Sony A9: primo contatto con la mirrorless professionale. Piccola e fenomenale

Sony A9: primo contatto con la mirrorless professionale. Piccola e fenomenale

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Una mirrorless in grado di sfidare a viso aperto le ammiraglie come Canon EOS 1-D X Mark II e Nikon D5: ecco in sintesi la nuova Sony Alpha A9. La prima prova sul campo ha dato sensazioni decisamente positive e in alcuni frangenti tali da lasciare a bocca aperta. Ecco alcuni dei primi scatti”

Prime impressioni sulla nuova Sony Alpha A9? Lascia a bocca aperta. E ve lo dice uno che non è mai stato tenero con Sony, anzi che dall'uscita di Alpha A99 è noto in alcuni forum come 'quello-che-parla-male-di-Sony'. [Per inciso, i numeri di vendita di A99 e il suo market share alla lunga danno ampia ragione ai dubbi che avevo esposto a suo tempo sulla 'professionale' SLT di casa Sony] La nuova Sony A9 è decisamente tutt'altra storia. Se con altri prodotti - mirrorless, reflex o simil-reflex essi siano - il paragone mentale con le ammiraglie Nikon D5 e Canon EOS 1-D X Mark II vedeva sempre queste ultime avere qualche aspetto con cui prevalere sulla concorrenza, in questo caso il primo pensiero dopo aver tolto l'occhio dal mirino di A9 è: "Ora sono Canon e Nikon che dovranno inseguire".

Chiariamoci fin da subito, non sono solo le prestazioni pure a fare di una fotocamera uno strumento professionale, ma per la prima volta le carte in regola ci sono tutte. Il tempo ci dirà poi se la nuova proposta di Sony sarà efficace come le ammiraglie reflex in termini di resistenza ai maltrattamenti e agli agenti atmosferici, di assistenza sul campo e di completezza di tutto il sistema, ma su diversi aspetti Sony ha dimostrato di aver lavorato bene. Il programma di assistenza professionale verrà inaugurato a breve in diversi paesi europei e anche il parco accessori al lancio dimostra la volontà di rendere A9 un prodotto fin da subito pronto a reggere il gravoso lavoro di uno strumento nelle mani dei professionisti. L'impugnatura verticale era una cosa scontata, l'accessorio che permette di alimentare la macchina con ben 4 batterie (perfetto per esempio in un sistema rig per la registrazione di video) dimostra che Sony ha ben messo a fuoco le esigenze del suo pubblico. Anche la singola batteria rappresenta un miglioramento molto atteso, con una capacità aumentata di 2,2 volte.

Vi avevo già raccontato le mie prime impressioni sulla nuova fotocamera al momento del lancio, ma ora posso supportare le mie affermazioni con delle immagini: Sony aveva infatti deciso di porre un embargo di una settimana sulle foto scattare durante gli hands-on della macchina. La copertura dei punti autofocus a rilevazione di fase, unita alle migliorate prestazioni del sistema di messa a fuoco mettono nelle mani del fotografo uno strumento davvero potente. Anche se il soggetto si sposta verso i bordi del fotogramma il sistema di inseguimento riesce a mantenerlo a fuoco: messa alla prova a bordo ring Sony A9 mi ha permesso di lavorare con inquadrature strettissime, portando a casa diversi scatti decisamente buoni. Ho stretto molte volte l'inquadratura più del necessario (e dell'esteticamente consigliabile) proprio per provare a mandare in crisi il sistema: il risultato è stato che ero più in difficoltà io a inseguire la scena rispetto all'autofocus. A questo proposito, l'utilizzo del solo otturatore elettronico (senza il pericolo dell'effetto rolling shutter grazie alla tecnologia Exmor RS del sensore) permette un'esperienza di scatto totalmente nuova: una visione continua nel mirino priva sia del breve black-out tipico dell'alzata dello specchio delle reflex, ma anche di quell'effetto slide-show che è tipico invece delle mirrorless. Anche sotto questo punto di vista Sony balza in testa al gruppo e ora sono gli altri marchi che dovranno trovare strategie per mettersi al suo inseguimento.

Usare un teleobiettivo da 400mm per il pugilato? Fatto.

