Leica M9, il sensore si corrode?

Leica M9, il sensore si corrode?

di Alberto De Bernardi, pubblicata il

“Sembra che le Leica M dotate di sensore Kodak CCD da 18 Mpixel con vetro Schott S8612 - cioè le M9 in tutte le varianti, le Monochrom e le M-E - soffrano di un problema di corrosione che porta alla comparsa di punti bianchi nell'immagine. ”

Secondo quanto riportato da dpreview, un numero crescente di utenti Leica lamenta la comparsa di punti bianchi nelle immagini catturate con le Leica M9, M9-P, Monochrom e M-E - tutti i modelli, cioè, che condividono il sensore CCD Kodak da 18 Mpixel.

Il difetto sembra essere causato da un effetto di corrosione del vetro ottico protettivo che copre il sensore, (Schott S8612). Pur non avendo l'azienda ancora preso una posizione ufficiale sull'argomento, sembra che la soluzione possa essere una sostituzione programmata del sensore di tutti i modelli coinvolti.

Tale sostituzione, però, probabilmente sarà gratuita solo per i modelli con meno di 3 anni di vita. Inoltre, se il difetto è strutturale, i nuovi sensori saranno soggetti allo stesso problema sul lungo periodo. Per questo, Leica sembra intenzionata anche a favorire una "transizione" dalle M-9 alla nuova M Type 240, offrendo ai suoi clienti sconti particolari. Non tutti saranno entusiasti, questo è certo: pensiamo soprattutto agli utenti della Monochrom, che ha avuto molto successo ma per la quale non esiste una vera e propria erede.

Se siete tra i possessori di Leica M basate sul sensore incriminato, è ovviamente consigliabile controllare la presenza dei punti bianchi incriminati, per usufruire dei programmi di protezione e assistenza alle condizioni più favorevoli. Si può procedere come per il controllo della polvere, cioè scattando una foto a una parete bianca con diaframma a tutta chiusura e la messa a fuoco all'infinito (per avere la parete sfocata), ed esaminare poi l'immagine al 100% di ingrandimento. La polvere apparirà nera, la corrosione, invece, come macchie bianche o con aloni bianchi.     

AGGIORNAMENTO
Leica ha diffuso un comunicato in cui chiarisce la sua posizione: contrariamente alle prime indiscrezioni, il costruttore sostituirà gratuitamente i sensori di tutte le fotocamere interessate, indipendentemente da età e sostituzioni precedenti. Rimborserà inoltre chi ha già sostituito il sensore a proprie spese. In questa news tutti i dettagli.


Commenti (30)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 10 Dicembre 2014, 12:45
Non mi è chiaro il processo che addirittura può corrodere il vetro protettivo di un sensore all'interno di una macchina fotografica..

Ma al di là di questo.. va bene che la garanzia è di due anni, ma qui si parla mi pare di un difetto di fabbrica o comunque errore di progettazione.. quindi dovrebbe essere tassativa la riprazione e/o sostituzione a zero spese. anche se la macchina ha più di due anni.

..oltretutto.. manco fosse la compattina da cento euro.. sta macchina costa un rene e parte della milza.
Commento # 2 di: gd350turbo pubblicato il 10 Dicembre 2014, 13:04
Solo un rene ???
Se mi dessero così tanti soldi per un rene, lo venderei subito !

Ma non li spenderei per una M9 !
Commento # 3 di: roccia1234 pubblicato il 10 Dicembre 2014, 13:26
Ammazza, un problema mica da ridere per un marchio con la fama di leica.

Tutto fatto a mano, tutto bello, standard tedeschi, controlli per ogni singolo esemplare, altissima qualità, ecc ecc... e poi questo.

E la soluzione non mi sembra per nulla soddisfacente visti i prezzi praticati e la fascia di mercato.

Tale sostituzione (del sensore, mia aggiunta), però, probabilmente sarà gratuita solo per i modelli con meno di 3 anni di vita. Inoltre, se il difetto è strutturale, i nuovi sensori saranno soggetti allo stesso problema sul lungo periodo. Per questo, Leica sembra intenzionata anche a favorire una "transizione" dalle M-9 alla nuova M Type 240, offrendo ai suoi clienti sconti particolari.


Cioè... solo a me sembra una presa in giro?
Sostituiscono il sensore SOLO a modelli con meno di tre anni di vita (cioè solo quelli dell'ultimo anno di produzione, terminata del 2012 per la m9) MA la sostituzione non esclude il riprsentarsi del problema (leggi, montano vetri protettivi che potrebbero dare lo stesso problema in futuro, e a quel punto probabilmente la macchina finirà a fare il soprammobile).

Però offrono sconti ai clienti per acquistare l'ultima uscita... che carini... .
E quando non esiste un modello più recente, tipo le monochrom? Il cliente se la prende in saccoccia?
Avessi una delle macchine incriminate, sarei incazzato come una iena, anzi, venderei seduta stante tutto il corredo leica e chiuderei definitivamente con questa marca.
Non puoi, dopo che uno ha speso ALMENO 10k euro tra corpo macchina e lenti, chiedergli altri soldi per un difetto strutturale.
E poi ci si lamenta delle D600 che sporcano il sensore . Almeno quello si pulisce, questa te la tieni così O sborsi fior di soldi per una sostituizione del sensore
Commento # 4 di: AlexSwitch pubblicato il 10 Dicembre 2014, 14:14
Ti quoto Roccia.... Anche a me la soluzione di Leica per questo spiacevolissimo inconveniente mi sembra a dir poco ridicola e per nulla affatto rispettosa dei suoi clienti che, pur di avere il top della produzione fotografica mondiale, hanno investito migliaia e migliaia di Euro per il loro corredo.
Leica andrebbe sbugiardata... Se io pago quasi 5 volte per una fotocamera a telemetro FF, rispetto ad un prodotto simile con la stessa diagonale di sensore, PRETENDO, di essere riverito per inconvenienti di questa portata!!
Commento # 5 di: AlexSwitch pubblicato il 10 Dicembre 2014, 14:24
Letto ora su DpReview che il problema si presenta anche su modelli a tiratura limitata come la " Titanium "... Circa 27000 Euro di kit ( corpo più lente ), presentata nel 2010!!! Come gioiranno i collezionisti che l'hanno comprata E ancor di più che è riuscito a comprarsi la M9 " Hermes " in kit... 50000USD!!!
Commento # 6 di: roccia1234 pubblicato il 10 Dicembre 2014, 14:47
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Ti quoto Roccia.... Anche a me la soluzione di Leica per questo spiacevolissimo inconveniente mi sembra a dir poco ridicola e per nulla affatto rispettosa dei suoi clienti che, pur di avere il top della produzione fotografica mondiale, hanno investito migliaia e migliaia di Euro per il loro corredo.
Leica andrebbe sbugiardata... Se io pago quasi 5 volte per una fotocamera a telemetro FF, rispetto ad un prodotto simile con la stessa diagonale di sensore, PRETENDO, di essere riverito per inconvenienti di questa portata!!


Appunto.
Leica vive sulla sua fama di casa fotografica al top e vende macchine ed ottiche pezzandole di conseguenza, anche approfittando del fatto che è praticamente l'unica sul mercato ad offire soluzioni del genere.

Però poi tratta i suoi clienti come pezze da piedi.


Originariamente inviato da: AlexSwitch
Letto ora su DpReview che il problema si presenta anche su modelli a tiratura limitata come la " Titanium "... Circa 27000 Euro di kit ( corpo più lente ), presentata nel 2010!!! Come gioiranno i collezionisti che l'hanno comprata E ancor di più che è riuscito a comprarsi la M9 " Hermes " in kit... 50000USD!!!


Già, infatti... saranno felicissimi, soprattutto perchè hanno comprato quelle macchine come investimento e probabilmente non saranno mai uscite dalla scatola.

Che bello ritrovarsi con un pezzo del genere che fa foto puntinate. Addio investimento.
Commento # 7 di: dr.strange pubblicato il 10 Dicembre 2014, 18:18
Originariamente inviato da: roccia1234
Appunto.
Leica vive sulla sua fama di casa fotografica al top e vende macchine ed ottiche pezzandole di conseguenza, anche approfittando del fatto che è praticamente l'unica sul mercato ad offire soluzioni del genere.

