L16, da Light una fotocamera con 16 lenti e 52 megapixel

L16, da Light una fotocamera con 16 lenti e 52 megapixel

di Andrea Bai, pubblicata il

“Non sarà disponibile prima di un anno ma è già pre-ordinabile: la nuova fotocamera combina 16 lenti di focali differenti per eliminare il rumore e migliorare la qualità di immagine, il tutto nello spazio di una compatta”

Lo scorso anno la startup californiana Light ha ricevuto un finanziamento di 9,7 milioni di dollari grazie all'intervento di un venture partner, allo scopo di "ripensare l'arte e la scienza della fotografia". Le varie posizioni lavorative ricercate dall'azienda indicano la volontà di portare a bordo individui competenti nelle tecniche di elaborazione di più immagini per la riduzione del rumore e il miglioramento della qualità.

Questa settimana Light ha mostrato il prototipo del suo primo prodotto, la fotocamera L16, che in occasione della Code/Mobile conference di Half Moon Bay è stata definita come una "multi-aperture computational camera". Questa fotocamera, che nell'aspetto assomiglia ad uno smartphone, incorpora 16 diverse lenti (17, se si conta anche il sensore infrarosso) dalle varie lunghezze focali, delle quali 10 operano contemporaneamente.

Ciascuna lente è governata da un modulo capace di registrare immagini a 13 megapixel, e ciascuno con esposizione individuale. Le lenti sono organizzate a gruppi: cinque da 35mm, cinque da 70mm e sei da 150mm. Per riuscire ad accorpare tutto nello chassis, i moduli da 70mm e 150mm sono di tipo "folded optic", dove viene impiegato uno specchio così da poter collocare il sensore in senso perpendicolare alla direzione di scatto.

The Light Story from light on Vimeo.

Il software della fotocamera combina selettivamente queste immagini e, come la light-field Lytro, permette di regolare la messa a fuoco anche dopo lo scatto. L16 è capace di registrare immagini a 52 megapixel e video alla risoluzione 4K. La fotocamera fa uso di sistema operativo Android ed è dotata di connettività WiFi in maniera tale da condividere immediatamente le immagini sui social senza trasferirle al computer.

L16 sarà preordinabile al prezzo di 1300 dollari fino al 6 novembre, poi a 1700 dollari. Le consegne non prenderanno il via prima della prossima estate. In ogni caso l'obiettivo ultimo della compagnia è riuscire a portare questa tecnologia negli smartphone e a tal proposito pare che vi siano accordi già siglati con Foxconn.


Commenti (15)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 09 Ottobre 2015, 12:39
"L16 sarà preordinabile al prezzo di 1300 dollari fino al 6 novembre, poi a 1700 dollari"

ALLUCINOGENI.
Ne hai presi troppi.
Commento # 2 di: Jfrusciante pubblicato il 09 Ottobre 2015, 12:50
Originariamente inviato da: demon77
"L16 sarà preordinabile al prezzo di 1300 dollari fino al 6 novembre, poi a 1700 dollari"

ALLUCINOGENI.
Ne hai presi troppi.


davvero!
Commento # 3 di: bobafetthotmail pubblicato il 09 Ottobre 2015, 13:36
Ma.... a cosa serve?
Commento # 4 di: demon77 pubblicato il 09 Ottobre 2015, 14:10
Originariamente inviato da: bobafetthotmail
Ma.... a cosa serve?


..a fare le foto!

No ok.. parlando sul serio:
e' una tecnologia interessante ed innovativa, se implementata bene può pure fare la differenza sugli smartphone di domani.

E' una array di fotocamenre con gruppi ottici differenti che vengono gestite al meglio da un apposito software.
L'utente deve solo inquadrare, scegliere cosa mettere a fuoco e scattare.
Tutti gli sbattimenti di remix dei dati dei vari sensori li fa il software per darti il risultato.

