Il drone? Ora diventa anche sottomarino con TTRobotix Seawolf

Il drone? Ora diventa anche sottomarino con TTRobotix Seawolf

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Se diventa complicato fa alzare in volo il proprio apparecchio multi-rotore quale può essere la soluzione per gli aspiranti piloti/cameraman? Scendere sott'acqua! Seawolf è un vero e proprio drone sottomarino per scendere fino a 8 metri di profondità”

I droni sono uno dei fenomeni del momento, anche se in Italia il proliferare di regolamenti sta spegnendo alcuni degli entusiasmi iniziali di molti. Se diventa complicato fa alzare in volo il proprio apparecchio multi-rotore quale può essere la soluzione per gli aspiranti piloti/cameraman? Scendere sott'acqua! Questo è quello che propone Seawolf, un vero e proprio drone sottomarino, in grado di portare una GoPro fino a 8 metri di profondità, con controllo remoto, velocità fino a 3,5 km/h e con autonomia fino a 50 minuti.

Pesante 7,7 kg e lungo 70 cm il drone subacqueo è stato mostrato ora al pubblico, ma arriverà sul mercato nel prossimo mese di agosto, a un prezzo di listino di $999 in versioni studiate per le acque dolci e per le acque salate. Le versioni sono poi tre a seconda della frequenza del comando wireless (2,4GHz per connessione al cellulare o 5,8 GHz con comando dedicato Bascom D4 con display da 8 pollici) o dell'opzione di controllo via cavo, con filo da 30m. In caso di controllo wireless il segnale viene trasmesso a una piccola boa in superficie, alla quale il sottomarino è collegato con un cavo di circa 10 metri.


Commenti (15)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Marok pubblicato il 09 Giugno 2015, 09:45
Il problema più grande sarà proprio quello della comunicazione tra sottomarino e cell o telecomando che sia.
La boa attaccata al filo IMHO è castrante all'inverosimile.
Commento # 2 di: bonzoxxx pubblicato il 09 Giugno 2015, 09:56
concordo, 10 mt di cavo sono nulla, magari la boa se la tira appresso per spostarti, ma cavolo 1000 dolla per vedere cosa c'è sotto quanto con uno snorkel e un pò di allenamento ci si va di persona?

L'idea non è male, intendiamoci, vediamo come va magari una utilità la si trova
Commento # 3 di: Cappej pubblicato il 09 Giugno 2015, 10:17
BEN fino ad 8 MT... accidenti... che SOTTOMARINO!.... spesi bene 999$...

che robaccia!
Commento # 4 di: benderchetioffender pubblicato il 09 Giugno 2015, 10:50
Originariamente inviato da: Cappej
BEN fino ad 8 MT... accidenti... che SOTTOMARINO!.... spesi bene 999$...

che robaccia!


effettivamente .... 8 mt li fai anche senza bombole con un po di allenamento ... ovvio che in apnea dinamica non si ha tutto il tempo di fare la foto con tutti i sacri crismi, ma se spendo cifre di quella portata per un "giocattolo".... beh, almeno che faccia 25/30 mt per dio!
Commento # 5 di: walter sampei pubblicato il 09 Giugno 2015, 10:59
sono l'unico che ne vede qualche potenzialita', anche se per ora costa troppo ed e' grezzo?

1)andare in posti dove non e' sicuro andare (gorghi, laghi in grotte, ecc)

2)controlli di ittiofauna (se vai sotto, non e' che i pesci si lascino sempre avvicinare da un essere lungo 10 volte piu' di loro...)

3)controllare luoghi dove nessuno vorrebbe andare (fogne, tombini, tane di nutrie...)

se ne fanno uno in grado di adattarsi automaticamente ai diversi pesi specifici dei liquidi circostanti e con piu' autonomia sarebbe ottimo per alcuni usi professionali.

sulla profondita', e' vero, 8 m sono pochi, ma per gran parte degli usi in acque interne (mica tutti hanno il fiume congo sotto casa...) basterebbero una trentina o quarantina di metri, quel tanto da stare nelle zone eufotiche.

piu' che altro, sarebbe da sapere quanta corrente contraria puo' affrontare, e migliorare l'autonomia.

edit: io ci vedo cose come queste

http://ricerca.ismar.cnr.it/RAPPORT...O/CAPITOL3.html

http://www.arpa.emr.it/cms3/documen...20Po%202006.pdf

solo con giocattolini meno costosi
Commento # 6 di: benderchetioffender pubblicato il 09 Giugno 2015, 12:46
Originariamente inviato da: walter sampei
sulla profondita', e' vero, 8 m sono pochi, ma per gran parte degli usi in acque interne (mica tutti hanno il fiume congo sotto casa...) basterebbero una trentina o quarantina di metri, quel tanto da stare nelle zone eufotiche.

piu' che altro, sarebbe da sapere quanta corrente contraria puo' affrontare, e migliorare l'autonomia.

edit: io ci vedo cose come queste
solo con giocattolini meno costosi


mah, tutta la storia dei droni è in realtà un "effetto collaterale" della drastica riduzione di prezzi di elettronica grazie alla cina

ovvio che esistono prodotti professionali in grado di fare questo e molto piu, scoccia un pò quel limite degli 8mt che de facto taglia le gambe completamente ad usi piu seri (anche se giustamente come dici... le correnti son ben piu forti a profondità maggiore, quindi motore piu incazzato, piu peso etc etc)..
cioè, la trentina di metri è ben 4 volte la profondità che puo scendere il coso qui... non mi pare poco... se il primo telefono cellulare avesse preso una chiamata su 4 non lo avrebbe comprato nessuno! indipendentemente dai costi. In questo caso l'animo "dilettantistico" del prodotto coccia enormemente con il suo prezzo purtroppo... altrimenti altro che mini yacht telecomandati!! lo caricherei con mini siluri per affondarli
Commento # 7 di: walter sampei pubblicato il 09 Giugno 2015, 13:42
Originariamente inviato da: benderchetioffender
mah, tutta la storia dei droni è in realtà un "effetto collaterale" della drastica riduzione di prezzi di elettronica grazie alla cina

ovvio che esistono prodotti professionali in grado di fare questo e molto piu, scoccia un pò quel limite degli 8mt che de facto taglia le gambe completamente ad usi piu seri (anche se giustamente come dici... le correnti son ben piu forti a profondità maggiore, quindi motore piu incazzato, piu peso etc etc)..
cioè, la trentina di metri è ben 4 volte la profondità che puo scendere il coso qui... non mi pare poco... se il primo telefono cellulare avesse preso una chiamata su 4 non lo avrebbe comprato nessuno! indipendentemente dai costi. In questo caso l'animo "dilettantistico" del prodotto coccia enormemente con il suo prezzo purtroppo... altrimenti altro che mini yacht telecomandati!! lo caricherei con mini siluri per affondarli




vabbe', il primo e' cosi', aspettiamo le evoluzioni e speriamo che, magari con un po' di concorrenza, le cose si sistemino fino a qualche anno fa un giocattolino simile costava uno zero in piu', e' gia' un inizio

magari ne esce qualche versione con agganci per strumentazione
Commento # 8 di: Ago72 pubblicato il 09 Giugno 2015, 23:45
Scusatemi, ma progettare un ROV per una profondità di 40 mt wireless non è una delle cose più semplici. Intanto l'involucro deve resistere ad una pressione 4/5 bar, eliche comprese. Si possono montare eliche speciali ma con rendimenti bassi. Poi c'è da tenere in considerazione l'attuazione del segnale radio, che comporta l'uso di sistemi di comunicazioni non standard (ultrasuoni). Inoltre a quella profondità è richiesta una illuminazione potente in quanta l'illuminazione naturale è scarsa. Alla fine questo prodotto per el che costa è un piccolo capolavoro.
Commento # 9 di: walter sampei pubblicato il 09 Giugno 2015, 23:53
Originariamente inviato da: Ago72
Scusatemi, ma progettare un ROV per una profondità di 40 mt wireless non è una delle cose più semplici. Intanto l'involucro deve resistere ad una pressione 4/5 bar, eliche comprese. Si possono montare eliche speciali ma con rendimenti bassi. Poi c'è da tenere in considerazione l'attuazione del segnale radio, che comporta l'uso di sistemi di comunicazioni non standard (ultrasuoni). Inoltre a quella profondità è richiesta una illuminazione potente in quanta l'illuminazione naturale è scarsa. Alla fine questo prodotto per el che costa è un piccolo capolavoro.


amen

so che sembrero' eretico, ma non mi spiacerebbe se ne inventassero anche una versione micro, a cavo, con 200 m di filo. segnali e corrente potrebbero arrivare da li, eliminando il problema della batteria anche se se ne creano altri... e, per alcuni usi scientifici, non sarebbe un problema.
Commento # 10 di: Ago72 pubblicato il 10 Giugno 2015, 14:07
Originariamente inviato da: walter sampei
so che sembrero' eretico, ma non mi spiacerebbe se ne inventassero anche una versione micro, a cavo, con 200 m di filo


Esiste già ed è pure un progetto Open Source: OpenROV
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor