La fotografia fatta semplice: l'inquadratura

La fotografia fatta semplice: l'inquadratura

di Alessandro Bordin , pubblicato il

“Breve guida per iniziare ad affrontare la fotografia, ancora prima dello scatto, con un approccio ragionato. In questa guida ci occuperemo dei fondamenti dell'inquadratura, al fine di sensibilizzare l'utenza alle prime armi a problemi che riguardano il giusto posizionamento dei soggetti e dell'apparecchio fotografico stesso”

La regola dei terzi

Non parleremo di sezione aurea, ma di una sua approssimazione grossolana: la regola dei terzi. Questa regola viene utilizzata un po' da tutti i fotografi e tenuta presente in molti scatti, anche se è bene ricordare che qualora si “veda” una inquadratura che convinca maggiormente, nulla vieta di optare per quest'ultima. Seguire la “regola dei terzi” significa dividere l'immagine con linee immaginarie, due orizzontali e due verticali, facendole partire in corrispondenza dei terzi relativi ai lati.

Più semplicemente: immaginiamo di dividere il lato lungo in tre segmenti uguali e lo stesso per l'asse verticale, creando poi una griglia in corrispondenza degli estremi dei segmenti. Per l'asse orizzontale viene facile pensare alla nostra bandiera italiana, in corrispondenza del cambio dei colori. Più difficile da spiegare che da mostrare:

Riproponiamo l'immagine della pagina precedente per capire meglio. Si noti come il gabbiano risulti posizionato lungo le linee (dette anche linee di forza) e in corrispondenza della loro intersezione. Proprio in corrispondenza delle intersezioni è buona cosa posizionare il proprio soggetto, ricordandosi se possibile si far caso allo svolgimento della scena, come può essere in questo caso il verso del volo oppure lo sguardo di  una persona, lasciando più "aria" nelle rispettive direzioni e scegliendo quindi la collocazione decentrata a destra o sinistra.

L'incrocio delle linee genera di fatto quattro punti, detti punti di fuoco, focali o di forza. Una buona composizione prevede di posizionare proprio in corrispondenza di questi punti(anche approssimativamente) il proprio soggetto.

Anche i paesaggi non sfuggono a questa regola, sebbene spesso non vi sia un soggetto particolare, motivo per cui spesso si tende a far coincidere orizzonte o linee ben definite del paesaggio con una delle linee di forza orizzontali. Nel caso proposto in seconda pagina si noterà invece come l'inserimento di alcuni elementi non sia stato casuale, ma in rispetto delle indicazioni fornite dalla regola dei terzi. La riproponiamo qui per comodità:

Si noti come la lontana riva sulla sponda opposta del lago sia posta in corrispondenza della linea orizzontale più bassa, mentre la pianta ricada sulla linea di forza verticale sinistra. Un'asimmetria ragionata, potremmo definirla, dettata da una regola che si tende a seguire con una certa frequenza.

In questo caso la scelta è ricaduta sul dare spazio per due terzi a strada e lago, lasciando un terzo al cielo. A discrezione del fotografo la possibilità di fare esattamente il contrario, magari per dare spazio a un cielo particolarmente drammatico o ricco di colori. Optare per 50% per ogni zona? Certo, un'opzione anche quella e non per forza causa di "turbamenti visivi", sia chiaro, ma è indubbio che in caso di concorsi o in presenza di occhi esperti un'inquadratura azzeccata e rispondente alle regole può fare la differenza.

Con questa prima, semplice guida chiudiamo il primo articolo dedicato all'inquadratura, sperando di aver dato un'infarinatura sugli accorgimenti da tenere presente prima ancora di scattare la fotografia. A questo si aggiunga una particolare attenzione a mantenere orizzonti dritti (salvo scelte stilistiche volutamente cercate), nonché di mantenere una postura ferma e sicura, anche in condizioni di luce favorevoli.

Articoli correlati

Fotocamera: sì ma quale? Reflex, mirrorless o compatta?

Fotocamera: sì ma quale? Reflex, mirrorless o compatta?

Si fa presto a dire macchina fotografica. Se fino a poco tempo fa le categorie del digitale erano due e ben divise (reflex e compatte) ora il mercato propone molte intepretazioni: ecco una panoramica per orientarsi meglio


Commenti (37)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Paganetor pubblicato il 11 Luglio 2011, 10:21
Indicazioni sempre valide, fa bene ripeter(se)le
Commento # 2 di: street pubblicato il 11 Luglio 2011, 10:57
aggiungerei che la scelta tra orizzontale e verticale sottosta anche al significato che vogliamo dare all' immagine. quella orizzontale è in genere più equilibrata, sottolineando una staticità e quindi rilassamento, quella verticale è come "in bilico" e aiuta quindi a sottolineare movimento.
Si vede bene osservando il paesaggio: lo scatto orizzontale ispira pace, quello verticale ansia.

Non è quindi sbagliato il secondo, anzi, è solo un' interpretazione diversa
Commento # 3 di: ombra666 pubblicato il 11 Luglio 2011, 10:58
anche se sono cose trite e ritrite per chi è già "iniziato" alla fotografia, fa sempre piacere rileggerle, ben vengano questi articoli hwupgrade
Commento # 4 di: david85 pubblicato il 11 Luglio 2011, 11:05
Bellissimo articolo, per chi come me vuole iniziare dalle basi... aspetterò con ansia il secondo...
Commento # 5 di: Ozzy81 pubblicato il 11 Luglio 2011, 11:54
Originariamente inviato da: Paganetor
Indicazioni sempre valide, fa bene ripeter(se)le


quoto
Commento # 6 di: lostguardian pubblicato il 11 Luglio 2011, 12:19
Ottimo

Vedo che sei delle mie zone, hai beccato un bel tramonto sul lago di gavirate!

i miei complimenti per l'articolo, uno che sta iniziando a fare fotografie non potrebbe iniziare da basi migliori!
Commento # 7 di: floc pubblicato il 11 Luglio 2011, 12:26
che bella idea. da ignorante mostruoso quale sono non posso fare altro che seguire e ringraziare
Commento # 8 di: diabolik1981 pubblicato il 11 Luglio 2011, 12:31
Aggiungo che la regola dei terzi è da rispettare anche nella creazione di presentazioni...e guarda caso gli incroci della linee si chiamano PowerPoint
Commento # 9 di: WaveMax pubblicato il 11 Luglio 2011, 12:57
Nonostante abbia letto e riletto queste regole su tanti libri e siti specializzati, sono sempre validi e non mi stanco mai di rileggerli.
Secondo ma articoli come questi andrebbero ripresentati periodicamente anche a favore di tutti coloro che si avvicinano alla fotografia in tempi diversi.
Articoli di questo genere non sono mai scontati o ripetitivi.
Commento # 10 di: giaelo pubblicato il 11 Luglio 2011, 13:05
dopo il partito anti power-point, io farei quello anti foto storte (presente quelle volutamente con orizzonte obliquo?), pratica sempre + in voga (ahimé!)
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor