GoPro, l'azienda licenzia 200 dei suoi dipendenti

GoPro, l'azienda licenzia 200 dei suoi dipendenti

di Bruno Mucciarelli, pubblicata il

“Momento difficile per il brand delle action camera che deve rimodulare il suo intero personale viste le gravi perdite. L'azienda ha fatto sapere che il 15% dei propri dipendenti rimarrà a casa con l'inizio del nuovo anno. Ecco i dettagli ”

Quando si parla di action camera non si può non pensare a GoPro che da sempre è riuscita a rimanere leader nel settore, inventando e applicando sempre le ultime tecnologie a disposizione per le riprese "off limits". Ebbene anche GoPro è in crisi e il marchio più noto al mondo delle videocamere dalle dimensioni compatte, non ha più raggiunto i ricavi di un tempo e dunque deve pensare ad un rimodellamento del numero dei propri dipendenti.

L'azienda aveva dapprima deciso di realizzare meno modelli e dunque tagliare spese in questo senso. Quindi ha pensato di intraprendere il mondo dei droni, molto di moda negli ultimi anni, con il lancio del quadricottero Karma per le riprese aeree. Un grosso passo falso soprattutto per il fatto che lo stesso fosse affetto da un grave problema che ne ha decretato il totale richiamo. Tutto questo non ha potuto che evitare di utilizzare il metodo più drastico e brutale al fine di contenere le spese operative ossia quello dei licenziamenti.

Per questo sarà licenziato il 15% della forza lavoro ad oggi presente in azienda. In numeri questo equivale a circa 200 dipendenti di GoPro che con l'inizio dell'anno dovranno cercare un nuovo impiego, altrove. Attraverso questa e altre iniziative che verranno messe in campo, l’obiettivo dichiarato dal CEO, Nick Woodman, è quello di risparmiare durante tutto il prossimo 2017 un totale pari a 650 milioni di dollari.

Il presidente di GoPro, Tony Bates, lascerà il proprio ruolo alla fine di dicembre e in un comunicato ufficiale sottolinea come l'azienda con i suoi vertici sia impegnata a garantire stabilità all'azienda. La strada intrapresa sembra essere quella giusta: nel corso degli ultimi dodici mesi le vendite effettuate attraverso la rete di negozianti statunitensi sono aumentate del 35%. Di certo la crisi di GoPro è legata a diversi fattori, uno dei quali è soprattutto costituito dalle sempre più evolute capacità di registrazione video degli smartphone che dunque hanno messo in ginocchio le vendite. Non solo visto che molte aziende cinese stanno replicando, in maniera anche professionale, alle GoPro ma con prezzi decisamente più concorrenziali.


Commenti (15)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: maxmax80 pubblicato il 01 Dicembre 2016, 14:52
per non parlare dell' ondata di action cam FHD & 4K che dall' oriente stanno invadendo il mercato, ad un prezzo decisamente più competitivo di quello della blasonata GoPro, che a mio avviso per il prezzo al quale viene venduta offre un sensore sovrapprezzato (al pari di ciò che stanno facendo Nikon & Canon per rallentare lo sviluppo del mercato)
Commento # 2 di: MiKeLezZ pubblicato il 01 Dicembre 2016, 15:49
Originariamente inviato da: maxmax80
per non parlare dell' ondata di action cam FHD & 4K che dall' oriente stanno invadendo il mercato, ad un prezzo decisamente più competitivo di quello della blasonata GoPro, che a mio avviso per il prezzo al quale viene venduta offre un sensore sovrapprezzato (al pari di ciò che stanno facendo Nikon & Canon per rallentare lo sviluppo del mercato)
Nick Woodman, il fondatore di GoPro, possiede miliardi... il che significa vende spazzatura a prezzi gonfiati. Se dall'oriente gli tolgono quote io sono solo che felice
Commento # 3 di: jepessen pubblicato il 01 Dicembre 2016, 16:47
[OT] Il packaging del drone e' davvero molto ben fatto, mi piace un sacco [/OT]

GoPro ormai e' sinonimo di action-camera per la gente comune, come tomtom e' (o era fino a qualche tempo fa) sinonimo di navigatore. Ovviamente la cosa veniva sfruttata per aumentare un po' I prezzi, fermo restando che comunque in quanto a qualita', specialmente nel controluce, sono davvero poche le action camera che possono rivaleggiare.

Comunque le alternative non mancano, solamente che un po' perche' arrivate dopo, un po' per mancanza di marketing, non sono conosciute dalla massa in egual misura (penso ai Virb di Garmin ad esempio).

Mi spiace per I licenziati (anche se al contrario che in Italia loro troveranno velocemente posto altrove, il mercato del lavoro all'estero e' differente), ma un adeguamento ci sta.. Non e' ne' la prima azienda ne' l'ultima che si sentiva forte ed imbattibile per poi scontrarsi con la realta (blackberry, nokia tanto per citarne le prime due).
Commento # 4 di: +Benito+ pubblicato il 01 Dicembre 2016, 17:04
Il lato scandaloso è che GoPro abbia più di 1000 dipendenti. Qui abbiamo altri standard, o che lavorano poco, non si capisce. Campare sulla fuffa.
Commento # 5 di: Lanfi pubblicato il 01 Dicembre 2016, 18:44
Purtroppo per gopro nel comparto action cam sono arrivati i "cinesi" che offrono prodotti con un rapporto qualità/prezzo semplicemente incomparabile a ciò che riesce a offrire gopro. Per rimediare hanno provato a entrare nel mercato dei droni proponendone uno pieghevole e compatto....peccato che una settimana dopo dji se ne sia uscita con il mavic che surclassa il karma sotto ogni aspetto.

Detto ciò il marchio gopro per ora continua a essere ben percepito dagli utenti....però anche il marchio nokia lo era . Insomma se non si inventano qualcosa di nuovo la vedo dura...
Commento # 6 di: palarran pubblicato il 01 Dicembre 2016, 20:18
Da scrittore su un blog di action cam butto lì anche un altro pensiero: oltre alle action cam cinesi (di cui io sono il primo sostenitore, dalle Xiaomi Yi, alle GitUp, SjCam, ecc)bisogna anche ricordare che ci sono altri concorrenti "non cinesi" che non surclassano GoPro solo grazie al marketing e alla fama di quest'ultima.
Ad esempio, Sony negli ultimi anni è stata la vera innovatrice: GPS e stabilizzazione già presenti da anni, quest'anno la X3000 è dotata di stabilizzatore ottico anziché elettronico; GoPro invece ha ripreso dotazioni già presenti anche su molte action cam cinesi, come la stabilizzazione elettronica, e aggiunto il GPS. Per fortuna ha abbassato il prezzo di partenza.
Commento # 7 di: LordGine pubblicato il 01 Dicembre 2016, 23:22
Originariamente inviato da: palarran
Da scrittore su un blog di action cam butto lì anche un altro pensiero: oltre alle action cam cinesi (di cui io sono il primo sostenitore, dalle Xiaomi Yi, alle GitUp, SjCam, ecc)bisogna anche ricordare che ci sono altri concorrenti "non cinesi" che non surclassano GoPro solo grazie al marketing e alla fama di quest'ultima.
Ad esempio, Sony negli ultimi anni è stata la vera innovatrice: GPS e stabilizzazione già presenti da anni, quest'anno la X3000 è dotata di stabilizzatore ottico anziché elettronico; GoPro invece ha ripreso dotazioni già presenti anche su molte action cam cinesi, come la stabilizzazione elettronica, e aggiunto il GPS. Per fortuna ha abbassato il prezzo di partenza.


Io ho la Tom Tom bandit con il GPS e va alla grande. L'unica mancanza è lo stabilizzatore che va poi aggiunto in elaborazione, per il resto è impeccabile.
Anche le Sony mi ispirano parecchio però!
Commento # 8 di: maxmax80 pubblicato il 02 Dicembre 2016, 00:31
Originariamente inviato da: palarran
surclassano GoPro solo grazie al marketing e alla fama di quest'ultima.
Ad esempio, Sony negli ultimi anni è stata la vera innovatrice: GPS e stabilizzazione già presenti da anni, quest'anno la X3000 è dotata di stabilizzatore ottico anziché elettronico.


verissimo, Sony è il primo concorrente di GoPro!
con un sensore ed una stabilizzazione di livello superiore

io della mia GitUp2 sono soddisfattissimo per i video HD 60fps, in attesa che fra un annetto la Xiaomi 4k e Sony magari scendano sui i 200€
Commento # 9 di: Davis5 pubblicato il 02 Dicembre 2016, 10:23
non e' riuscita a restare in sella...

di fatto l'action cam per un lungo periodo era sempre e solo gopro... con la concorrenza che immetteva sul mercato prodotti economici e brutti...

ma il mondo e' cambiato e anche di parecchio... la sony con stabilizzazione reale a lenti flottanti e' molto superiore a qualsiasi stabilizzazione in post produzione (che tra le altre cose richiede ore di rendering su un I7, figuriamoci su processori "scarsi"
Commento # 10 di: Nui_Mg pubblicato il 02 Dicembre 2016, 11:27
A voi espertoni: per me è scandaloso che non vi sia una semplice video camerina che possa registrare senza grandangolare (wide, extra-wide, ecc.; la modalità narrow in software serve a gran poco, il fish eye e la maggior distanza dall'inquadratura rimane sempre; mi serve per video universitari), cioè che abbia una lente "normale".
Volevo trovare qualcosa di già pronto senza dovermi prendere una certa videocamerina e poi cambiarle lente (si può fare ma preferirei farne a meno) con una da zoom x2 o x3.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor