Filtro ND a intensità variabile da Kenko-Tokina

Filtro ND a intensità variabile da Kenko-Tokina

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Kenko-Tokina presenta un filtro ND la cui intensità può essere variata da attenuazione 1.3/10 EV ruotando la ghiera frontale”

Negli ultimi tempi l'accoppiata Kenko-Tokina è davvero molto attiva, sia sul fronte obiettivi, sia su quello degli accessori. L'ultimo prodotto annunciato, come riportato da DPReview, è un filtro ND (Neutral Density) a intensità vabiabile.

I filtri ND vengono utilizzati in fotografia per ridurre l'intensità della luce che entra nell'ottica e colpisce il sensore (o la pellicola) per utilizzare, ad esempio, diaframmi molto aperti anche in piena luce solare, oppure allungare i tempi di scatto per ottenere effetti particolari, come la classica acqua che scorre.

In questo caso la parte frontale del filtro può essere ruotata per ottenere un'attenuazione che va da 1.3 a 10 EV: in questo modo non solo è possibile decidere l'intensità del filtro ND senza doverlo cambiare, ma è anche possibile utilizzare l'attenuazione minima per la messa a fuoco e poi regolarla sul valore più utile allo scatto. L'azienda dichiara che il filtro può portare a vignettatura con obiettivi di focale inferiore ai 28mm e che è disponibile in diametri 77mm e 82mm.


Commenti (8)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Rubberick pubblicato il 02 Agosto 2011, 11:03
costo? ne ho visti di altre ditte e costano una barca di soldi..
Commento # 2 di: uncletoma pubblicato il 02 Agosto 2011, 11:35
Magari costano meno della somma degli ND che coprono
Commento # 3 di: RR2 pubblicato il 02 Agosto 2011, 12:10
500 euro per il 77mm e 600 per l'82mm?
Commento # 4 di: deurylia pubblicato il 02 Agosto 2011, 12:10
Qualcuno conosce il principio di funzionamento? thks!
Commento # 5 di: ]Rik`[ pubblicato il 02 Agosto 2011, 12:25
vignettatura sotto i 28mm? che sòla! quindi niente uso con grandangoli spinti..
Commento # 6 di: frankie pubblicato il 02 Agosto 2011, 13:14
Potrebbero essere due polarizzatori incrociati, io ne utilizzai un paio per fare un ND molto elevato.

Altri sistemi... non so.

Comunque due polarizzatori costano minimo 18 euro e forse si ottiene lo stesso effetto...
Commento # 7 di: Berno pubblicato il 02 Agosto 2011, 14:32
Originariamente inviato da: deurylia
Qualcuno conosce il principio di funzionamento? thks!


Così ad occhio direi due polarizzatori incrociati più una lamina a quarto d'onda tra il secondo polarizzatore e l'obiettivo, forse anche una seconda lamina a quarto d'onda di fronte al filtro visto che deve agire come ND e non come polarizzatore...
Commento # 8 di: LuFranco pubblicato il 02 Agosto 2011, 21:51
Sì, ok, ma cosa costava cercare di fare una montatura un pelo più sottile o di falro leggermente più largo o a V o come gli pareva...

Va bene che un filtro dallo spessore del genere che non vignetti su supergrandangoli è quasi impossibile da progettare, ma limitarlo ai 28mm mi pare un pò troppo!
Almeno almeno i 24mm tipici delle lenti pro FF tipo i vari 24-70.
Così è quasi inutilizzabile, mi tengo il mio B&W da 6 stop che non vignetta sui 16mm equivalenti. Oppure se lo voglio variabile mi prendo un kit a lastra.
BenQ Monitor