File digitale e stampa analogica in camera oscura grazie al Digingranditore

File digitale e stampa analogica in camera oscura grazie al Digingranditore

di Roberto Colombo, pubblicata il

“alla Maker Faire di Roma abbiamo incontrato Giulio Limongelli, che si autodefinisce una artigiano-fotografo-stampatore. Giulio ha creato un oggetto che cerca di unire in modo coerente i due mondi della fotografia digitale e della stampa fotografica, il Digingranditore, un sistema di stampa diretta per proiezione del file digitale su carta fotosensibile con successivo sviluppo nel tradizionale processo chimico”

'Non si stampano più le foto come una volta'. Non è solo la lamentazione di chi non riesce a scrollarsi di dosso l'era dell'analogico per passare al digitale: è un dato di fatto. Rispetto alla procedura con ingranditore, bacinelle, liquidi di sviluppo e camera oscura, la stampa digitale (sia essa laser o a getto d'inchiostro) è un processo del tutto diverso. Anche senza entrare nella diatriba su quale sia meglio, discorso che da tempo tiene banco, c'è una caratteristica che differenzia in modo netto le due tecniche. Con la stampa digitale si ottengono copie pressoché identiche, mentre nel caso di quella analogica ogni copia ha una sua storia ed è praticamente un esemplare unico. Si tratta di una caratteristica importante soprattutto quando si entra nell'ambito del mercato dell'arte, dove poter certificare lotti ed esemplari riveste un'importanza rilevante.

In questo contesto alla Maker Faire di Roma abbiamo incontrato Giulio Limongelli, che si autodefinisce una artigiano-fotografo-stampatore. Giulio ha creato un oggetto che cerca di unire in modo coerente i due mondi della fotografia digitale e della stampa fotografica, il Digingranditore, un sistema di stampa diretta per proiezione del file digitale su carta fotosensibile con successivo sviluppo nel tradizionale processo chimico. A partire da un file digitale è possibile utilizzare il processo di stampa tipico della pellicola, passando dall'immagine alla carta fotografica in modo tradizionale. Nel processo lo stampatore può apportare tutte le modifiche che si sono sempre utilizzate, come mascherature e bruciature, ma con quell'artigianalità che ormai si è persa nell'uso attuale della 'camera chiara digitale'.

Naturalmente è un prodotto che non si indirizza a tutti, ma a un pubblico ben preciso, in grado di apprezzare il valore aggiunto di un processo di questo tipo, a partire dall'ottenimento di una serie di pezzi unici.

[HWUVIDEO="2194"]Il digingranditore di Giulio Limongelli: artigiano, fotografo, stampatore[/HWUVIDEO]

Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: zyrquel pubblicato il 17 Ottobre 2016, 17:42
si tutto bello, ma in pratica di che si tratta??
l'idea potrebbe essere simile a quella dell'ingranditore per iphone già visto 2-3 anni fa, ma senza sapere di cosa stiamo parlando è difficile farsi un'opinione

Link ad immagine (click per visualizzarla)
Enfojer: An Analog Darkroom for Printing Your Digital Smartphone Photos

cercando in giro si scopre che il Limongelli ci lavora già da qualche anno, si può trovare qualcosa anche su youtube, ma ovviamente non si sa cosa/quanto sia cambiato nel tempo:
Digingranditore
Digingranditore 2
Commento # 2 di: jepessen pubblicato il 18 Ottobre 2016, 12:47
Vabbe' stica@@i... e' un proiettore con un software per invertire i colori... Capisco il fascino dello sviluppo analogico (anzi no, ma non sono un esperto quindi non mi metto a sentenziare, probabilmente sono io che non capisco), ma non mi pare tutta sta tecnologia....
BenQ Monitor