Però poi tratta i suoi clienti come pezze da piedi.




Già, infatti... saranno felicissimi, soprattutto perchè hanno comprato quelle macchine come investimento e probabilmente non saranno mai uscite dalla scatola.

Che bello ritrovarsi con un pezzo del genere che fa foto puntinate. Addio investimento.


L'investimento col digitale? Non esiste, se compri qualcosa tieni in conto che l'anno dopo vale la metà.
Questa come molte altre reflex sovrapprezzate è solo un oggetto di lusso per gente che non sa spendere i soldi: gestione iso ridicoli, controlli obsoleti. Allo stesso prezzo mi prendo una medio-formato entry level oppure una decente usata.

P.S. Forse non è un difetto è una cosa voluta per creare l'effetto retrò tanto amato dai fotoamatori dalle tasche bucate...
Commento # 8 di: roccia1234 pubblicato il 10 Dicembre 2014, 18:25
Originariamente inviato da: dr.strange
L'investimento col digitale? Non esiste, se compri qualcosa tieni in conto che l'anno dopo vale la metà.
Questa come molte altre reflex sovrapprezzate è solo un oggetto di lusso per gente che non sa spendere i soldi: gestione iso ridicoli, controlli obsoleti. Allo stesso prezzo mi prendo una medio-formato entry level oppure una decente usata.

P.S. Forse non è un difetto è una cosa voluta per creare l'effetto retrò tanto amato dai fotoamatori dalle tasche bucate...


Le serie limitate, digitale o non digitale, imho sono considerate investimenti.
Commento # 9 di: dr.strange pubblicato il 10 Dicembre 2014, 18:56
Originariamente inviato da: roccia1234
Le serie limitate, digitale o non digitale, imho sono considerate investimenti.


Non vorrei sembrare presuntuoso ma le "serie limitate" sono fatte in genere per i patiti di un qualcosa che sono disposti ad avere l'oggetto in questione pagando cifre molto alte pur di avere l'oggetto in questione non certo pensando di rinvenderlo e di guadagnare qualcosa.
Il progresso nel settore "digitale" è molto veloce e rende tutto obsoleto a distanza di un paio di anni e se proprio uno volesse ricavarci qualcosa da questa reflex dovrebbe come minimo aspettare 30 anni sperando innanzitutto che diventi un oggetto di cul(t)o e che funzioni ancora ma ora come ora ho i miei dubbi ...
Se uno vuole un "investimento" meglio che provi con le azioni, case, metalli preziosi (ma anche in questo caso adesso con la crisi che c'è meglio non azzardare troppo )
Commento # 10 di: demon77 pubblicato il 11 Dicembre 2014, 08:54
Originariamente inviato da: dr.strange
Non vorrei sembrare presuntuoso ma le "serie limitate" sono fatte in genere per i patiti di un qualcosa che sono disposti ad avere l'oggetto in questione pagando cifre molto alte pur di avere l'oggetto in questione non certo pensando di rinvenderlo e di guadagnare qualcosa.
Il progresso nel settore "digitale" è molto veloce e rende tutto obsoleto a distanza di un paio di anni e se proprio uno volesse ricavarci qualcosa da questa reflex dovrebbe come minimo aspettare 30 anni sperando innanzitutto che diventi un oggetto di cul(t)o e che funzioni ancora ma ora come ora ho i miei dubbi ...
Se uno vuole un "investimento" meglio che provi con le azioni, case, metalli preziosi (ma anche in questo caso adesso con la crisi che c'è meglio non azzardare troppo )


ciò che dici è assolutamente vero in senso generale, tuttavia è risaputo che determinati oggetti particolarmente ambiti quali ad esempio i modelli Leica in serie limitata rispondono a regole "di mercato" differenti.
Le loro prestazioni in ambito fotografico diventano un fattore del tutto secondario e quindi non risentono del fttore obsolescenza come potrebbe risentirne una qulsiasi altra fotocamera.
Perchè se parliamo di pure prestazioni fotografiche (anche se quando lo dico i fans leica si inkazzano sempre) si può avere lo stesso risultato con decisamente meno soldi puntando a modelli hi-end di latre marche!
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor