Nikon D810A: full frame 'stellare' per l'astrofotografia

Nikon D810A: full frame 'stellare' per l'astrofotografia

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Nikon presenta la sua nuova Nikon D810A: si tratta di una full frame 35mm ottimizzata per l'astrofotografia. Oltre alle funzioni dedicate integra un filtro IR disegnato per la massima sensibilità sulla linea spettrale H-Alfa dei 656nm”

L'astrofotografia è una passione che sta vedendo un successo crescente, anche grazie alle evoluzioni della tecnica che rendono questa particolare nicchia man mano più accessibile. Si tratta un pubblico appetibile per i produttori, che non mancano di proporre modelli appositamente studiati per le esigenze particolari della fotografia con il naso all'insù.

Nikon mette ora sul piatto la sua prima full frame dedicata alla fotografia della volta celeste: Nikon D810A. La nuova versione ha un filtro infrarosso ridisegnato con un taglio più preciso e più spostato verso le frequenze IR. Generalmente il filtro infrarosso dellle fotocamere comincia a tagliare già a partire dalle lunghezze d'onda più lunghe dello spettro visibile, quello di Nikon D810A è invece ottimizzato per non perdere nemmeno un fotone della linea spettrale dei 656nm, quella che rappresenta il picco di emissione delle nebulose di idrogeno, il cosidetto spettro H-Alfa. Usata per fotografare luna e pianeti non dovrebbe far segnalare grosse differenze rispetto a una fotocamera tradizionale, mentre nella fotografia classica alla luce del sole potrebbe dare una tonalità leggermente rossastra agli scatti.


Un'immagine sample rilasciata da Nikon e scattata con la nuova Nikon D810A

L'utilizzo del collaudato sensore full frame da 36,3 megapixel dovrebbe garantire una tenuta agli alti ISO maggiore rispetto alle proposte APS-C (200-12.800 ISO espandibili a 51.200 ISO), con indubbi vantaggi poi sul fronte della risoluzione. Rispetto al modello normale include poi modalità a lunga esposizione con tempi maggiorati (fino a 15 minuti), per evitare in quel range di dover utilizzare la posa B o la posa T. Durante le riprese in Live view, l’anteprima dell’esposizione virtuale delle impostazioni Posa B e Posa T facilita la messa a fuoco e l’inquadratura. Come con la D810, la foto visualizzata in Live view può essere ingrandita fino a 23x, consentendo di effettuare con precisione i controlli fondamentali della messa a fuoco.

Non manca poi la riduzione del rumore per sottrazione del fotogramma nero. Altri accorgimenti per non disturbare gli scatti in notturna sono l'orizzonte virtuale in colore rosso e la possibilità di diminuire la luminosità del pannello OLED nel mirino. Completa il quadro la possibilità di alzare lo specchio, aprire la tendina e utilizzare poi la prima tendina elettronica per ridurre al minimo le vibrazioni. In attesa del prezzo ufficiale per il mercato italiano segnaliamo quello USA: $3,799.95.


Commenti (16)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Notturnia pubblicato il 10 Febbraio 2015, 17:32
la foto è spettacolare..
Commento # 2 di: zyrquel pubblicato il 10 Febbraio 2015, 18:23
ma davvero con 3-4mila euro non si trova nulla di "dedicato" per l'astrofotografia e bisogna "accontentarsi" di una reflex??
Commento # 3 di: Eress pubblicato il 10 Febbraio 2015, 18:46
Gli strumenti dedicati si trovano, ma comunque il risultato di questa reflex è davvero spettacolare.
Commento # 4 di: Opteranium pubblicato il 10 Febbraio 2015, 19:18
forse mi sbaglio, ma...

..il principale problema dell'astrofotografia non era il rumore termico del sensore? Infatti ricordo CCD dedicati con annesso sistema refrigerante a peltier o similari.

Una normale reflex (questa poi, con tutti quei mp) come può compensare il problema?
Commento # 5 di: Petardo238 pubblicato il 10 Febbraio 2015, 19:35
51.200 ISO? ? ? Solo con il rumore prodotto, ci si può creare un quadro astratto . . .
Commento # 6 di: Marok pubblicato il 10 Febbraio 2015, 19:40
Originariamente inviato da: Opteranium
..il principale problema dell'astrofotografia non era il rumore termico del sensore? Infatti ricordo CCD dedicati con annesso sistema refrigerante a peltier o similari.

Una normale reflex (questa poi, con tutti quei mp) come può compensare il problema?


I CCD dedicati diciamo che sono per ultra appassionati. La stragrande maggioranza utilizza mere reflex APS-C, ma con risultati eccezionali.

Per risolvere il problema si fanno tanti scatti multipli in varie condizioni e si usa un sw per sovrapporli e ridurre così il rumore.

Questo è uno dei sw più diffusi: http://deepskystacker.free.fr/english/index.html

E questo è un forum coni tanti scatti spettacolari fatti da appassionati:
http://www.dpreview.com/forums/1059...mp;ref=mainmenu
Commento # 7 di: Opteranium pubblicato il 10 Febbraio 2015, 22:12
tutto chiaro, mi ero spinto un po' troppo oltre

Però la fotocamera in questione, dall'alto dei suoi 3800 dollari, non rientra troppo nel versante appassionato.. o quantomeno ci rientra per l'appassionato danaroso quindi se dovessi scegliere tra quella e questo, http://www.otticasanmarco.it/catalo...795&famId=2, probabilmente opterei per il secondo, dato che il prezzo è simile e si tratta di un prodotto specifico.
Commento # 8 di: CrzHrs pubblicato il 11 Febbraio 2015, 07:47
L'astronomia è un hobby costoso di suo.. In ogni caso per rimuovere il rumore di fondo si fanno anche una serie di dark frames
Commento # 9 di: roccia1234 pubblicato il 11 Febbraio 2015, 07:54
Originariamente inviato da: Opteranium
tutto chiaro, mi ero spinto un po' troppo oltre

Però la fotocamera in questione, dall'alto dei suoi 3800 dollari, non rientra troppo nel versante appassionato.. o quantomeno ci rientra per l'appassionato danaroso quindi se dovessi scegliere tra quella e questo, http://www.otticasanmarco.it/catalo...795&famId=2, probabilmente opterei per il secondo, dato che il prezzo è simile e si tratta di un prodotto specifico.


Ma penso che per astrofoto quelli siano prezzi "normali".
Già solo un inseguitore economico costa dai 500-600€ in su...

Però la D810A la puoi usare anche per scatti normali... quel sensore lì no...
Commento # 10 di: zyrquel pubblicato il 11 Febbraio 2015, 08:21
Originariamente inviato da: roccia1234
Però la D810A la puoi usare anche per scatti normali... quel sensore lì no...

okkio però, bisogna definire "normale" prima
[I]
TOKYO - Nikon Corporation is pleased to announce the release of the D810A, a Nikon FX-format digital SLR camera designed exclusively for full-scale astrophotography*.

*The D810A is a digital SLR camera designed exclusively for astrophotography. When shooting under light sources with a significant amount of near-infrared wavelengths, or capturing common subjects exhibiting high reflectance at near-infrared wavelengths, resulting images may exhibit an unusually red cast. Because an appropriate color reproduction cannot be obtained, this model is not recommended for general photography.[/I]
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor