Strani mondi o oggetti di tutti i giorni? La bellezza della fotografia macro

Strani mondi o oggetti di tutti i giorni? La bellezza della fotografia macro

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Grazie a un anello per l'inversione delle ottiche e un buon lavoro di post produzione l'artista Pyanek ha messo la sua passione per la fotografia macro a confronto con alcuni oggetti della vita quotidiana per una galleria di scatti quasi mozzafiato.”


Un granello di zucchero

Uno degli aspetti affascinanti della fotografia macro è la sua capacità di gettare uno sguardo completamente diverso su tutte le cose, comprese quelle che nella vita di tutti i giorni consideriamo banali. Scendere nel mondo dell'infinitamente piccolo permette di conoscere come sono fatte le cose e quanto superfici apparentemente lisce possono nascondere in realtà una struttura ben più complessa di quella analizzabile a occhio nudo.


La spugna da cucina

Il fotografo Pyanek ha messo la sua passione per la fotografia macro proprio a confronto con alcuni oggetti della vita quotidiana, mettendo insieme una galleria di scatti che in alcuni casi è quasi mozzafiato. Una spugna da cucina può nascondere una particolarissima trama, mentre anche un cornflake può risultare davvero affascinante.

L'artista ha messo a disposizione le foto per il download, ma ha anche creato un video che racchiude tutti gli scatti. L'attrezzatura utilizzata è reperibile da tutti: le foto sono state scattate con una Canon EOS 600D con un kit per invertire le ottiche, mentre la postproduzione (aspetto fondamentale per questo tipo di lavori) è stataportata avanti utilizzando il sofware HeliconFocus, oltre a Lightroom ed Exposure 5.


Commenti (9)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: htpci pubblicato il 28 Gennaio 2015, 08:58
beh! non sono un appassionato di fotografia, ma questo lavoro ti fa venire la voglia, molto bello.
Commento # 2 di: demon77 pubblicato il 28 Gennaio 2015, 09:41
FANTASTICO!
Veramente bello e ben fatto!

oddio.. molte foto più che da "macro" sono da microscopio!
Commento # 3 di: roccia1234 pubblicato il 28 Gennaio 2015, 09:57
Davvero affascinante!
Commento # 4 di: Zenida pubblicato il 29 Gennaio 2015, 01:21
MIO DIO HWU!!!
Ma quando vi deciderete a mettere uno slideshow di fotografie decente?
Cioè non dovete neanche programmarlo, in giro c'è pieno di slideshow già scritti e ben fatti!!
Commento # 5 di: haw80ag pubblicato il 29 Gennaio 2015, 12:23
Bellissimo, è quello che piacerebbe fare anche a me ma.... è abbastanza incredibile che solo con un invertitore sia riuscito ad ottenere cio' (sarebbe interessante capire con che ottica, se fissa o zoom e che modello).

Per ora ho provato le prolunghe... ma hanno dato risultati un po' deludenti al momento... forse sbaglio ottiche.
Commento # 6 di: roccia1234 pubblicato il 29 Gennaio 2015, 12:38
Originariamente inviato da: haw80ag
Bellissimo, è quello che piacerebbe fare anche a me ma.... è abbastanza incredibile che solo con un invertitore sia riuscito ad ottenere cio' (sarebbe interessante capire con che ottica, se fissa o zoom e che modello).

Per ora ho provato le prolunghe... ma hanno dato risultati un po' deludenti al momento... forse sbaglio ottiche.


In macro conta al 99% la capacità e l'esperienza: illuminazione, composizione, esposizione, ricerca del soggetto, messa a fuoco, gestione della profondità di campo, postproduzione. Il restante 0,99 lo reclamano gli accessori come plamp, cavalletti, sfondi artificiali (if any), focusing rails, schermi riflettenti... L'ottica viene dopo tutto questo, è veramente l'ultima ruota del carro.

Già con un helios 44 o un industar 50-2 (giusto per citare due vetri tra i più economici che ricordi) chiusi a f/8-f/11 e montati su tubi o invertiti, puoi ottenere ottimi risultati.
Commento # 7 di: dr.strange pubblicato il 30 Gennaio 2015, 00:31
Originariamente inviato da: roccia1234
In macro conta al 99% la capacità e l'esperienza: illuminazione, composizione, esposizione, ricerca del soggetto, messa a fuoco, gestione della profondità di campo, postproduzione. Il restante 0,99 lo reclamano gli accessori come plamp, cavalletti, sfondi artificiali (if any), focusing rails, schermi riflettenti... L'ottica viene dopo tutto questo, è veramente l'ultima ruota del carro.

Già con un helios 44 o un industar 50-2 (giusto per citare due vetri tra i più economici che ricordi) chiusi a f/8-f/11 e montati su tubi o invertiti, puoi ottenere ottimi risultati.


Certo come no... a parte il fatto che come qualcuno ha già fatto notare la maggior parte di queste foto non sono macro ma micro... Senza una attrezzatura adeguata foto cosi non le fai, te le sogni, con o senza esperienza. Secondo, la maggior parte sono post prodotte, contrasto luminosità e saturazione in primis.
Commento # 8 di: roccia1234 pubblicato il 30 Gennaio 2015, 08:14
Originariamente inviato da: dr.strange
Certo come no... a parte il fatto che come qualcuno ha già fatto notare la maggior parte di queste foto non sono macro ma micro... Senza una attrezzatura adeguata foto cosi non le fai, te le sogni, con o senza esperienza. Secondo, la maggior parte sono post prodotte, contrasto luminosità e saturazione in primis.


Mi riferivo alle macro in generale, non esattamente a queste.

Attrezzatura adeguata altrimenti niente foto? Parlane con lui:
http://chaoticmind75.blogspot.it/20...s-shooting.html
(alla fine c'è una foto dell'attrezzatura utilizzata)

Certo, la postproduzione è fondamentale per scatti del genere, ma è anche scritto nell'intro.
Commento # 9 di: zyrquel pubblicato il 30 Gennaio 2015, 09:01
Originariamente inviato da: dr.strange
la maggior parte di queste foto non sono macro ma micro

è già faticoso definire una lnea di confine tra il close-up e la vera macrofotografia, fare distinzioni tra macro e micro è ancora più complesso e soggettivo...ma non ci sono indicazioni che queste foto siano fatte con un ( obbiettivo da ) microscopio ne che il rapporto di riproduzione ( pre-crop ) sia pari o superiore a 20:1 quindi, per me queste foto, non hanno nulla di micro
Originariamente inviato da: dr.strange
Senza una attrezzatura adeguata foto cosi non le fai, te le sogni, con o senza esperienza

su ebay con 50€ trovi tutta l'attrezzatura adeguata che ti serve e con un po' di fortuna ti avanza pure qualcosa per la colazione, chiedi a [COLOR="Red"]https://www.flickr.com/photos/opoterser/"][COLOR="Red"]Thomas Shahan[/COLOR][/URL][/COLOR] cosa usa ad esempio
Originariamente inviato da: dr.strange
Secondo, la maggior parte sono post prodotte, contrasto luminosità e saturazione in primis.

tutte le foto ( digitali ) di questo mondo sono postprodotte, non vedo quale sia il problema
BenQ Monitor