Apple e Google, colletta per il pacchetto brevetti Kodak

Apple e Google, colletta per il pacchetto brevetti Kodak

di Alessandro Bordin, pubblicata il

“Da qualche tempo, circa 1100 brevetti Kodak di grande importanza per la fotografia sono in vendita al miglior offerente. Dopo molte offerte inascoltate potrebbe essere la volta buona, grazie a un inatteso accordo fra Apple e Google”

Interessante riflessione, quella pubblicata da eweek sul tema brevetti Kodak, in cerca di un compratore ormai da mesi. Ricordiamo brevemente che la gloriosa azienda attiva nel campo della fotografia sta svendendo molte delle proprietà intellettuali per fare cassa; fra queste, circa 1100 brevetti che tornerebbero molto utili nel campo della fotografia su dispostivi mobile.

Consapevoli della cosa, sia Google che Apple hanno già avanzato in passato alcune offerte a Kodak per portarsi a casa il prezioso carico di brevetti, senza però arrivare a un dunque a causa di un'offerta troppo bassa, a dire di Kodak. Ecco quindi che, se da una parte la lotta iOS - Android vede Apple e Google contrapposte all'arma bianca alla prima occasione, vi sono patti di non belligeranza che rischiano di unire i due contendenti.

La fonte, infatti, parla di una sinergia Apple-Google per 500 milioni di Dollari, rendendo molto più allettante l'offerta per Kodak. Ciò che le due aziende non sono riuscite a portare a casa in esclusiva, può sempre sempre essere ottenuto stringendo la mano e facendo un'offerta comunque, che le metterebbe entrambe nella condizione di poterle sfruttare, senza quindi andare incontro a un'ennesima guerra legale.

Abbiamo parlato però di interessante riflessione, all'inizio, che rimane ai margini dell'accordo vero e proprio. L'atteggiamento di Apple sembra molto più pragmatico e riflessivo rispetto al passato, almeno nello stringere patti con il nemico di sempre, cosa quasi sicuramente impensabile con Steve Jobs al timone. L'intransigenza nei confronti di Android del compianto Jobs, infatti, è leggendaria, che lo portò ad affermare che avrebbe speso anche tutto il capitale Apple pur di distruggere Android, a suo dire copiato e rubato. 

Il suo successore, Tim Cook, appare per certi versi meno irruento e più ragionevole, pragmatico; battaglie legali ok se non se ne può fare a meno, ma non da usare come "vendetta cosmica" nei confronti di un nemico (la fonte cita questi termini). Qualora la partnership Google-Apple andasse in porto, molti dei meriti andrebbero quindi al nuovo CEO di Apple. Meno carismatico, sicuramente, ma stabile su posizioni di mediazione sconosciute a chi lo aveva preceduto. 


Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: ripe pubblicato il 11 Dicembre 2012, 16:18
«Distruggerò Android perché è un prodotto rubato. Sono disposto a fare una guerra termonucleare»

P.S.: «I miei successori, invece, ci faranno affari insieme»
Commento # 2 di: megawati pubblicato il 12 Dicembre 2012, 08:06
Che è il motivo per cui Apple, ora, sta perdendo terreno. Senza Jobs a imporre la visione, Apple diventerà lentamente una delle tante. E quindi perché i suoi consumatori dovrebbero pagare DI PIU' per avere prodotti che non percepiscono come migliori?

Nota bene: prodotti non-apple di qualità sul mercato ce ne sono sempre stati, ma nessuno tale da distinguersi nettamente. Apple ha conquistato questa distinzione netta da tutti gli altri grazie alla filosofia di Jobs, che è diventata la filosofia dei prodotti Apple.

E questa, incidentalmente, è la dimostrazione che la filosofia ha delle applicazioni pratiche estremamente importanti :-D
Commento # 3 di: hombre pubblicato il 12 Dicembre 2012, 10:00
Originariamente inviato da: megawati
Che è il motivo per cui Apple, ora, sta perdendo terreno. Senza Jobs a imporre la visione, Apple diventerà lentamente una delle tante. E quindi perché i suoi consumatori dovrebbero pagare DI PIU' per avere prodotti che non percepiscono come migliori?

Nota bene: prodotti non-apple di qualità sul mercato ce ne sono sempre stati, ma nessuno tale da distinguersi nettamente. Apple ha conquistato questa distinzione netta da tutti gli altri grazie alla filosofia di Jobs, che è diventata la filosofia dei prodotti Apple.

E questa, incidentalmente, è la dimostrazione che la filosofia ha delle applicazioni pratiche estremamente importanti :-D


Non iniziamo a fare i filosofi

A parte gli scherzi, anche io ho l'impressione che Apple abbia perso il suo carisma.
Non a caso ho comprato un Note 2
Vedremo nel prossimo future...

Au revoir!
Commento # 4 di: Baboo85 pubblicato il 14 Dicembre 2012, 09:52
Ma Nokia? Credevo tentasse pure lei ad infilarsi nell'acquisto di qualche brevetto...

Originariamente inviato da: ripe
«Distruggerò Android perché è un prodotto rubato. Sono disposto a fare una guerra termonucleare»


Ahahahahahahah me lo ricordo ahahhahahaha
BenQ Monitor