm di spessore.


Due obiettivi a cui prestare attenzione: lo Zeiss 35mm f/2 Biogon e il Leica-M 28mm f/2.8 ASPH Elmarit.

Riguardo alla distanza della pupilla di uscita, diciamo in generale che i grandangolari presentano tipicamente distanze inferiori rispetto ai teleobiettivi. Anche in questo caso esistono eccezioni: il Canon TS-E 17mm ad esempio supera i 90cm, mentre gli obiettivi a cui si dovrebbe prestare più attenzione tra quelli di un certo interesse sono il Leica M 28mm f/2.8 ASPH Elmarit e il 35mm f/1.4 ASPH Summilux, i due 50mm meno luminosi (f/2.5 Summarit e f/2.0 Summicron), il Voigtlander 15mm f/4.5 Heliar M e gli Zeiss 15mm f/2.8 Biogon, 21mm f/2.8 Biogon, 35mm f/2.0 Biogon e 35mm f/2.8 Biogon. Tutti offrono, peraltro, aperture elevate.

E le ottiche progettate prima dell'avvento del digitale? Beh, tutte loro sono state progettate senza tenere conto dell'esistenza di un vetro posto prima del sensore, il che apre un intero capitolo a sé stante ...

Per quanto detto finora, e in base ai test condotti da Roger Cicala, è lecito attendersi problemi se: si utilizzano ottiche grandangolari di elevata apertura progettate per la pellicola con reflex digitali (dipende dal telecentrismo); si utilizzano vecchie ottiche reflex progettate per la pellicola con mirrorless Micro 4:3; si utilizzano ottiche grandangolari Leica M su digitali.
Se è questo il vostro caso, non date la colpa al convertitore. L'unico rimedio è chiudere il diaframma di un paio di stop.


Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Eraser|85 pubblicato il 09 Luglio 2014, 17:45
ho uno zeiss 80mm f/2.8 CF che uso principalmente su di una Canon EOS50 che, essendo a pellicola, non ha alcun problema a gestire la lente (se non una minima perdita di messa a fuoco all'infinito ma chissene per un obiettivo da ritratto..).

Sulla Nikon D60 invece è tutt'altra storia.. scarsa nitidezza, impossibilità di una corretta messa a fuoco (il punto di messa a fuoco sembra sempre un pelo più vicino di quello osservato nel viewfinder) ed alte luci con effetto "glow". Se si unisce anche l'impossibilità di lavorare in stop-down...
Commento # 2 di: roccia1234 pubblicato il 09 Luglio 2014, 17:50
Originariamente inviato da: Eraser|85
ho uno zeiss 80mm f/2.8 CF che uso principalmente su di una Canon EOS50 che, essendo a pellicola, non ha alcun problema a gestire la lente (se non una minima perdita di messa a fuoco all'infinito ma chissene per un obiettivo da ritratto..).

Sulla Nikon D60 invece è tutt'altra storia.. scarsa nitidezza, impossibilità di una corretta messa a fuoco (il punto di messa a fuoco sembra sempre un pelo più vicino di quello osservato nel viewfinder) ed alte luci con effetto "glow". Se si unisce anche l'impossibilità di lavorare in stop-down...


In realtà quello sarebbe il normale per il medio formato .

Comunque interessante la tua testimonianza, su come un'ottimo vetro da pellicola, diventi scarso su digitale... e sicuramente non per colpa dell'ottica.
Commento # 3 di: tuttodigitale pubblicato il 09 Luglio 2014, 17:56
L'articolo che avete riportato è molto interessante.


senza perdersi in inutili tecnicismi, i test di photozone fatte su ottiche progettate per un sistema sono utili per conoscere come vanno sulla propria fotocamera di un altro marchio, ma non hanno nessuna pretesa di risalire alle prestazioni originali che saranno inevitabilmente compromesse.

Spero che sia chiaro che la misura mtf fatta con il banco ottico (usato da una nota rivista) non è affidabile, almeno di non conoscere perfettamente le caratteristiche ottiche del vetrino che fa parte integrante del sensore d'immagine. Solo ponendo sulla pellicola, un vetro con qualità idonee è possibile avere una misura esatta della nitidezza di un obiettivo. Ma rimangono comunque fuori i problemi della telecentricità sconosciuti alla pellicola. Forse non è proprio un caso se Sigma con la nuova serie di ottiche per testare l'IQ usa il Foveon usato sulle sue Reflex. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
Commento # 4 di: Techie pubblicato il 10 Luglio 2014, 09:19
SMC-M 28mm f/3.5 perfetto tutto aperto
SMC-M 50mm f/1.7 perfetto tutto aperto (un po' di coma e un velo di aberrazioni ma insomma...)

O con le Pentax non ci sono particolari problemi o si parla di lenti parecchio grandangolari o a me sembra che questo tizio sia parecchio suscettibile... d'altra parte è il suo lavoro...
Su Dpreview c'era una volta un articolo (suo) allarmante sulla variabilità tra i singoli campioni di una stessa lente... roba che il 99.9% delle persone non noterà mai, nemmeno alcuni di quei pazzi che scattano tutto il giorno a mire ottiche e muri di mattoncini...
BenQ Monitor