EOS M5: Canon cala l'asso in ambito mirrorless

EOS M5: Canon cala l'asso in ambito mirrorless

di Roberto Colombo , pubblicato il

“La nuova Canon EOS M5 è una mirrorless che racchiude in sé tutte le funzionalità della reflex prosumer 80D, ma con un ingombro del 55% inferiore e con un peso che ferma la bilancia 427 grammi. All'interno della nuova Canon MX troviamo infatti lo sensore CMOS in formato APS-C da 24,2 megapixel con tecnologia Dual Pixel AF di ultima generazione, con in più la novità di adottare il nuovo processore d'immagine DIGIC 7”

Tardivo e poco convinto: l'ingresso di Canon nel mondo delle mirrorless poteva essere definito in questo modo. In questi anni la visione del marchio nipponico si è profondamente modificata, soprattutto dopo aver preso atto che negli ultimi mesi il segmento delle Compact System Camera è forse l'unico a far segnare risultati positivi. Un segmento che cresce in volumi, ma soprattutto a valore, testimoniando come ci sia spazio per prodotti ad elevato valore aggiunto e di come sempre più prosumer facciano la scelta 'senzaspecchio' per le loro fotografie. Secondo molti, sottoscritto compreso, Canon avrebbe potuto già piazzare la zampata nel segmento CSC nei primi mesi del 2015 se avesse dotato la sua EOS M3 della tecnologia Dual Pixel AF, al momento quella che è in cima alla lista delle prestazioni per quei sistemi che sfruttano solo le informazioni del sensore d'immagine per la messa a fuoco, siano essi a contrasto, fase o ibridi (le reflex ammiraglie con modulo AF a rilevazione di fase hanno ancora una marcia in più in diverse situazioni d'uso in ambito puramente fotografico). Un anno e mezzo fa Canon era stata ancora troppo timida, forse non sentendosi ancora pronta a mettere sul piatto un prodotto in grado di cannibalizzare quote di mercato alle sue stesse reflex.

Il mercato delle mirrorless è il solo in crescita: Canon cala l'asso EOS M5

Come dicevamo, il vento è però sempre più in poppa alle fotocamere compatte a ottica intercambiabile e ora Canon cala l'asso: la nuova Canon EOS M5, una mirrorless che racchiude in sé tutte le funzionalità della reflex prosumer 80D, ma con un ingombro del 55% inferiore, con un peso che ferma la bilancia 427 grammi. All'interno della nuova Canon M5 troviamo infatti lo sensore CMOS in formato APS-C da 24,2 megapixel con tecnologia Dual Pixel AF di ultima generazione, con in più la novità di adottare il nuovo processore d'immagine DIGIC 7, che ha fatto il suo debutto nel corso del 2016 sulla compatta PowerShot G7 X Mark II. L'accoppiata permette di scattare a raffica fino a 7 fotogrammi al secondo con autofocus Servo attivo e di salire a 9 fps con messa a fuoco sul primo fotogramma. La sensibilità massima della nuova Canon M5 arriva a 25.600 ISO, mentre l'otturatore può lavorare fino a 1/4000 di secondo. A livello video Canon ha deciso di spingersi su questa fotocamera solo al formato Full HD a 60 frame al secondo, ritenendo il 4K inutile su questa fascia di prodotto e riservando tale tecnologia solo ai prodotti professionali, partendo dall'assunto che praticamente nessuno dei clienti di riferimento avrebbe l'attrezzatura necessaria (computer e storage, ma anche display e sistemi di visualizzazione) adatta a gestire al meglio il formato Ultra HD. Manca l'uscita cuffia (anch'essa considerata professionale) mentre è possibile collegare microfoni esterni tramite jack da 3,5mm. Canon ha integrato una tecnologia di stabilizzazione digitale su 5 assi delle immagini per le riprese video, in grado di operare insieme a quella fisica integrata nelle ottiche IS. Canon ha aggiunto la possibilità di creare automaticamente video timelapse.

La nuova mirrorless è una EOS 80D in miniatura: leggi qui la nostra recensione della reflex prosumer

La nuova Canon M5 rappresenta un netto cambio di passo in ambito mirrorless per la casa biancorossa anche per diversi altri motivi: troviamo il tanto sospirato mirino elettronico e un'ergonomia da vera prosumer, come possiamo confermare direttamente avendone maneggiato un esemplare per qualche minuto. Il mirino utilizza un pannello OLED da 2,36 megapixel con tasso di aggiornamento di 120fps. Interessante l'adozione di un pannello posteriore orientabile touch da 3,2" e 1,62 milioni di punti che, oltre a offrire la possibilità di interagire in modo veloce con i comandi direttamente sullo schermo, si trasforma in una sorta di touch pad per spostare (senza l'ausilio di un joystick dedicato) il punto di messa a fuoco durante la ripresa mentre si guarda nel mirino. La funzione è molto interessante e intuitiva, ma chi (come il sottoscritto) ha un naso dagli ingombri pronunciati finisce sempre pe ritrovarsi il punto di messa a fuoco nell'angolo in alto a sinistra. Molto più intuitiva è la possibilità di mettere a fuoco con il tocco (anche con scatto diretto) scegliendo il punto esatto sul display posteriore in visione Live-View. Discorso simile, quasi con ancora maggiore comodità, per quanto riguarda la scelta del soggetto da seguire con le funzioni di tracking. Per la messa a fuoco manuale Canon M5 mette a disposizione la funzionalità di focus peaking. La fotocamera integra un singolo slot per la memorizzazione di foto e immagini e utilizza una batteria LP-E17, la stessa di EOS M3.

A livello ergonomico siamo di fronte a una reflex in miniatura, con mirino centrale, impugnatura ben sagomata e molti tasti e ghiere a disposizione. Partiamo proprio da queste ultime, che a volte rappresentano una nota dolente per le mirrorless. Canon ha lavorato molto bene dal punto di vista dell'ergonomia e troviamo ben 4 ghiere a disposizione. Una ghiera è concentrica al pulsante di scatto ed è assegnabile a regolazione dell'otturatore o del diaframma, mentre la ghiera posteriore concentrica al pad direzionale (con scorciatoie per diversi altri parametri di scatto) è assegnabile all'altro dei due parametri. Vicino al pulsante di scatto troviamo poi la ghiera di compensazione dell'esposizione e la particolare ghiera Dual Func. con tasto centrale. Premendolo è possibile decidere se modificare alla rotazione della ghiera la sensibilità ISO oppure il bilanciamento del bianco. In pratica senza passare dal menu è possibile adattare alle condizioni di scatto tutti i parametri più importanti. Al computo delle ghiere di aggiunge quello della ghiera dei modi, dalla parte opposta rispetto al mirino. Essa ospita anche il commutatore per l'accensione e spegnimento della fotocamera. Il menu ha il classico stile Canon a pagine, di abbastanza facile consultazione. La protuberanza che nella parte superiore del corpo ospita il mirino integra anche un flash pop-up.

Sono ben 4 le ghiere di regolazione, a cui si aggiunge quella dei modi

Canon ha scelto un'unica livrea per la sua mirrorless di punta: il colore grigio scuro/nero grafite la rende più elegante di una reflex nera, senza però eccedere, come ogni tanto accade in ambito mirrorless. La nuova Canon M5 è dotata della connettività Wi-Fi con NFC che mette a disposizione tutte le caratteristiche di controllo remoto e di download senza fili delle immagini già viste sui modelli precedenti, ma aggiunge anche la connessione Bluetooth. Quest'ultima permette solo dall'app sul telefono l'attivazione dello scatto, senza poter effettuare regolazioni (in pratica fa il lavoro di un bottone di scatto remoto Bluetooth): si tratta però di una tecnologia che a differenza del Wi-Fi ha un impatto trascurabile sulla batteria e che quindi può contare su una connessione continua, senza dover effettuare prima di ogni scatto la procedura di connessione con il pericolo di perdere qualche scatto importante. Essendo una funzionalità aggiuntiva, che non va a sostituire il Wi-Fi, anche se ha delle funzioni limitate potrebbe essere da qualcuno apprezzata.

La poca convinzione di Canon nel suo sbarco nell'universo mirrorless era testimoniata anche dalla relativa scarsità di ottiche dedicate, anche se, è giusto ricordarlo, tramite adattatore è possibile utilizzare tutte le ottiche del sistema EOS, super tele e grandangoli spinti compresi. Ora Canon per sottolineare l'importanza del nuovo prodotto accompagna il suo lancio con quello di un nuovo tuttofare abbastanza spinto. Il nuovo EF-M 18-150MM F/3.5-6.3 IS STM è molto interessante sul fronte dell'escursione focale (focale equivalente circa 29-240mm) e della stabilizzazione ottica integrata, ma forse Canon poteva fare uno sforzo in più sul fronte della luminosità dell'ottica, che alla focale tele non brilla per apertura. I prezzi di listino la rendono un prodotto di fascia media, con il prezzo del corpo a 1.159,99€ e quello del kit con la nuova ottica EF-M STM 18-150mm f/3.5-6.3 a circa 1500€; l'ottica da sola avrà un listino di € 519,99. Nei primi mesi di vendita Canon dovrebbe offrire, come promozione, l'adattatore per le ottiche EF/EF-S incluso nel kit di vendita. La disponibilità del prodotto partirà dal mese di novembre.

Articoli correlati

Canon EOS 80D, perfetta per l'appassionato di foto e video

Canon EOS 80D, perfetta per l'appassionato di foto e video

Apparentemente più simile alle entry-level che alle pro, la EOS 80D sconta qualche difetto ergonomico, ma sorprende con prestazioni elevate e un (doppio) sistema AF allo stato dell'arte. Ottima per la ripresa video.
Fujifilm X-Pro2, l'erede di un modello che è già parte della storia

Fujifilm X-Pro2, l'erede di un modello che è già parte della storia

Migliorata in tutto, ma senza tradire lo spirito originale della capostipite, assicura una qualità d'immagine ai vertici della categoria. Il suo approccio old-style si può amare oppure odiare.
Sony A6300, la mirrorless APS-C sfida le ammiraglie

Sony A6300, la mirrorless APS-C sfida le ammiraglie

Discreta (grazie al sensore APS-C) e non molto costosa, la Sony A6300 vanta specifiche che sfidano le ammiraglie reflex: un sistema AF a rilevazione di fase presentato come "il più veloce al mondo", cadenza di scatto da 11 fps, video 4K e molte funzioni avanzate.


Commenti (50)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: emanuele83 pubblicato il 15 Settembre 2016, 08:21
Sono il primo a dire: SCAFFALE111!!111! se uno ha giá un parco lenti canon e vuole fare un upgrade da un sistema 40D (come me) ha pure bisogno di un adattatore (che spero integri anche l'elettronica, perché se si deve andare in manuale tanto vale...)

piú interessante il nuovo 70-300 is usm 2
https://www.dpreview.com/news/49470...s-ii-usm-lenses

io sono un felice possessore della V1 e per i 400 euro che costa fa veramente un porco lavoro. Spero abbiano migliorato un po le lenti di modo da avere meno aberrazioni. Il secondo display non me lo spiego, preferisco il grafico analogico.

ho paura però che abbiano sacrificato l'ottica per renderla più leggera (alla fine una lente UD c'é anche nella V1) introducendo solo migliorie su sistema di stabilizzazione e AF smooth per video.

il mio stomaco mi dice che la V1 sará il best deal dei prossimi mesi, per chi cerca una lente del genere senza andare su versioni L.
Commento # 2 di: Notturnia pubblicato il 15 Settembre 2016, 09:07
alla faccia della mirrorless.. è enorme.. ad ogni modo se fosse la nuova via di canon mi terrò stretto le mie FF perchè di passare a questi giocattoli costosi non ne ho voglia.. sono pesanti quasi quanto le reflex.. dove sta il vantaggio ?
Commento # 3 di: zaltiboy pubblicato il 15 Settembre 2016, 10:26
Originariamente inviato da: Notturnia
alla faccia della mirrorless.. è enorme.. ad ogni modo se fosse la nuova via di canon mi terrò stretto le mie FF perchè di passare a questi giocattoli costosi non ne ho voglia.. sono pesanti quasi quanto le reflex.. dove sta il vantaggio ?

Sì, proprio pesanti uguali... 427gr contro quasi 1kg... per non parlare delle lenti... appenditela al collo tutto il giorno, ne riparliamo a fine giornata...
Commento # 4 di: emanuele83 pubblicato il 15 Settembre 2016, 10:55
Originariamente inviato da: zaltiboy
Sì, proprio pesanti uguali... 427gr contro quasi 1kg... per non parlare delle lenti... appenditela al collo tutto il giorno, ne riparliamo a fine giornata...


eos 80 D = 730 g

aggiungici la stessa lente e la differenza è minima IMHO.
Commento # 5 di: ceschi pubblicato il 15 Settembre 2016, 10:57
Originariamente inviato da: zaltiboy
Sì, proprio pesanti uguali... 427gr contro quasi 1kg... per non parlare delle lenti... appenditela al collo tutto il giorno, ne riparliamo a fine giornata...


Basta usare una tracolla laterale (o soluzioni simili) e 1 kg di macchina foto non si sente..... non capisco tutti i fotografi che usano le tracolle, orride e scomode, date in dotazione con le fotocamere

ho una 5D2 con battery grip e uso una tracolla sun-sniper rotaball PRO e posso stare anche 2 giorni con la fotocamera addosso senza accorgermene

Per rimanere IT, era ora che Canon facesse uscire una ML decente !
Commento # 6 di: Itachi pubblicato il 15 Settembre 2016, 12:37
No vabbè ma Canon ha deciso di chiudere?

Cioè questa è una delle cose peggiori che il mercato fotografico abbia concepito negli ultimi anni.
1100 euro per questa cosa è pura follia,praticamente ogni mirrorless del mercato fa meglio a meno.

A pensare che un A7 (full frame eh) si trova a 800 euro ti viene da ridere.

Hanno calato l'asso? Ma dove? Questa fotocamera è l'emblema del declino di canon,un prodotto inferiore a TUTTO rispetto la concorrenza venduto al doppio del prezzo.

Stiamo quasi al livello delle mirrorless nikon,prodotti fregatura fatti per chi non aveva idea della differenza tra un sensore da 1 e un'aps-c (e infatti è ormai quasi confermato che nikon eliminerà dal catalogo tutta la serie mirrorless attuale vista la cattiva reputazione che si è fatta la serie NIKON 1)
Ma nel caso di Nikon era chiaramente un prodotto da scaffale del centro commerciale fatto per fregare gli inesperti finché ancora il termine mirrorless non fosse stato chiaro, ma Canon ha rilasciato una roba simile per gente che un minimo ci capisce (a 1100 euro è un prodotto di fascia media,di certo non bassa),quindi non comprendo chi diavolo dovrebbe comprarla

Canon e Nikon sul fronte mirrorless proprio non ne vogliono sapere,non riesco davvero a capire se lo fanno apposta per non fagocitare il mercato DSLR o no
Commento # 7 di: Tedturb0 pubblicato il 15 Settembre 2016, 12:37
Ma quale asso.. buttare fuori un altra mirrorless APS-C quando sony domina imperterrita con le A7 e' da cerebrolesi.
Scaffale tutta la vita
Commento # 8 di: Itachi pubblicato il 15 Settembre 2016, 12:53
Originariamente inviato da: Tedturb0
Ma quale asso.. buttare fuori un altra mirrorless APS-C quando sony domina imperterrita con le A7 e' da cerebrolesi.
Scaffale tutta la vita


Ma nemmeno,perché se avessero fatto una mirrorless aps-c decente a basso prezzo magari avrebbe avuto pure senso,almeno il tizio del centro commerciale che non voleva prendersi una dslr poteva virare su quella. Ha quasi più senso la m10,che pur con specifiche davvero basse si torva praticamente sotto i 300 euro.

Qui invece hanno tirato fuori un'aps-c che costa più della prima A7 e poco meno di un'A7 II rendiamoci conto.
E che non è manco al livello di un'altra mirrorless aps-c tipo la a6300

Davvero non ho parole per canon a questo giro
Commento # 9 di: zaltiboy pubblicato il 15 Settembre 2016, 12:59
Originariamente inviato da: emanuele83
eos 80 D = 730 g

aggiungici la stessa lente e la differenza è minima IMHO.

Eh già, proprio una FF la 80D...!

State sereni e continuate a portarvi in giro quel che vi pare, basta che non si neghi l'evidenza però, che di macchine me ne sono portate in giro e non parlo per sentito dire.
Commento # 10 di: zaltiboy pubblicato il 15 Settembre 2016, 13:05
Originariamente inviato da: ceschi
ho una 5D2 con battery grip e uso una tracolla sun-sniper rotaball PRO e posso stare anche 2 giorni con la fotocamera addosso senza accorgermene

Solo per la macchina che hai sei lontano anni luce dal target di quella macchina, non è indirizzata a quelli che devono mostrarla sempre grossa.

Fatevi un giro sui forum di dpreview, ci sono migliaia di persone in tutto il mondo che sono passate alle mirrorless per questioni di pesi...
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor