Nuove schede SD fino a 280MB/s dal CES di Las Vegas

Nuove schede SD fino a 280MB/s dal CES di Las Vegas

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Il CES di Las Vegas è stata la vetrina d'elezione anche per produttori di schede di memoria: NFC, 4K Ready, ma soprattutto la novità sono le schede che raggiungono i 280MB/s in lettura e i 250MB/s in scrittura”

4K continua a essere uno dei leitmotiv dell'elettronica a livello globale e anche il CES di quest'anno ha avuto la sua parte in merito. In mezzo tra i dispositivi di ripresa, ad esempio le videocamere, e quelli di visualizzazione (televisori, tablet, schermi di PC), ci sono diversi altri apparecchi che devono essere compatibili con il flusso di lavoro. Tra questi le schede di memoria ricoprono un ruolo fondamentale, permettendo di registrare le riprese senza intoppi o problemi.

Tra i padiglioni del Convention Center di Las Vegas sono diversi i produttori che hanno messo qualcosa sul piatto. Patriot è il produttore che ha spinto di più sull'acceleratore presentando nuove schede SDXC EP PRO-II in tagli da 16GB a 64GB rispondenti alle specifiche SD 4.0 in grado di lavorare in lettura fino a 280MB/s e in scrittura fino a 250MB/s. Le schede nascono per operare con i dispositivi rispondenti alle specifiche UHS-II, ma sono retrocompatibili con prodotti SD 3.0 e SD2.0 già in commercio. Le schede saranno in commercio nel primo trimestre dell'anno con prezzi compresi tra $119.99 e $199.99.

Panasonic ha presentato invece le nuove schede di memoria SDXC/SDHC di tipo UHS-I, capaci di offrire velocità di lettura fino a di 95MB/s e di scrittura massima di 90MB/s. Inoltre, sono compatibili con lo standard UHS classe di velocità 3 (U3). La nuova lineup è costituita da 3 formati: 32GB, 64GB e 128GB.

Toshiba invece ha puntato sulla tecnologia NFC per dare un tocco in più alle sue schede di memoria. La nuova gamma con supporto Near Field Communications permette, utilizzando uno smartphone o tablet dotati di NFC e dell'apposita app, di vedere in un attimo la percentuale di occupazione della scheda e 16 miniature delle foto su essa contenute.

La scheda non ha connettività Wi-Fi e quindi non è possibile trasferire foto intere, ma l'NFC può risultare utile per avere, semplicemente avvicinando la scheda al cellulare, idea di quale sia il contenuto e quant spazio sia ancora disponibile sulla SD. Per il resto si tratta di schede SDHC UHS-1 Classe 10 in tagli da 8GB a 32GB.


Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: roccia1234 pubblicato il 08 Gennaio 2015, 15:28
Se le DSLR suportassero queste velocità di scrittura, potremmo quasi dimenticarci della scarsa capienza del buffer di certi corpi macchina.

Comunque, 'sti standard per le SD stanno diventando troppi: classe, UHS, codice di velocità UHS... ecchecavolo.
Commento # 2 di: SaggioFedeMantova pubblicato il 08 Gennaio 2015, 15:34
esatto il problema sono sempre le reflex, è un peccato non poter sfruttare memorie cosi veloci
Commento # 3 di: benderchetioffender pubblicato il 08 Gennaio 2015, 15:40
belle, probabilmente hanno controller di classe SSD dentro

l'unica cosa che mi suona -veramente- inutile è la toshiba.... che diavolo me ne faccio del'nfc? solo per spere quanto spazio ho?? bah chip sprecati...
Commento # 4 di: roccia1234 pubblicato il 08 Gennaio 2015, 15:59
Originariamente inviato da: benderchetioffender
belle, probabilmente hanno controller di classe SSD dentro

l'unica cosa che mi suona -veramente- inutile è la toshiba.... che diavolo me ne faccio del'nfc? solo per spere quanto spazio ho?? bah chip sprecati...


Mica il controller è nel lettore?
O quelle sono le CF?

Concordo sull'inutilità dell'NFC.
Commento # 5 di: PietroGiuliani pubblicato il 08 Gennaio 2015, 23:01
Originariamente inviato da: roccia1234
Se le DSLR suportassero queste velocità di scrittura, potremmo quasi dimenticarci della scarsa capienza del buffer di certi corpi macchina.

Comunque, 'sti standard per le SD stanno diventando troppi: classe, UHS, codice di velocità UHS... ecchecavolo.


Eh sennò troppo facile... non ci sarebbe più motivo di spendere duemila euro per avere un burst decente...
BenQ Monitor