Hyperlapse: Microsoft a lavoro per crearli dalle riprese delle action cam

Hyperlapse: Microsoft a lavoro per crearli dalle riprese delle action cam

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Stanchi di quei noiosissimi filmati in prima persona di vostri amici che girano in bicicletta per sentieri e mulattiere? Un software Microsoft potrebbe renderli più accattivanti, quasi come un hyperlapse”

Nel mondo della fotografia e della ripresa video ci sono due tendenze che stanno emergendo sempre di più: gli hyperlapse (noti anche con gli appellativi di Walklapse, Spacelapse, Stop-Motion Time-lapse, Motion Timelapse, Moving Timelapse) e i lunghi filmati ripresi in prima persona di imprese sportive, quali la scalata di una montagna o l'intero percorso. I primi possono essere molto interessanti, a volta tali da lasciare a bocca aperta, ma richiedono una tecnica non accessibile a tutti e soprattutto molto tempo. Per i secondi serve, invece, soltanto schiacciare il bottone 'Rec' e poi lanciarsi, sia anche solo in una pedalata lungo le vie della propria città: i risultati possono però essere noiosi da morire.

Microsoft è al lavoro per unire Hyperlapse e riprese POV delle action camera, facendo lavorare il software laddove non si è adoperata la corretta tecnica per la costruzione di un hyperlapse. Il progetto di ricerca vede come protagonista un software che a partire da un filmato ripreso in prima persona con una action camera, magari montata sul casco, riesce a ottenere un filmato accelerato in stle hyperlapse, contenendo al minimo il mosso, che in filmati semplicemente accelerati di 10x rappresenta il difetto più grosso.

Il software analizza le immagini e riesce a ricostruire in 3D il percorso effettuato dalla videocamera. Con una particolare tecnica di riconoscimento riesce a costruire una mappa di profondità delle immagini riprese, costruendo poi un nuovo percorso virtuale i cui fotogrammi vengono ricostruiti interpolando quelli ripresi in una certa area. Imponendo che il nuovo percorso virtuale si snodi abbastanza vicino a quello originario e che i movimenti della fotocamera risultino morbidi il software estrae il filmato accelerato, molto simile alla vista a un hyperlapse. Per tutti i dettagli tecnici potete ddare un occhio al video rilasciato dai ricercatori Microsoft.


Commenti (6)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: TRF83 pubblicato il 11 Agosto 2014, 11:26
Guardando il video con la spiegazione tecnica, mi è sorto il dubbio che le immagini possano uscire distorte, ed in effetti, guardando il video al rallentatore (ma anche a velocità normale, se si ha un buon occhio), si possono notare come le linee più verticali (lampioni, pali, ecc) siano spesso deformati. Ovviamente, guardandoli a velocità normale e visto il target di utilizzo per cui è stato pensato, tutto ciò non si nota, e rendono il filmato NOTEVOLMENTE più godibile!
Commento # 2 di: abcdeeeeff pubblicato il 11 Agosto 2014, 11:44
Effettivamente una certa differenza c'è...
Commento # 3 di: giocher03 pubblicato il 11 Agosto 2014, 12:03
Originariamente inviato da: TRF83
Guardando il video con la spiegazione tecnica, mi è sorto il dubbio che le immagini possano uscire distorte, ed in effetti, guardando il video al rallentatore (ma anche a velocità normale, se si ha un buon occhio), si possono notare come le linee più verticali (lampioni, pali, ecc) siano spesso deformati. Ovviamente, guardandoli a velocità normale e visto il target di utilizzo per cui è stato pensato, tutto ciò non si nota, e rendono il filmato NOTEVOLMENTE più godibile!


il problema della distorsione penso sia dovuto proprio all'utilizzo di obiettivi fisheye che creano una distorsione notevole quando il video viene accelerato (altrimenti a velocità normale si nota meno)
se poi aggiungiamo il fatto che hyperlapse estrae singoli fotogrammi dal video e che spetta a chi guarda ricostruire ciò che viene tolto aumenta l'effetto distorsione (ad esempio nel video della scalata l'altra persona rimane immobile per svariati frame e il paesaggio è frammentato in parti diverse prese da frame diversi)
Commento # 4 di: Zappz pubblicato il 11 Agosto 2014, 12:41
Originariamente inviato da: TRF83
Guardando il video con la spiegazione tecnica, mi è sorto il dubbio che le immagini possano uscire distorte, ed in effetti, guardando il video al rallentatore (ma anche a velocità normale, se si ha un buon occhio), si possono notare come le linee più verticali (lampioni, pali, ecc) siano spesso deformati. Ovviamente, guardandoli a velocità normale e visto il target di utilizzo per cui è stato pensato, tutto ciò non si nota, e rendono il filmato NOTEVOLMENTE più godibile!


Tutte le action cam registrano usando il grandangolo, perciò le deformazioni ci sono sempre, anche nel raw.
Commento # 5 di: TRF83 pubblicato il 11 Agosto 2014, 15:58
Sì, sì, so che le action cam sono molto grandangolari. Quello a cui mi riferivo io era che il lampione, lo si vede proprio "a linea spezzata", non tanto "arcuato". Ma d'altronde, pescando le informazioni da fotogrammi diversi, "l'incastro" non può essere sempre ottimale.
Commento # 6 di: Krusty93 pubblicato il 11 Agosto 2014, 22:44
Nel primo video sono favolose le scalate. Sembra che la telecamera rimbalzi da una parte all'altra
BenQ Monitor