È ufficiale: la divisione sensori di Toshiba passa nelle mani di Sony

È ufficiale: la divisione sensori di Toshiba passa nelle mani di Sony

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Sony e Toshiba avevano ufficializzato la cessione alla prima della divisione sensori della seconda, includendo nell'accordo anche il moderno impianto di produzione di semiconduttori che Toshiba aveva costruito a Oita nel 2004. ”

Poco più di un mese fa Sony e Toshiba avevano ufficializzato di essere in trattativa per cedere alla prima la divisione sensori della seconda, includendo nell'accordo anche il moderno impianto di produzione di semiconduttori che Toshiba aveva costruito a Oita nel 2004. Ora arriva l'annuncio ufficiale della chiusura positiva delle trattative. Gli asset diventano così proprietà di Sony Semiconductor Corporation la sussidiaria che Sony ha creato per scorporare dal ramo principale dell'azienda la divisione che si occupa della produzione di sensori, una delle business unit che negli ultimi anni ha fatto segnare il maggiore tasso di crescita.

La cessione dovrebbe essere portata a termine entro il 31 marzo 2016, data di chiusura dell'anno fiscale. La fabbrica sarà utilizzata da Sony per la fabbricazione di sensori CMOS, portando così a un'aumentata capacità produttiva, necessaria per fronteggiare la crescente domanda dei suoi prodotti, caratterizzati da grande successo sul mercato. Sony proporrà alla forza lavoro (circa 1100 impiegati) di passare alla nuova società, comprendendo non solo gli operai della fabbrica, ma anche quelli che in Toshiba si occupavano della progettazione di sensori CMOS, acquisendo così, oltre alla capacità produttiva, anche importanti competenze.

La fabbrica prima si occupava anche della produzione di memory controller per Toshiba: nel comunicato stampa precedente si parlava di trattative per continuare a fornire a Toshiba i prodotti dell'impianto come cliente, mentre nel nuovo comunicato non si fa menzione della cosa. Il valore dell'operazione si aggira sui 19 miliardi di yen, circa 155 milioni di dollari, con uno sconto di circa 10 milioni di dollari rispetto alla valutazione iniziale. Per Toshiba si tratta di un'iniezione di liquidità per fare fronte alle difficoltà seguite allo scandalo finanziario venuto alla luce negli scorsi mesi.


Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: riuzasan pubblicato il 04 Dicembre 2015, 20:18
... e tutta la divisione Developer alla base del processore Cell che non è poco, anzi.
Commento # 2 di: KampMatthew pubblicato il 05 Dicembre 2015, 13:33
Per me Toshiba può anche chiudere i battenti domani.
Per un hard disk esterno, aperto rma 2 mesi fa sul loro portale e morta lì. Mai una comunicazione, il centro di assistenza riportato nella rma non fornisce manco una mail a cui scrivere. Numero assistenza a pagamento, [B][U]1 € al minuto. [/U][/B]Altro numero di telefono riportato nel modulo rma, quando lo chiami risponde una segreteria e ti dice che il numero non è attivo, a qualsiasi ora.
Oggi tanto per perdere 10 secondi sono andato a vedere e la pagina con la mia rma è stata cancellata.
Hard disk portato all'isola ecologica ma da me non vedranno più un € nemmeno col binocolo.
BenQ Monitor