Olympus pensa come Sony allo specchio traslucido

Olympus pensa come Sony allo specchio traslucido

di Roberto Colombo, pubblicata il 16 Luglio 2012, alle 15:37

“Secondo alcune indiscrezioni anche Olympus ha allo studio un prototipo di fotocamera con specchio semitrasparente, come il sistema SLT di Sony, ma con un elemento attivo a cristalli liquidi”

La sfida in ambito fotografico sembra ormai essersi cristallizata in tre categorie ben precise: reflex, mirrroless e compatte. Sony ha tentato, ormai da quasi due anni a questa parte, di sparigliare le carte con il suo sistema SLT, che utilizza uno specchio traslucido per mettere insieme i benefici di reflex mirrorless, cercando di minimizzare i difetti. Si tratta di un approccio interessante, ma che potrebbe ricevere un duro colpo da prodotti con autofocus a rilevamento di fase sul sensore, come le Nikon 1 e la reflex Canon EOS 650D di recente presentazione.

Nonostante questo i bene informati mettono nella lista degli interessati a questo tipo di approccio anche Olympus, alla ricerca di qualcosa per dare una nuova scintilla al proprio business, dopo che un prodotto come OM-D E-M5 ha permesso al produttore nipponico di tirare un po' il fiato. A proposito di questo prodotto, recentemente il presidente di Olympus Hiroyuki Sasaha ha confessato che la mirrorless vintage di casa Olympus ha abbandonato i sensori costruiti dal partner del consorzio Micro Quattro Terzi Panasonic a favore di un elemento sensibile costruito dall'attuale colosso del mercato dei sensori: Sony.

Forse influenzata dalla nuova partneship, Olympus pare aver preso in considerazione l'idea di un prodotto con tecnologia simile al Translucent Mirror di casa Sony. L'elemento fondamentale di uno dei prototipi Olympus sarebbe proprio lo specchio fisso a cristalli liquidi, in questo caso in grado di cambiare il suo potere di permettere il passaggio della luce tra il 100% e il 50%, nel secondo caso indirizzando metà del flusso luminoso verso un sistema autofocus a rilevazione di fase. Al momento si tratta solo di indiscrezioni, probabilmente il periodo da qui al Photokina sarà interessante per capire l'evoluzione della vicenda, anche in considerazione di importanti annunci dei concorrenti a cui dovrebbero mancare davvero pochi giorni.


Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: marck77 pubblicato il 16 Luglio 2012, 16:55
Se questo specchio traslucido riuscissero ad inserirlo in un tubo adattatore da 4/3 a m4/3 (come gli attuali MMF-1&C. per intenderci) sarebbe la svolta! Addio linea di corpi 4/3, produzione di una sola linea di corpi m4/3 capaci di usare sia lenti 4/3 che m4/3 con AF veloce per tutte.
Commento # 2 di: acerbo pubblicato il 17 Luglio 2012, 01:08
Mah, onestamente a me sembra che tutto questo sforzo nel cercare tecnologie innovative in ambito fotografico abbia tralasciato il gusto di fotografare. Vedo poche proposte concentrate su ergonomia, comandi, velocità della macchina e vedo tanta fuffa legata a milioni di megapixel, ISO pompati su valori ridicoli (di fatto poi non ci sono sensibili migliorie da almeno 2 anni oltre gli 800/1.600 iso) e video Full HD, che per elaborarli al computer, a meno che non hai una workstation, impieghi una vita. A mio modestissimo parere servirebbero piu' fotocamere tipo la Fujifilm x100, magari con ottica un po' piu' versatile e prezzo piu' popolare. La massa poi continuerà a scattare le foto con lo smartphone, le compatte da 100 euro e le reflex con le lenti del kit ...
Commento # 3 di: acerbo pubblicato il 17 Luglio 2012, 01:11
edit
Commento # 4 di: GiulianoPhoto pubblicato il 17 Luglio 2012, 08:08
Secondo me sto specchio translucido è una porcata.

Si perde mezzo stop abbondante di luminosità senza contare che c'è una perdita di qualità dovuta proprio alla sovrapposizione di questo elemento tra ottica e sensore.
Concordo con chi mi ha preceduto

Ma è tanto difficile fare una reflex tipo X1 pro o X100? Mi sa tanto che le due grandi big rimarranno tali se le altre procedono in questa direzione
Commento # 5 di: Chelidon pubblicato il 23 Luglio 2012, 14:01
Non si capisce granché dell'implementazione, ma pazienza visto che è una voce.. Interessante invece che sia saltato fuori che l'ottimo sensore della OM-D sia sony!
Originariamente inviato da: GiulianoPhoto
Secondo me sto specchio translucido è una porcata.

Si perde mezzo stop abbondante di luminosità senza contare che c'è una perdita di qualità dovuta proprio alla sovrapposizione di questo elemento tra ottica e sensore.
Concordo con chi mi ha preceduto

Ma è tanto difficile fare una reflex tipo X1 pro o X100? Mi sa tanto che le due grandi big rimarranno tali se le altre procedono in questa direzione
Ci sono sempre dei compromessi a scapito di vantaggi, ma il fatto che ci siano aziende che tentano d'innovare e percorrere nuove strade non lo troverei un fatto di cui lamentarsi. Anche perché tranquillo che le big restano tali perché hanno investito molto nel valorizzare l'immagine del marchio e questo per la massa viene molto prima che qualsiasi per quanto eccezionale innovazione!
Commento # 6 di: AAASteve pubblicato il 23 Luglio 2012, 17:28
Io invece sono convinto che lo specchio traslucido sia una buona idea.
Sono un felice possessore di una Sony A33 e devo dire che sono MOLTO soddisfatto del mirino elettronico: i suoi vantaggi non si limitano a un maggior velocità della raffica, ma includono molte altre possibilità precluse al mirino ottico. Al di là dei gadget (come le griglie in sovraimpressione o la livella elettronica) personalmente trovo ormai irrinunciabile sia la "face detection" (faccio molti ritratti) che la preview nel mirino della foto scattata (cosa che non costringe a togliere l'occhio dal mirino per rivedere la foto appena scattata).
La perdita di luminosità è per me ininfluente in quanto spesso scatto con filtri ND4 o ND8 quindi perdo volontariamente 4 oppure 8 stop.
Sempre parlando personalmente non tornerei mai indietro al mirino ottico.