Al cuore della nuova Sony A9 troviamo il nuovo sensore Exmor RS Full Frame da 24,2 megapixel: la sigla è quella che identifica i sensori di tipo Stacked, che rappresentano l'evoluzione dei CMOS retroilluminati, noti anche come sensori BSI, dall'acronimo inglese BackSide Illuminated. Oltre a spostare sul retro la circuiteria, come già avviene sui BSI, questo nuovo sensore integra uno strato di memoria direttamente sul sensore, per una lettura molto più veloce dei dati, quello che in gergo viene definito readout. La maggiore velocità di readout viene sfruttata per offrire diversi vantaggi al fotografo. Il più scontato è la rapidità della raffica, che su questa macchina arriva a piena risoluzione al valore di 20 fotogrammi al secondo. La presenza della memoria integrata fa pesare meno sul buffer le lunghe raffiche, che arrivano a 241 RAW.

Il terzo è quello che più radicalmente stacca questa macchina dalla concorrenze: la lettura molto veloce del sensore evita l'effetto rolling shutter, tipico delle compatte (che hanno un otturatore solo elettronico) e di mirrorless e reflex se utilizzate con il solo otturatore elettronico. L'effetto rolling shutter è quello che trasforma la mazza del golfista in una banana quando si va a scattare durante lo swing. I 20 fps della raffica vengono raggiunti anche grazie a questa caratteristica, che permette di utilizzare il solo otturatore elettronico senza i suoi soliti problemi. Inoltre in questo modo la raffica può essere anche completamente sileziosa e permettere di scattare in contesti altrimenti proibiti, come il sopracitato swing del golfista, la battuta nel tennis, ma anche in teatri e chiese. Il tempo di esposizione con l'otturatore elettronico può arrivare a 1/32.000s. La macchina generalmente scatta RAW a 14-bit, ma per utilizzare le raffiche sopra i 5 fps è necessario sacrificare 2 bit sull'altare della velocità.

Anche se il soggetto arriva ai limiti dell'inquadratura il tracking è ancora efficace

Sony ha coperto il sensore con ben 693 punti a rilevazione di fase, con una copertura praticamente completa dell'inquadratura: il dato di targa parla del 93%, ma guardando nel mirino ci si accorge che rimangono escluse dall'area di messa a fuoco automatica solo due sottili strisce agli estremi bordi verticali del fotogramma. Anche grazie a una più ampia scelta di modalità di messa a fuoco e alla presenza del joystick per spostare il punto di messa a fuoco o di aggancio, la nuova Sony A9 va a posizionarsi in concorrenza diretta con le controparti di Canon e Nikon. Inoltre la personalizzazione degli innumerevoli tasti sparsi per il corpo permette di mettere a rapida portata di dito tutti i cambiamenti alle modalità di messa a fuoco che generalmente si usano. Inoltre finalmente è regolabile la sensibilità del tracking.

Benvenuto tasto AF-ON!

Assoluto benvenuto è il tasto AF-ON a portata di pollice per sganciare la messa a fuoco dal pulsante di scatto, grande assente sulle altre fotocamere della famiglia e molto utilizzato da chi fa fotografia sportiva e naturalistica. A livello di qualità d'immagine, pur mancando ancora il supporto per lo sviluppo dei RAW, la macchina sfoggia un'interessante gamma dinamica e una resa decisamente buona.

Altre caratteristiche che rendono la nuova macchina molto efficace sul campo sono la stabilizzazione sul sensore a 5 assi e il rinnovato mirino Quad-VGA OLED Tru-Finder ad alta luminosità e risoluzione con circa 3.686.000 di punti con refresh a 120fps. Troviamo poi la possibilità di registrare video 4K Ultra HD 3840 x 2160 24p con readout completo del sensore in sovracampionamento (leggero crop 1,2x per i video 30p). Professionale anche il comparto di memorizzazione, che finalmente vede l'impiego di un doppio slot, il primo dei quali con supporto alle schede UHS-II. La velocità di scatto della macchina è accompagnata da un'espansa gamma di sensibilità: la macchina sfoggia un intervallo nativo di 100-51.200 ISO, espandibile a 50-204.800 ISO. Chi spera di portarsi a casa tutto questo a un prezzo contenuto rimarrà però deluso: la nuova Sony A9 sarà professionale anche nel prezzo e disponibile da giugno con un prezzo (senza IVA) di circa €5.300.

