Canon PowerShot G7X, tanta qualità in poco spazio

Canon PowerShot G7X, tanta qualità in poco spazio

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“Sensore da 1 pollice, formato tascabile, ottica luminosa: la Canon PowerShot G7X vuole competere direttamente con la Sony RX100. Vanta maggiore zoom e schermo touch, ma soffre di limitata autonomia e la cadenza di scatto RAW è molto bassa. ”

Introduzione

Da quasi 15 anni, ormai, le Canon PoweShot G soddisfano le esigenze dei fotografi che desiderano buona qualità in un corpo compatto (la capostipite G1 debuttò nell'ottobre del 2000).
Con la PowerShot G1 X (2012) e il suo sensore da 1,5", di area utile paragonabile a quella del formato APS-C, Canon propose una vera e propria alternativa compatta alle reflex. È stata però Sony, con la sua RX100 costruita intorno a un sensore da 1", a incontrare maggiormente i favori del pubblico grazie al buon equilibrio tra qualità, ottica luminosa e controlli evoluti racchiusi in un corpo macchina davvero tascabile.

La nuova PowerShot G7X sembra costruita appositamente per competere con il prodotto Sony, nel frattempo giunto alla terza generazione: stesso formato di sensore e identica risoluzione, corpo macchina altrettanto compatto e sottile, eppure dotato di controlli avanzati, ottica altrettanto luminosa (f/1.8-2.8) ma dallo zoom più ampio (focale massima pari a 100mm contro i 70mm della Sony).
Sulla carta, la Canon G7X è anche più veloce nello scatto continuo ad AF attivato (4,4 fps contro 2,9), ed è dotata di schermo touch screen. Sulla carta, sembra proprio, quindi, che la Sony RX100 III abbia trovato una seria rivale.

Il prezzo di listino, pari a circa 700 Euro, non è basso in assoluto, ma è inferiore a quello della diretta concorrente (849,00 Euro).


Generazioni a confronto: PowerShot G7 (10/2006) e PowerShot G7X (10/2014). A 8 anni esatti di distanza, il sensore delle compatte di fascia alta è passato da 1/1.8" - 10 Mpixel a 1" - 20 Mpixel. La gamma ISO è passata da 80-3200 a 125-12.800, e anche l'apertura massima si è espansa: da f/2.8 costante del modello 2006 a f/1.8-2.8 del modello 2014; questo, però, grazie a anche a uno zoom meno estremo, equivalente a 24-100mm (4.2x) contro i 35-210mm equivalenti (6x) della vecchia PowerShot G7. Naturalmente, anche lo spessore fisico di quest'ultima era maggiore (106x72x43mm contro 103x60x40mm).
La G7 debuttò al prezzo di $600 mentre per la G7X servono oggi $700 (701 Euro il prezzo ufficiale per l'Italia).   

BenQ Monitor