Zeiss Otus 1.4/85, i primi scatti

Zeiss Otus 1.4/85, i primi scatti

di Alberto De Bernardi, pubblicata il

“Abbiamo avuto modo di fare qualche scatto allo stand Zeiss di Photokina con il nuovo Otus 85mm. Ecco le immagini e le nostre prime impressioni. ”

Quando, parlando con Zeiss di un nuovo obiettivo, la premessa è: "l'Otus 1.4/85 è il miglior obiettivo che abbiamo mai creato", le aspettative si fanno davvero elevate, e cresce l'impazienza di poterlo provare. Così, in attesa di un test completo, che effettueremo appena possibile, abbiamo utilizzato lo stand Zeiss di Photokina come set per effettuare qualche scatto di prova utilizzando come corpo macchina una EOS 5D Mark III. Per maggior dettagli sulla nuova ottica, vi rimandiamo a questa news.   

La prima impressione, fisica, è stata migliore del previsto. Ci aspettavamo la "solita" qualità e robustezza delle ottiche Zeiss, pienamente confermata, ma osservando le dimensioni del barilotto eravamo anche un po' preoccupati dal peso che un corpo interamente in metallo comporta: 1200g per la versione con attacco Canon; aggiungendo il peso del corpo macchina, si superano abbondantemente i 2 Kg. In realtà, con ottiche relativamente corte come questa, il baricentro è molto vicino al corpo macchina e l'insieme risulta ben equilibrato e poco affaticante.


Immagine originale.


f/1.4


f/4

La fluidità della ghiera di messa a fuoco, solo manuale, è impeccabile, e la sua corsa è eccezionalmente ampia: 261° (obiettivi comuni difficilmente superano i 100°). Questo, unito a una perfetta "consistenza" e resistenza alla rotazione, assicura la precisione necessaria per lavorare a f/1.4. D'altro canto, l'ampia corsa e l'assenza di un motore autofocus rendono l'operazione lenta - difficile ipotizzare un suo impiego in ambito sportivo indoor, come invece si può fare, anche se non è certo il suo settore principale di impiego, con il Canon EF 85mm F1.2 L.


f/1.4


f/2


f/2.8


f/4

Inoltre, per utenti EOS 5D MK III, va segnalato un'altro particolare fastidioso: l'impossibilità di adottare un schermo di messa a fuoco a microprismi o ad immagine spezzata lascia la conferma di messa a fuoco al solo, apposito, LED verde che si trova all'interno del mirino (e al segnale acustico, se si desidera), mentre una conferma visiva diretta sarebbe stata preferibile.


Questa immagine ripresa a "distanza ritratto" rende l'idea della profondità di campo che ci si può aspettare da un'ottica f/1.4 a tutta apertura. La vignettatura è evidente ma piacevole, il contrasto lascia a bocca aperta.

A una prima analisi delle foto scattate sul campo, sembra però che qualsiasi possibile difetto ergonomico di quest'ottica sia destinato a sparire di fronte alle immagini.

Un primo aspetto che ci ha subito colpito è la vignettatura (perdita di luce ai bordi) molto contenuta già a f/1.4, cosa non comune per obiettivi di tale apertura massima. Si nota, ovviamente, ma è meno pronunciata di altri 85mm f/1.8, e l'impressione visiva è che si annulli quasi del tutto a partire da f/4.


Le gocce d'acqua illuminate sullo sfondo sono un buon indice della qualità del bokeh, praticamente perfetto: forme circolari e omogenee, senza gradienti o effetti cromatici indesiderati. Già a f/1.4, of course.

L'apertura f/4 sembra anche essere quella che produce la maggiore nitidezza al centro dell'immagine. La vera buona notizia, nonché il vero indice della qualità dell'ottica, è però che la nitidezza rimane eccezionalmente elevata anche a f/1.4, al centro come ai bordi. Ci riserviamo di dire l'ultima parola di fronte all'analisi quantitativa, ma l'impressione visiva sembra confermare pienamente l'orgoglio di Zeiss.

Le distorsioni sono irrilevabili a occhio nudo con questo set di immagini, e questa non è una sorpresa: da un piccolo tele a focale fissa ce lo si aspetta. A occhio nudo non c'è traccia nemmeno di aberrazione cromatica, e va sottolineato come i JPEG siano stati ottenuti a partire dal RAW, senza correzioni. Impeccabile, infine, la resa dello sfocato. Sembra proprio, quindi, che l'Otus 85mm abbia tutte le carte in regola per essere incoronato il miglior piccolo tele al mondo. Alla prova tecnica il verdetto finale.


Commenti (17)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: demon77 pubblicato il 19 Settembre 2014, 10:37
Che vetrazzo ragazzi.
Tanta tanta roba sul serio.