La fotocamera è presentata assieme a un'ottica che dovrebbe rappresentare la sua perfetta compagna per la fotografia sportiva e naturalistica e che abbiamo utilizzato per i nostri scatti di prova: il teleobiettivo Sony G Master zoom GM OSS FE 100-400 mm F4,5–5,6. Il nuovo 'cannone' di casa Sony è composto da 22 elementi obiettivo configurati in 16 gruppi diversi, incluso un elemento in vetro Super ED (Extra-low Dispersion) e due in vetro ED e combina doppio motore lineare e attuatore con sistema Direct Drive SSM. Non è un campione di luminosità, ma grazie alla gamma di sensibilità messa in campo dal sensore questo non dovrebbe essere un problema. Sul campo ha dimostrato di seguire perfettamente le prestazioni dell'autofocus, garantendo velocità e precisione, anche a distanze parecchio ravvicinate. Sarà disponibile da luglio con un prezzo 'professionale' che sfiora i tremila euro.

Nile Wilson in azione al cavallo

Per la prova della fotocamera Sony ha allestito 3 set in una palestra della South Bank di Londra. Pugilato, kickboxing e atleta al cavallo (Nile Wilson, medaglia di bronzo nella sbarra alle olimpiadi di Rio 2016). Sarà anche il fatto che i diversi set erano accompagnati da potenti luci diffuse di tipo fotografico, ma la facilità con cui l'accoppiata ottica+macchina è riuscita a portare a casa primi piani molto stretti anche durante le fasi più concitate degli incontri è un altro pianeta rispetto all'ultima volta che mi ero trovato a fotografare a bordo ring: in quel caso era una più buia palestra di Milano, ma soprattutto avevo tra le mani la mia vecchia Canon EOS 30D, una delle grandi glorie di casa Canon in ambito prosumer, ma lontana anni luce dalle prestazioni di questa nuova Sony Alpha A9. Ecco la gallery con alcuni degli scatti:

Qii sotto invece le mie prime impressioni a caldo il giorno del lancio:

[HWUVIDEO="2323"]Sony Alpha A9: la full frame professionale ora è mirrorless[/HWUVIDEO]

Articoli correlati

Sony A9: la full frame professionale ora è mirrorless

Sony A9: la full frame professionale ora è mirrorless

Sony presenta la sua nuova ammiraglia: è una mirrorless con sensore Exmor RS Full Frame 35mm da 24,2 megapixel. Il sensore di tipo stacked debutta in formato così grande e mette a disposizione prestazioni da brivido in termini di velocità: raffica a 20 frame al secondo, niente blackout allo scatto e assenza di rolling shutter sono i punti di forza. Di rilievo anche il comparto autofocus, con ben 693 punti a rilevazione di fase sul sensore, con una copertura del 93% dell'inquadratura
Leica SL, prova completa della mirrorless “Pro”

Leica SL, prova completa della mirrorless “Pro”

Robusta e funzionale, è un'ottima candidata a sostituire le reflex 35mm di fascia alta. Non è però in grado di sostituire le ammiraglie di prezzo analogo, e rispetto ai modelli reflex di prezzo inferiore risulta economicamente penalizzata. 
EOS-1D X Mark II, Canon cala l'asso: la nostra recensione completa

EOS-1D X Mark II, Canon cala l'asso: la nostra recensione completa

Nuovo sensore Dual Pixel, più risoluzione e ancora più velocità per la nuova ammiraglia EOS, indubbiamente destinata a diventare lo strumento di lavoro di molti fotografi sportivi (e non solo). In queste pagine la nostra recensione completa e dattagliata


Commenti (30)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 01 Maggio 2017, 10:03