Resta il fatto che è una array di sensorini del caxxo e ottichine del caxxo.
E chiedere MILLESEICENTO SACCHI per sta saponetta è follia pura.. con quei soldi mi faccio una mirrorless coi controcaxxi.
Commento # 5 di: CarmackDocet pubblicato il 09 Ottobre 2015, 14:13
Posizionamento Lenti

Vedo che il posizionamento lenti rispetta lo standard ACDC...

...Alla Ca@@o Di Cane!
Commento # 6 di: marchigiano pubblicato il 09 Ottobre 2015, 14:32
Originariamente inviato da: CarmackDocet
Vedo che il posizionamento lenti rispetta lo standard ACDC...

...Alla Ca@@o Di Cane!


il famoso vario-elmar-acdc
Commento # 7 di: LordShaitan pubblicato il 11 Ottobre 2015, 02:15
Mi sembrate troppo critici, per me questo progetto ha la potenzialità di essere il futuro della fotografia,è un'evoluzione della Lytro e dei sistemi a doppio sensore visti su qualche smartphone. Unire i dati di molti sensori di piccoli dimensioni può dare risultati anche migliori di un sensore più grande, e la possibilità di mettere a fuoco dopo lo scatto rende obsoleti i sistemi di autofocus.

Ovviamente bisognerà vedere la qualità di questo primo modello nello specifico, che sensori e lenti usa, quanto è acerbo il software ecc ecc, ma se avessi la certezza che la qualità è già alta su questo modello lo preordinerei al volo a 1300€.
Commento # 8 di: globi pubblicato il 11 Ottobre 2015, 11:58
Mi fà venire in mente il drago dell`Apocalisse.
Commento # 9 di: supereos3 pubblicato il 11 Ottobre 2015, 19:00
Originariamente inviato da: LordShaitan
Mi sembrate troppo critici, per me questo progetto ha la potenzialità di essere il futuro della fotografia,è un'evoluzione della Lytro e dei sistemi a doppio sensore visti su qualche smartphone. Unire i dati di molti sensori di piccoli dimensioni può dare risultati anche migliori di un sensore più grande, e la possibilità di mettere a fuoco dopo lo scatto rende obsoleti i sistemi di autofocus.

Ovviamente bisognerà vedere la qualità di questo primo modello nello specifico, che sensori e lenti usa, quanto è acerbo il software ecc ecc, ma se avessi la certezza che la qualità è già alta su questo modello lo preordinerei al volo a 1300€.


Tu giudichi la qualità di un sistema ottico-sensore, sulla capacità di quanto a fuoco sia tutta l'immagine, pdc infinita? ma dai, il sensorino e l'ottica da fondo di bottiglia, sempre la stessa roba. Gamma dinamica, tenuta agli alti iso, qualità ottica e sensore, cosa sono? Le ha? Bah, da vedere.
Commento # 10 di: LordShaitan pubblicato il 11 Ottobre 2015, 19:09
Originariamente inviato da: supereos3
Tu giudichi la qualità di un sistema ottico-sensore, sulla capacità di quanto a fuoco sia tutta l'immagine, pdc infinita? ma dai, il sensorino e l'ottica da fondo di bottiglia, sempre la stessa roba. Gamma dinamica, tenuta agli alti iso, qualità ottica e sensore, cosa sono? Le ha? Bah, da vedere.


Mi sa che non hai capito bene come funziona...la gamma dinamica è potenzialmente migliore di una full frame, la foto è scattata da 10 sensori contemporaneamente, il che significa che se ogni sensore scatta con esposizione diversa ogni foto avrà la gamma dinamica di un HDR di 10 scatti. Stesso discorso per gli iso, esistono già funzioni multiscatto che uniscono 2 o 3 scatti in sequenza per migliorare il rumore (dato che è randomico si posso sommare le parti "pulite" che sono diverse in ogni foto) , qua ogni foto ha questa funzione senza il multiscatto e moltiplicata per 10.

Non devi guardare i singoli sensori ma ma la somma delle parti.
In poche parole, su una macchina così la qualità dipende soprattutto da quanto sarà valido il software che unisce le varie immagini per creare quella finale.

Quindi quello che è da vedere è il software più che l'hardware.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor