Leica sostituisce gratuitamente (e a vita) i sensori delle M9

Leica sostituisce gratuitamente (e a vita) i sensori delle M9

di Alberto De Bernardi, pubblicata il

“ A breve distanza dalla diffusione della notizia riguardante i possibili problemi ai sensori delle M9, Leica ha diffuso un comunicato in cui chiarisce la sua posizione: contrariamente alle prime indiscrezioni, il costruttore sostituirà gratuitamente i sensori di tutte le fotocamere interessate, indipendentemente da età e sostituzioni precedenti. ”

Ieri abbiamo pubblicato questa news riguardante alcuni problemi legati al sensori CCD delle Leica M9 / M9-P / M Monochrom / M-E. Poco dopo la diffusione della notizia, abbiamo ricevuto comunicazione della presa di posizione di Leica sull'argomento, che contraddice (a favore del cliente) le prime indiscrezioni.

In ossequio alla sua tradizione di affidabilità, il costruttore sostituirà gratuitamente i sensori di tutte le fotocamere interessate, a prescindere dalla loro età e da eventuali precedenti interventi analoghi. Le M9, insomma, saranno garantite a vita. Inoltre, chi ha già sostituito il sensore a pagamento, verrà rimborsato.  

Allo stesso tempo, Leica è al lavoro per sviluppare una soluzione tecnica definitiva al problema, e conferma che è disposta a offrire condizioni agevolate ai clienti che desiderano valutare il passaggio dalla M9 a una M o MP Typ 240. Alla luce della "garanzia perpetua" del sensore delle M9, anche questa conferma assume tutt'altro significato: non più upgrade "forzato" ma opportunità per il cliente di sfruttare il disguido a proprio vantaggio.

Riportiamo di seguito il comunicato ufficiale, consultabile anche a questo link.

Informazioni importanti per quanto riguarda i sensori CCD della Leica M9 / M9-P / M Monochrom / M-E

Quando si utilizzano i modelli di fotocamere Leica M9, M9-P, M Monochrom o M-E con aperture chiuse ( f/5,6-22), solo in alcuni casi si possono incontrare gli effetti causati da corrosione del vetro del sensore. Leica offre un servizio di sostituzione gratuita per i sensori CCD delle fotocamere interessate da questo problema grazie ad un accordo di goodwill, che abbiamo deciso di applicare indipendentemente dall'età della fotocamera, includendo anche i sensori che sono già stati sostituiti in passato. I clienti che hanno già sostituito il sensore a pagamento, riceveranno un rimborso.

Abbiamo identificato il problema e stiamo concentrando i nostri sforzi per implementare una soluzione tecnica definitiva.

Le macchie sulle immagini menzionate in precedenza sono legate alle proprietà del sensore CCD. I sensori sono dotati di uno speciale filtro IR con rivestimento in vetro che garantisce prestazioni di ripresa ottimali. Se questo rivestimento viene danneggiato, è possibile che gli effetti della corrosione che alterano la superficie del filtro possano iniziare a comparire, anche dopo diversi anni. L'effetto descritto non può verificarsi sul sensore CMOS della Leica M ( Typ 240 ). Se siete interessati a sostituire la vostra dalla fotocamera con una Leica M o MP ( Typ 240 ), il nostro Servizio Clienti sarà lieto di farvi un'offerta interessante previo controllo della vostra fotocamera e in considerazione del modello e della sua età.
Se la qualità d’immagine della vostra fotocamera presenta i problemi appena descritti, si consiglia di contattare direttamente il Customer Care di Leica Camera Italia a questo indirizzo e-mail CC-ITA@leica-camera.com oppure al numero di telefono: +39 02 7274021.
Per noi è essenziale offrire ai nostri Clienti solo i migliori prodotti possibili. Siamo quindi particolarmente spiacenti se la qualità d’immagine della vostra fotocamera dovesse presentare questo inconveniente. Ci auguriamo che il presente goodwill ci possa permettere di risolvere il problema nel più breve tempo possibile e mantenere la fiducia che avete sempre riposto nel nostro marchio.


Commenti (13)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: kamon pubblicato il 12 Dicembre 2014, 11:41
Grandi! ...pensate se m$ avesse attuato una politica simile con le xbox 360 affette da led rossi...ad'oggi sarebbe fallita da un pezzo...
Commento # 2 di: gd350turbo pubblicato il 12 Dicembre 2014, 12:19
Bhè...
calcola che con il costo di una di queste, ci comperi almeno una ventina di XBOX360.

Penso quindi che i margini in tal senso, siano un pò diversi e li permettano una certa libertà di manovra.

Commento # 3 di: genesi86 pubblicato il 12 Dicembre 2014, 12:29
E pensare che ieri in molti, qui sul forum, già criticavano l'assistenza leica per aver "abbandonato il cliente".... Bhè, chi può anche solo pensare questo, significa che non ha mai avuto un'esperienza con il marchio tedesco.

Una macchina Leica è a vita, anzi, ti sopravvive!
Commento # 4 di: demon77 pubblicato il 12 Dicembre 2014, 12:55
Originariamente inviato da: genesi86
E pensare che ieri in molti, qui sul forum, già criticavano l'assistenza leica per aver "abbandonato il cliente".... Bhè, chi può anche solo pensare questo, significa che non ha mai avuto un'esperienza con il marchio tedesco.

Una macchina Leica è a vita, anzi, ti sopravvive!


Guarda che in prima battuta è esattamente ciò che è successo.
Vai la eggere la news..

DOPO è arrivata la comunicazione del "cambio di rotta".
E mettimo pure i puntinio sulle i: coi soldi che costano ste macchine una cosa così proprio non doveva accadere.
E' accaduta e il rimpiazzo gratuito e tempestivo doveva essere oltre lo scontato.
Non è accaduto nemmeno questo, di patenza hanno spinto per far cambiare la fotocamere fuori dal periodo di garanzia a favore di modelli più recenti.

SOLO IN UN SECONDO MOMENTO (probabilmente dopo la sesta testa di cavallo mozzata recapitata in sede) hanno fatto la cosa che doveva essere fatta da SUBITO.

Quindi ok, tutto è bene quel che finisce bene ma mettiamo via le bandiere, mandiamo a casa la banda e le cheerleaders perchè non mi pare proprio che ci sia nulla di cui vantarsi.
Commento # 5 di: benderchetioffender pubblicato il 12 Dicembre 2014, 13:05
Originariamente inviato da: demon77
E mettimo pure i puntinio sulle i: coi soldi che costano ste macchine una cosa così proprio non doveva accadere.
E' accaduta e il rimpiazzo gratuito e tempestivo doveva essere oltre lo scontato.


in ogni caso fà un po riflettere sui margini di guadagno di questi macchinari: se sostituiscono il sensore, presumo io da ignorante in materia, non facciano un raballing, ma semplicemente sostituiscano tutta la scheda logica

ora, se possono permettersi di sostituire la scheda+chip aggratise, che è il cuore della fotocamera, evidentemente tutto il baracco vale in produzione meno di un quarto del prezzo finale
Commento # 6 di: gd350turbo pubblicato il 12 Dicembre 2014, 13:36
Ovvio che paghi il marchietto rosso...
Commento # 7 di: AlexSwitch pubblicato il 12 Dicembre 2014, 14:25
Originariamente inviato da: benderchetioffender
in ogni caso fà un po riflettere sui margini di guadagno di questi macchinari: se sostituiscono il sensore, presumo io da ignorante in materia, non facciano un raballing, ma semplicemente sostituiscano tutta la scheda logica

ora, se possono permettersi di sostituire la scheda+chip aggratise, che è il cuore della fotocamera, evidentemente tutto il baracco vale in produzione meno di un quarto del prezzo finale


Si vede che non conosci come sono costruite le Leica " made in Germany " ( non le Panasonic rimarchiate )... Ogni singolo pezzo è lavorato e rifinito a mano, controllato singolarmente e poi assemblato sempre a mano!! La precisione dei meccanismi, delle ghiere e dei tasti è massima, così come la taratura della circuiteria di controllo del sensore... Il problema della corrosione è dovuto all'assemblaggio del sensore ( ex Kodak KAF3000 ) che per il filtro ottico usa un tipo di vetro Schott che non ha garantito le sue doti di resistenza... Quindi un problema esterno a Leica, che non produce i sensori, che si è presentato all'improvviso. Dove ha sbagliato è di non aver riconosciuto da subito il difetto strutturale del sensore, spingendo la propria clientela addirittura a cambiare corpo macchina per alcuni modelli.... Insomma ha tentato di far ulteriori quattrini, smentendo il detto " Leica ti sopravvive " per le qualità costruttive, in barba alle notevoli cifre già spese per farsi un corredo anche minimo!!

Sui margini: Leica è un marchio di lusso... e come tutti i marchi di lusso, oltre alla elevata qualità dei prodotti e delle manifatture, anche i margini sono di pari livello. Quindi se un corpo macchina M9 a Leica costa ( cifra inventata ) 1000 Euro, lo venderà a, minimo, 5 volte tanto, se non di più!!
Commento # 8 di: -Falcon- pubblicato il 12 Dicembre 2014, 14:40
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Si vede che non conosci come sono costruite le Leica " made in Germany " ( non le Panasonic rimarchiate )... Ogni singolo pezzo è lavorato e rifinito a mano, controllato singolarmente e poi assemblato sempre a mano!! La precisione dei meccanismi, delle ghiere e dei tasti è massima, così come la taratura della circuiteria di controllo del sensore...


Appunto.
Non è solo una questione di marchio, alla base c'è comunque una qualità costruttiva senza compromessi.
Certi ridicoli commenti non si posso proprio leggere, se fosse così semplice vendere macchine fotografiche a cifre esorbitanti buttando fumo negli occhi, lo farebbero tutti.
Provate un po a chiedere a tutti quelli che hanno una Nikon D600 come se la passano con l'otturatore che sputa olio sul sensore e vediamo se ti viene sostituito (A VITA) il meccanismo incriminato.....
Almeno Leica una posizione l'ha presa (frega cavoli cosa ha tentato di fare prima, è il presente quello che conta).
Commento # 9 di: v1doc pubblicato il 12 Dicembre 2014, 16:58
Originariamente inviato da: -Falcon-
Almeno Leica una posizione l'ha presa (frega cavoli cosa ha tentato di fare prima, è il presente quello che conta).


Quindi se un negoziante tenta inizialmente di fregarti con la garanzia, a te “frega cavoli” se solo [U]dopo[/U] aver protestato riesci ad ottenere quello che ti spetta.
Commento # 10 di: demon77 pubblicato il 12 Dicembre 2014, 17:03
Originariamente inviato da: -Falcon-
Appunto.
Non è solo una questione di marchio, alla base c'è comunque una qualità costruttiva senza compromessi.
Certi ridicoli commenti non si posso proprio leggere, se fosse così semplice vendere macchine fotografiche a cifre esorbitanti buttando fumo negli occhi, lo farebbero tutti.
Provate un po a chiedere a tutti quelli che hanno una Nikon D600 come se la passano con l'otturatore che sputa olio sul sensore e vediamo se ti viene sostituito (A VITA) il meccanismo incriminato.....
Almeno Leica una posizione l'ha presa (frega cavoli cosa ha tentato di fare prima, è il presente quello che conta).


MA ANCHE NO.
Su macchine da diecimila euro poi neanche solo pensarci di fare il furbo.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor