Eye-Fi contro la SD Card Association per la connettività Wireless

Eye-Fi contro la SD Card Association per la connettività Wireless

di Alessandro Bordin, pubblicata il

“Proteste da parte di Eye-Fi per lo standard Wireless LAN SSD, annunciato recentemente dalla SD Card Association presso il CES di Las Vegas ”

Qualche giorno fa abbiamo dato la notizia che la SD Card Association, presso il CES di Las Vegas, ha approvato un nuovo standard per la comunicazione wireless delle schede memoria. Questo standard, chiamato Wireless LAN SD,  permette di incorporare la connettività IEEE 802.11a/b/g/n direttamente sulle card di tipo SD/SDHC/SDXC e microSD/SDHC/SDXC,  permettendo di scaricare le immagini o i video direttamente sul PC, via FTP o su server remoti, cloud compresi, previa ovviamente una adeguata configurazione.

I più attenti sapranno però che qualcosa del genere esisteva già, ma forse avranno pensato a un qualche accordo fra Eye-Fi, attiva da anni in questo ambito, e l'associazione. Niente di più sbagliato, come testimonia la piccata protesta proprio di Eye-Fi, che ha speso decine di milioni di dollari per mettere a punto una tecnologia del tutto analoga.

Eye-Fi fonda buona parte del proprio business sulla concessione in licenza delle proprie tecnologie, attività che verrebbe fortemente minacciata dalla coesistenza di qualcosa di praticamente identico da parte di un ente che sicuramente era al corrente della cosa.

Al centro del contendere quindi vi sono le proprietà intellettuali, che Eye-Fi ritiene siano utilizzate dalla SD Card Association in maniera illecita. Sicuramente sentiremo parlare ancora del problema, poiché vi sono le premesse per la compilazione di un buon numero di carte bollate.


Commenti (9)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: roccia1234 pubblicato il 26 Gennaio 2012, 15:38
non dico che ci avrei scommesso ma... ci avrei scommesso .

Però d'altro canto mi pare strano che la SD card association non abbia controllato i vari brevetti di eye-fi prima di tirare fuori la tecnologia Wireless LAN SSD.

IMHO bisogna vedere cosa hanno brevettato quelli di eye fi nel dettaglio.
Commento # 2 di: Portocala pubblicato il 26 Gennaio 2012, 15:53
Here we go again
Commento # 3 di: ronthalas pubblicato il 26 Gennaio 2012, 16:03
un po' come la gara sui DVD +/- e poi sui BluRay/HD DVD che hanno litigato per anni su come scrivere le stesse cose sugli stessi "cosi rotondi"...
adesso altri due che litigano su come inviare gli stessi pacchetti in aria da A a B... magari dicendo di farlo in modo diverso?
Commento # 4 di: maumau138 pubblicato il 26 Gennaio 2012, 18:58
Più che altro spero che non si finisca come Rambus e DDR.
Commento # 5 di: ronthalas pubblicato il 27 Gennaio 2012, 12:04
beh nel caso di Rambus, hanno stravinto le DDR! Come del resto il BluRay, che però non arriverà facilmente ai livelli del DVD
Commento # 6 di: Krokko pubblicato il 28 Gennaio 2012, 09:48
C'è qualcosa che mi sfugge: di solito, quando viene adottato uno standard da un ente di certificazione, la ditta che ha inventato o sviluppato quello standard non è quella che ne beneficia di più?
Mi potreste chiarire a questione, grazie?
Commento # 7 di: dunmaster pubblicato il 28 Gennaio 2012, 09:54
Ma scusate, Eye-Fi in tutti questi anni non si sarà coperta le spalle con qualche migliaio di brevetti? La SD card ass. ha trovato un modo di superarli? Solitamente in queste cose è difficile spuntarla, secondo me la si tirerà ancora per le lunghe..
Commento # 8 di: Chelidon pubblicato il 30 Gennaio 2012, 01:17
Originariamente inviato da: Krokko
C'è qualcosa che mi sfugge: di solito, quando viene adottato uno standard da un ente di certificazione, la ditta che ha inventato o sviluppato quello standard non è quella che ne beneficia di più?
Mi potreste chiarire a questione, grazie?

Non se fino al giorno prima la ditta in questione era il monopolista di fatto (a cui perfino Sandisk si rivolge per distribuirne una versione rimarchiata) e poteva venderle al prezzo a cui pareva tipo 10 volte quello di una scheda normale (e senza una distribuzione capillare: di fatto prima del recente accordo con Sandisk solo sul mercato usa) perché, nessuno banalmente aveva mai pensato che ci potesse essere un tal tipo di mercato nel mettere su una SD un modulo wifi.. Ma può pure darsi che con le assurdità dei brevetti statunitensi mettere insieme due cose ovvie e banali sia un'idea da proteggere con royalty e che Eye-fi riesca a proteggere il suo monopolio.
Una cosa è certa di sicuro sarà rallentato lo sviluppo di schede SD wi-fi, ma non penso che qualcuno morirà per questo..

Il top sarebbe se dall'anno prossimo tutte le nuove reflex cominciassero a integrare un modulo wifi (cosa già accaduta perfino su alcune compatte in passato) perché a corto di novità e dato che un modulo così integrato incide poco sul costo finale...
Commento # 9 di: maumau138 pubblicato il 30 Gennaio 2012, 18:36
Originariamente inviato da: ronthalas
beh nel caso di Rambus, hanno stravinto le DDR! Come del resto il BluRay, che però non arriverà facilmente ai livelli del DVD


Non mi riferivo a XDR vs DDR, ma al fatto che ogni produttore di memoria/controller con standard DDR deve pagare royalties a Rambus, visto che alcune specifiche dello standard sono brevettate da Rambus.
BenQ Monitor