Che potenza.. pochi scatti che però dicono parecchio su quello che sa fare questa macchinetta!
Commento # 2 di: Rubberick pubblicato il 01 Maggio 2017, 10:46
continuo a non capire il senso di fare il corpo macchina + piccolo quando ci devi comunque mettere un bel tele peso in certi casi ^^

magari forse per il naturalistico può essere un kit + compatto di una reflex pro e un 400 mm a spalla
Commento # 3 di: demon77 pubblicato il 01 Maggio 2017, 10:55
Originariamente inviato da: Rubberick
continuo a non capire il senso di fare il corpo macchina + piccolo quando ci devi comunque mettere un bel tele peso in certi casi ^^

magari forse per il naturalistico può essere un kit + compatto di una reflex pro e un 400 mm a spalla


Diciamo che, in generale, più piccolo e leggero riesci a fare un corpo macchina meglio è.
Vero che se monti un tele ti frega poco, ma se ci attacchi un obiettivo piccolo (cosa molto più frequente) la cosa si fa sentire. Soprattutto quando sei in giro tutto il giorno con la macchina al collo.

Comunque, al di là di questo discorso, il vantaggio delle mirrorless è da punto di vista tecnico l'aver rimosso tutto il blocco dello specchio ribaltabile.
Commento # 4 di: AceGranger pubblicato il 01 Maggio 2017, 13:04
Originariamente inviato da: Rubberick
continuo a non capire il senso di fare il corpo macchina + piccolo quando ci devi comunque mettere un bel tele peso in certi casi ^^


hai detto bene, in certi casi; nel restante dei casi ti ritrovi con una macchina nettamente piu maneggevole.

grande o piccolo poi vole dire tutto e niente, dipende uno come se la sente in mano; io gia non avevo problemi con la A6000, con la A7R Mark II che ho ora è perfetta in mano e anzi, ora mi trovo nettamente peggio ad usare le reflex che trovo veramente troppo ingombranti.
Commento # 5 di: aled1974 pubblicato il 01 Maggio 2017, 13:13
@ Redazione

ne seguirà anche una recensione approfondita?

se sì farete il confronto diretto con le concorrenti canikon?

ciao ciao
Commento # 6 di: Uakko pubblicato il 01 Maggio 2017, 16:25
Comuqnue, per fare il pignolo, la mirrorless si chiama "Alpha9" o α9 e non Alpha A9.
Potrebbe andare bene anche solo A9 o a9, anche se, tecnicamente, è errato.
Commento # 7 di: AleLinuxBSD pubblicato il 01 Maggio 2017, 17:22
Premesso che non tutto è oro ciò che luccica, a differenza di quanto detto da entusiastiche prime impressioni, è indubbio che diversi aspetti abbiano ricevuto migliorie, e considerando il maggior uso dell'elettronica nelle mirrorless rispetto alle DSLR, direi che è il minimo che sia possibile attendersi.

Curioso sulle ricadute di parte delle sue novità, in altri modelli, rispetto ad improbabili paragoni con le ammiraglie DSLR.
Commento # 8 di: Notturnia pubblicato il 02 Maggio 2017, 00:13
La vecchia rece parlava di 3.500 euro e adesso si atterra a 5.300 più iva.. ora è un prezzo più allineato a canikon..
Commento # 9 di: Marko#88 pubblicato il 02 Maggio 2017, 10:07
5300 + iva... chi è che diceva che il prezzo sarebbe stato molto inferiore alle top Canon e Nikon?

Gran macchina comunque, davvero notevole.
Commento # 10 di: AceGranger pubblicato il 02 Maggio 2017, 10:27
Originariamente inviato da: Marko#88
5300 + iva... chi è che diceva che il prezzo sarebbe stato molto inferiore alle top Canon e Nikon?

Gran macchina comunque, davvero notevole.


tralasciando che in alcuni listini gia si vede a 5200 euro iva inclusa, è un problema solo italiano perchè nel resto del mondo :


Canon EOS-1DX Mark II: 6000 dollari
https://www.amazon.com/Canon-EOS-1D...words=canon+1DX
Nikon D5: 6500 dollari
https://www.amazon.com/Nikon-FX-For...n%2BD5&th=1
Sony A9 : 4500 dollari
https://www.amazon.com/Sony-Mirrorl...eywords=SOny+A9

su Adorama o B&H PHoto è uguale.


quindi si, il prezzo è di molto inferiore; qui per i primi tempi sicuramente non converra acquistare, come d'altra parte non conviene mai.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor