Fujifilm X-T20, compattezza e grandi prestazioni a meno di 1000 Euro

Fujifilm X-T20, compattezza e grandi prestazioni a meno di 1000 Euro

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Con l'adozione del nuovo sensore X-Trans III e l'aggiornamento dell'elettronica a contorno, la piccola X-T20 somiglia sempre più alla sorella maggiore. Ecco la nostra recensione completa”

Introduzione

Prosegue senza sosta il rinnovamento della gamma Fujifilm X, che sta progressivamente adottando per tutti i modelli il nuovo sensore X-Trans CMOS di terza generazione da 24 Mpixel. Oggi è il turno della X-T20, sorella minore della X-T2, che propone un'analoga operatività simil-reflex (con EVF centrale a ricordare il mirino ottico) in un corpo semplificato e non tropicalizzato ma, di contro, sensibilmente più economico.

La pipeline grafica è, senza sorprese, identica a quella dei modelli top di gamma X-Pro2 e X-T2, pertanto la resa fotografica è la medesima, mentre il corpo macchina non si discosta da quello del precedente modello (larghezza e altezza identiche), risultando dunque decisamente compatto.

Ecco allora che per un pubblico non professionale, che non abbia necessità di lavorare in esterni in qualunque condizione climatica e possa rinunciare a qualche controllo extra, la X-T20 potrebbe essere un'ottima scelta – qualità fotografica assicurata, AF top di gamma, elevata cadenza di scatto, video 4K e display touch orientabile a meno di 1000 Euro di listino.

Al momento in cui scriviamo, la X-T20 ha un prezzo consigliato al pubblico di 919,99 Euro e ha fatto la sua prima comparsa nei negozi a circa 900 Euro.

La fotocamera è stata testata con gli obiettivi XC 16-50mmF3.5-5.6 OIS, XF23mmF2 R WR e  XF35mmF1.4 R. I test di risoluzione sono stati effettuati con XF35mmF1.4 R.

[HWUVIDEO="2328"]Fujifilm X-T20: piccola ma completa[/HWUVIDEO]
BenQ Monitor