LinX annuncia la disponibilità di fotocamere multi-apertura per smartphone

LinX annuncia la disponibilità di fotocamere multi-apertura per smartphone

di Alberto De Bernardi, pubblicata il

“Fotocamere multi-apertura miniaturizzate e integrabili in uno smartphone attuale consentono ricostruzioni 3D, re-focusing dopo lo scatto, riconoscimenti facciali 3D e altro ancora. ”

LinX, giovane società israeliana impegnata dal 2009 nel settore dell'imaging, ha annunciato la disponibilità di un modulo fotocamera multi-apertura abbastanza miniaturizzato da poter essere integrato in uno smartphone.

Di che si tratta? In estrema sintesi, la scena viene inquadrata attraverso un obiettivo che mette a fuoco in un punto anteriore al piano del sensore. Microlenti locali, in corrispondenza dei singoli pixel, rimettono a fuoco l'immagine, ma l'array di fotodiodi viene illuminato da segnali sovrapposti.

L'immagine deve così essere ricostruita digitalmente con opportune tecniche di DSP, ma ha il pregio di contenere informazioni sulla distanza degli oggetti e permette di ottenere una migliore separazione dei colori in presenza di array di fotodiodi molto fitti, utilizzando meno lenti - sulla carta, quindi, si tratta della tecnologia ideale per una fotocamera da cellulare.

In pratica, un'immagine così ricostruita può essere utilizzata per creare rappresentazioni 3D degli oggetti ritratti, per il re-focusing dopo lo scatto, per la rimozione automatica dello sfondo, per misurazioni di distanza e per riconoscimenti facciali 3D a uso biometrico.

Al momento, la società non ha annunciato alcun accordo con produttori di smartphone, pertanto non è possibile fare previsioni di alcun tipo, ma i moduli sono stati sviluppati per essere compatibili con l'attuale generazione di cellulari, quindi qualora la tecnologia Linx dovesse destare interesse, la sua integrazione dovrebbe essere molto rapida.    


Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Tedturb0 pubblicato il 09 Giugno 2014, 15:26
praticamente fanno stereo acquisition con un solo sensore? molto interessante, se riescono a farlo con singola esposizione
Commento # 2 di: TorchWood pubblicato il 09 Giugno 2014, 15:36
Sembrano i mattoncini dei Lego
BenQ Monitor