Complimenti la team Zeiss.
Commento # 2 di: CyborgW pubblicato il 19 Settembre 2014, 10:39
E costa solo 4500$ !! Praticamente REGALATO! xD

A parte gli scherzi, lente fantastica ma per pochi.
Commento # 3 di: Atarix71 pubblicato il 19 Settembre 2014, 10:44
ma chi le ha fatte le foto dell'articolo?!?!? Fanno davvero pena, se devono servire a pubblicizzare un obiettivo beh mamma mia! Almeno quella mossa potevano evitarla!
Commento # 4 di: Notturnia pubblicato il 19 Settembre 2014, 10:47
perché non si puo' usare una lente di fresnel o altro sulla 5DmkIII con questa ottica ?..

"Inoltre, per utenti EOS 5D MK III, va segnalato un'altro particolare fastidioso: l'impossibilità di adottare un schermo di messa a fuoco a microprismi o ad immagine spezzata lascia la conferma di messa a fuoco al solo, apposito, LED verde che si trova all'interno del mirino (e al segnale acustico, se si desidera), mentre una conferma visiva diretta sarebbe stata preferibile. "
Commento # 5 di: roccia1234 pubblicato il 19 Settembre 2014, 10:55
Lente che, otticamente, imho è fin troppo perfetta. Complimenti ai tecnici zeiss: un'ottimo benchmark e prova di forza per i tedeschi.

P.S. non trovo il senso di testarla (ma anche usarla) ad aperture diverse da f/1.4: è proprio qua che si vede la differenza dagli altri 85mm in circolazione e che si giustifica il prezzo elevatissimo. A f/2.8, e a maggior ragione a f/4, sono praticamente tutti delle perfette lame dal centro ai bordi del FF (giocate un po' con the digital picture) e trovo poco sensato acquistare una lente del genere per poi chiuderla... un po' come acqusitare un tatra T815 ed usarlo solo su strada asfaltata per trasportare al massimo una lavatrice del mediaworld.
Commento # 6 di: roccia1234 pubblicato il 19 Settembre 2014, 10:56
Originariamente inviato da: Notturnia
perché non si puo' usare una lente di fresnel o altro sulla 5DmkIII con questa ottica ?..

"Inoltre, per utenti EOS 5D MK III, va segnalato un'altro particolare fastidioso: l'impossibilità di adottare un schermo di messa a fuoco a microprismi o ad immagine spezzata lascia la conferma di messa a fuoco al solo, apposito, LED verde che si trova all'interno del mirino (e al segnale acustico, se si desidera), mentre una conferma visiva diretta sarebbe stata preferibile. "


Magari non ne esistono di compatibili con la 5d3... boh...
Commento # 7 di: a.debernardi pubblicato il 19 Settembre 2014, 11:00
Originariamente inviato da: Notturnia
perché non si puo' usare una lente di fresnel o altro sulla 5DmkIII con questa ottica ?...

"


Non è disponibile lo schermo di messa a fuoco.
Commento # 8 di: azetaelle pubblicato il 19 Settembre 2014, 11:03
Originariamente inviato da: Atarix71
ma chi le ha fatte le foto dell'articolo?!?!? Fanno davvero pena, se devono servire a pubblicizzare un obiettivo beh mamma mia! Almeno quella mossa potevano evitarla!


beh, spezzo una lancia in favore dell'autore dell'articolo
in una fiera tra gente che sgomita e con un prodotto a disposizione per soli 5 minuti è difficile fare di meglio (anche se è vero che l'utlima è mossa)
Commento # 9 di: aqua84 pubblicato il 19 Settembre 2014, 11:39
[FONT="Georgia"]mah...
con la mia hasselblad da 60MP faccio delle foto migliori...[/FONT]
Commento # 10 di: Atarix71 pubblicato il 19 Settembre 2014, 11:42
@azetaelle

sicuramente, ma si sta parlando di un obiettivo da 4500 dollari, personalmente una foto in condizioni di forte luce l'avrei fatta, e' abbastanza noto che i problemi piu' grossi gli obiettivi superluminosi li hanno a diaframma tutto aperto in piena luce, e' li' che vengono fuori le aberrazioni. In pratica le foto dell'articolo non dimostrano nulla, le avrebbero potute fare con un canon 50 f1.4 da 300 euro, lente dignitosissima con cui quelle foto le fai ad occhi chiusi... ;-)
Io ho un canon 50 f1.2 che trovo meraviglioso, soprattutto come bokeh, ma cavolo se tira fuori aberrazioni nelle condizioni che ho indicato! Di contro l'85 f1.2 e' molto meno aberrante e non so quanto varrebbe la pena spendere quasi 3000 euro in piu' per passare a questo zeiss, mi dovessi far trasportare da quel che ho visto in queste foto ti direi sicuramente di no... :-)
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor