Olympus Stylus 1: la compatta premium diventa superzoom

Olympus Stylus 1: la compatta premium diventa superzoom

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Sensore 1/1,7" BSI CMOS da 12 megapixel e ottica ad apertura costante f/2.8 28-300mm equivalenti: ecco la carta d'identità di Olympus Stylus 1”

Per anni il segmento delle fotocamere compatte premium si è mosso su dei canoni ben precisi, uno dei quali era la presenza di zoom poco estesi e maggiormente orientati alla qualità e alla luminosità rispetto agli equivalenti delle altre macchine in gamma. I processi produttivi delle ottiche però in questi anni si sono molto evoluti e anche in questo segmento è possibile provare a differenziarsi. L'anno scorso, ad esempio, Panasonic aveva presentato una superzoom come apertura costante, Lumix FZ200, che sfoggia un'ottica 25-600mm equivalenti F2.8.

Olympus punta invece oggi con Olympus Stylus 1 su un corpo da compatta e un'ottica zoom iZUIKO 10,7x 28-300mm con apertura costante f/2.8, capace di mettere a fuoco in modalità Super Macro a 2" di distanza. Il sensore è un BSI CMOS da 12 megapixel nel formato classicamente utilizzato dalle compatte premium: 1/1,7". Tra le caratteristiche salienti troviamo l'abbastanza voluminoso mirino elettronico da 1,44 milioni di punti, che fa coppia con il display touchscreen orientabile da 3,0" e 1,04 milioni di punti. A livello di interfaccia troviamo la ghiera di controllo Hybrid Control Ring, già apprezzata sulla serie XZ, mentre è molto particolare il tappo dell'ottica, che si richiude automaticamente quando questa viene ritratta nel corpo.

Tra le altre caratteristiche la connettività Wi-Fi, il flash integrato, la slitta per lampeggiatori esterni, la possibilità di registrare video Full HD 1080p. Negli Stati Uniti il prodotto è in preorder al prezzo di $699.99.


Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 29 Ottobre 2013, 10:19
Che curioso "ibrido"

Decisamente più sensato di una delle solite baraccacce con sensore da compattina..

Peccato che abbia un prezzo decisamente poco competitivo.. diciamo che su street arriva a 500 euro o poco meno.. è ancora troppo alto per quel che offre, ci sono mirrorless di ottimo livello per quelle cifre.
Commento # 2 di: AleLinuxBSD pubblicato il 30 Ottobre 2013, 14:00
Io penso che per quel prezzo avrebbe avuto più senso usare un sensore un po' più grande ed una copertura di focali inferiori.
Anche senza arrivare al m43, in modo da mantenere comunque una migliore compattezza dell'insieme.
Costasse il 60 %, e dopo avere visto la qualità delle fotografie, se ne potrebbe riparlare.
BenQ Monitor