Nikon brevetta il panning in macchina

Nikon brevetta il panning in macchina

di Roberto Colombo, pubblicata il 12 Giugno 2012, alle 08:31

“Nikon punta a rendere la vita più facile ai suoi utenti nell'ottenere belle foto in panning grazie a un brevetto che combina due foto”

Il panning è una tecnica fotografica difficile da padroneggiare. Si tratta di fotografie scattate inseguendo un soggetto in rapido movimento trasversale rispetto all'operatore, in modo da mantenere nitido il soggetto e ottenere per lo sfondo il tipico effetto mosso.

La buona riuscita di uno scatto in panning è la combinazione dei giusti tempi di scatto e di una certa esperienza nell'inseguire il soggetto, adattando la velocità angolare del movimento della macchina a quella dell'oggetto in movimento, con la difficoltà di avere davanti agli occhi un momento di buio nel momento in cui la macchina scatta e riprende la foto.

Nikon vuole rendere la vita molto più facile ai suoi clienti e ha depositato un brevetto per la creazione automatica di scatti in panning in macchina. In pratica la tecnologia studiata da Nikon prevede la combinazione di due scatti: uno ad alta velocità per congelare il soggetto, l'altro a bassa velocità per permettere la sfocatura con effetto mosso dello sfondo.


Commenti (16)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 12 Giugno 2012, 09:13
mah.. credo sia abbastanza difficile ottenere un buon risultato..
da vedere comunque!
Commento # 2 di: rightclic pubblicato il 12 Giugno 2012, 09:55
Da nikonista, non mi sembra una grande idea, e questo al di là dell'eventuale bontà del risultato: il panning è una tecnica che richiede sia padronanza del mezzo che controllo del proprio movimento, quindi un mix di capacità fotografica e educazione fisica. Il risultato del panning è interessante anche perché si tiene conto delle particolari modalità di ripresa, ma se la fotocamera è in grado di creare un falso panning combinando due scatti il fascino della cosa cala vistosamente. Se mai questa tecnologia verrà commercializzata assisteremo a un dilagare di foto con (falso) panning su tutti i social network e presto verrà adottata anche dagli smartphone col risultato che non sarai più nessuno se non hai almeno uno scatto di te che sorridi impeccabile su uno sfondo in apparente movimento. La tecnologia può fare grandi cose, ma quando viene utilizzata per simulare una manualità che non c'è, come in questo caso, mi sembra inutile
Commento # 3 di: zoomx pubblicato il 12 Giugno 2012, 10:13
Ma a te interessa il risultato o come l'hai ottenuto?
Commento # 4 di: roccia1234 pubblicato il 12 Giugno 2012, 10:19
Bah, e dove finisce tutto il divertimento nel provare, sbagliare, riprovare, sbagliare, ri-riprovare di nuovo, cercando tra uno scatto e l'altro le impostazioni ottimali per quel momento, quel soggetto e per le proprie capacità?!?

EDIT: inoltre la soddisfazione di quel panning uscito bene con la consapevolezza di averlo fatto interamente con le proprie mani non ha prezzo.
E chissenefrega se tutti gli altri 300 scatti sono da buttare.
Commento # 5 di: flapane pubblicato il 12 Giugno 2012, 11:21
Originariamente inviato da: rightclic
Da nikonista, non mi sembra una grande idea, e questo al di là dell'eventuale bontà del risultato: il panning è una tecnica che richiede sia padronanza del mezzo che controllo del proprio movimento, quindi un mix di capacità fotografica e educazione fisica. Il risultato del panning è interessante anche perché si tiene conto delle particolari modalità di ripresa, ma se la fotocamera è in grado di creare un falso panning combinando due scatti il fascino della cosa cala vistosamente. Se mai questa tecnologia verrà commercializzata assisteremo a un dilagare di foto con (falso) panning su tutti i social network e presto verrà adottata anche dagli smartphone col risultato che non sarai più nessuno se non hai almeno uno scatto di te che sorridi impeccabile su uno sfondo in apparente movimento. La tecnologia può fare grandi cose, ma quando viene utilizzata per simulare una manualità che non c'è, come in questo caso, mi sembra inutile


HDR: la vendetta.

Post saggio.

Originariamente inviato da: zoomx
Ma a te interessa il risultato o come l'hai ottenuto?


Cosa me ne faccio di un panning "falso"... non ti seguo.
Consiglio, per il passo successivo, di eliminare qualsiasi modalità in camera, e lasciare anche le reflex con una sola modalità AUTO. Tanto interessa il risultato.

Mi sono divertito a fare questa foto, e mi soddisfa il risultato, perchè VOLUTO ed ottenuto, anche se non alla perfezione.
Mi spieghi cosa diamine me ne farei di questa foto, se se ne fosse occupato un brevetto? Manie da social network...
Link ad immagine (click per visualizzarla)
Commento # 6 di: zoomx pubblicato il 12 Giugno 2012, 12:13
Originariamente inviato da: flapane
Consiglio, per il passo successivo, di eliminare qualsiasi modalità in camera, e lasciare anche le reflex con una sola modalità AUTO. Tanto interessa il risultato.

Ma la modalità AUTO non è in grado di funzionare in tutte le situazioni. Cosa c'entra?
Originariamente inviato da: flapane
Mi sono divertito a fare questa foto, e mi soddisfa il risultato, perchè VOLUTO ed ottenuto, anche se non alla perfezione.
Mi spieghi cosa diamine me ne farei di questa foto, se se ne fosse occupato un brevetto? Manie da social network...

Ma io vedo solo la foto, non vedo la storia che c'è dietro.
Mi sembra un pò come la lotta analogico contro digitale. Con la pellicola pensavi allo scatto mentre i digitale spari a raffica. Che poi non è neanche corretto perché i professionisti sparavano a raffica anche con la pellicola e poi sceglievano gli scatti giusti.
Che significa poi la storia dei brevetti? Anche se avessi usato una pellicola dietro ci sarebbe stato un brevetto no?
Commento # 7 di: nick091 pubblicato il 12 Giugno 2012, 12:51

pensavo gi à dover pagare delle royalties alla nikon ogni volta che facevo il panning
Commento # 8 di: zoomx pubblicato il 12 Giugno 2012, 13:06
Commento # 9 di: Garz pubblicato il 12 Giugno 2012, 14:25
boh, personalmente questo mi sembra un'artificio che appiattisce un bel po' le capacità, la tecnica e lo stile.
io avrei preferito una "modalità panning" che non si mettesse a trafficare con sovrapposizioni di foto, ma attivasse certi parametri che lo aiutano.
tipo lo stabilizzatore che agisce solo in verticale o qualche aiuto a display per controllare la nitidezza dello scatto effettuato (tipo l'evidenziazione delle luci o delle ombre bruciate).
Commento # 10 di: the_joe pubblicato il 12 Giugno 2012, 14:46
Originariamente inviato da: Garz
boh, personalmente questo mi sembra un'artificio che appiattisce un bel po' le capacità, la tecnica e lo stile.
.......


Pensa un po' cosa direbbe M. Daguerre nel vedere una fotocamera digitale.........


Alla fine c'è poco da dire, non capisco il lamentarsi di una cosa che viene aggiunta, se la si vuole usare la si usa, altrimenti si può farne a meno e non utilizzarla proprio come se non esistesse, allo stesso tempo lamentarsi degli automatismi quando alla fine tutti ne utilizziamo a dozzine, dall'esposimetro all'autofocus, e poi ritocchiamo le foto con PS.....

Altrimenti come ho detto sopra a forza di togliere si ritorna al dagherrotipo e lì sì che si potrebbe dire di non utilizzare automatismi......anzi credo che il massimo sarebbe proprio quello costruendosi anche la fotocamera con le lenti e le lastre di rame da esporre e sviluppare con la soluzione sempre preparata da noi stessi......
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »