BR Optics: in dettaglio la nuova tecnologia Canon che 'piega' la luce blu

BR Optics: in dettaglio la nuova tecnologia Canon che 'piega' la luce blu

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Denominata blue spectrum refractive optics (BR Optics) di Canon è nata per contenere al massimo l'aberrazione cromatica assiale: è in grado di 'piegare' la luce blu in misura maggiore rispetto alle lenti UD, Super UD e alla fluorite”

Il lancio del nuovo grandangolo luminoso Canon EF 35mm f/1.4L II USM ha portato al debutto una nuova interessante tecnologia uscita dai laboratori del colosso nipponico, denominata blue spectrum refractive optics (BR Optics). Nata per contenere al massimo l'aberrazione cromatica assiale è in grado di 'piegare' la luce blu in misura maggiore rispetto alle lenti UD, Super UD e alla fluorite. In questo modo l'errore di messa a fuoco della banda del blu (quella con lunghezza d'onda più corta) viene portato quasi a zero, eliminando praticamente del tutto il blue fringing.

L'aberrazione cromatica assiale deriva dal fatto che le diverse componenti della luce vengono rifratte dalle lenti in modo differente a seconda della lunghezza d'onda. I moderni schemi ottici fanno uso di particolari elementi, come quelli a dispersione ultra bassa UD, per provare a correggere le aberrazioni, ma con i materiali utilizzati fino a ora le frequenze più alte del visibile si sono dimostrate le più ostiche da far 'rientrare nei ranghi'.

Le proprietà dell'elemento ottico BR derivano dal materiale con cui è costruito che gli dona caratteristiche di dispersione anomale. Canon non scende nei dettagli ma informa solo che si tratta di un elemento di materiale organico incollato tra due vetri di materiale tradizionale, uno concavo e uno convesso.


Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: marchigiano pubblicato il 27 Agosto 2015, 20:30
se il problema è piegare la luce, basta chiedere all'esperto

Link ad immagine (click per visualizzarla)
Commento # 2 di: zappy pubblicato il 28 Agosto 2015, 17:46
hmmm i materiali organici in genere si degradano...
che abbiano inventato "l'obiettivo con la data di scadenza"?
Commento # 3 di: hrossi pubblicato il 29 Agosto 2015, 10:54
In effetti, dubbio lecito anche pensando soltanto ad una esposizione a luce-calore per lunghi periodi. Aspettiamo maggiori informazioni in merito.

Hermes
Commento # 4 di: zappy pubblicato il 30 Agosto 2015, 10:55
Originariamente inviato da: hrossi
In effetti, dubbio lecito anche pensando soltanto ad una esposizione a luce-calore per lunghi periodi. Aspettiamo maggiori informazioni in merito.
Hermes

considerato che gli obiettivi di solito sono neri e che sono fatti per essere esposti alla luce...
Commento # 5 di: hrossi pubblicato il 23 Ottobre 2015, 11:19
Sì ma non gli strati tra i vetri interni, che poi era quello che intendevi tu e sul quale ti davo ragione. Cambiato idea?

Hermes
BenQ Monitor