Instagram comincia a mostrare ai primi utenti il nuovo feed basato su algoritmo

Instagram comincia a mostrare ai primi utenti il nuovo feed basato su algoritmo

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Solo ora Instagram ha iniziato a mostrare ai primi utenti il nuovo feed, non più basato su un lineare ordine cronologico, ma su algoritmi in grado di mettere in evidenza quei contenuti che potrebbero essere maggiormente graditi all'utente”

L'annuncio risale almese di marzo, ma solo ora Instagram ha iniziato a mostrare ai primi utenti il nuovo feed, non più basato su un lineare ordine cronologico, ma su algoritmi in grado di mettere in evidenza quei contenuti che potrebbero essere maggiormente graditi all'utente. Si tratta di un approccio abbastanza scontato per un marchio che fa parte dell'universo di Facebook, colosso che basa parte del suo successo (soprattutto commerciale) proprio sui suoi algoritmi. Per un certo verso è anche la risposta alla domanda "Come può monetizzare il suo successo Instagram?". Assumendo il controllo del feed degli utenti, al pari di quanto fatto da Facebook, Instagram potrà rendersi più appetibile anche per gli inserzionisti, cercando nel contempo di risultare anche più utile e fruibile dagli utenti. Instagram aveva dichiarato che secondo le sue stime ogni utente perde circa il 70% dei contenuti del flusso di foto delle persone che segue e che il nuovo modello dovrebbe aiutare a non perdere quelli più importanti tra essi.

Mettendo in evidenza i contenuti a maggiore probabilità di gradimento, Instagram punta sicuramente anche a allungare il tempo di permanenza degli utenti sull'app (parametro fondamentale per le metriche odierne), evitando quel rimbalzo in uscita che si ha ogni volta che l'utente trova due o tre contenuti di scarso interesse scorrendo il flusso delle foto degli Instagrammes che segue. Al momento dell'annuncio a marzo era immediatamente scattata la petizione su change.org per chiedere a Instagram di cambiare idea e non modificare il modo con cui vengono ordinati i contenuti: la petizione ha raccolto più di 160mila firme, un numero che negli uffici di Facebook deve essere sembrato irrisorio rispetto alle cifre fatte registrare dalle sue piattaforme.

Instagram metterà in primo piano i contenuti dei profili che seguiamo con maggiore interazione, quelli a cui mettiamo molti mi piace, a cui aggiungiamo commenti e quelli dei nostri migliori amici. La compagnia aveva specificato che nessun contenuto verrà nascosto e che dopo quelli messi in evidenza si potrà continuare a scorrere il flusso delle foto nella classica modalità basata su ordine cronologico.


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: illidan2000 pubblicato il 07 Giugno 2016, 12:18
certo che mettere una impostazione che faccia decidere in che ordine si vogliono i contenuti, era davvero difficile da mettere, eh...
Commento # 2 di: StePunk81 pubblicato il 07 Giugno 2016, 13:46
Originariamente inviato da: illidan2000
certo che mettere una impostazione che faccia decidere in che ordine si vogliono i contenuti, era davvero difficile da mettere, eh...


E chi la userebbe quest'impostazione? Pochi, pochissimi. Considerando il trend la mia opinione é che ci sia un'assoluta mancanza di voglia di controllo dell'utente medio verso il proprio dispositivo e le app in generale. Alla base c'é sempre la voglia di non sbattersi troppo.
Non che sia un male, credo sia questo il motivo del successo di molte realtá.
Commento # 3 di: illidan2000 pubblicato il 07 Giugno 2016, 15:11
Originariamente inviato da: StePunk81
E chi la userebbe quest'impostazione? Pochi, pochissimi. Considerando il trend la mia opinione é che ci sia un'assoluta mancanza di voglia di controllo dell'utente medio verso il proprio dispositivo e le app in generale. Alla base c'é sempre la voglia di non sbattersi troppo.
Non che sia un male, credo sia questo il motivo del successo di molte realtá.

certo, ma basta poi non andarsi a lamentare....
BenQ Monitor