Tre X-Photographer italiani per X-Pro2, direttamente dallo Shinkansen giapponese

Tre X-Photographer italiani per X-Pro2, direttamente dallo Shinkansen giapponese

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Sul treno veloce della linea Shinkansen che ci stava riportando a Tokyo dopo 24 ore di scatti a Kyoto abbiamo chiesto a Max De Martino, Simone Raso e Luca Bracali le loro prime impressioni sulla nuova Fujifilm X-Pro2, che hanno utilizzato in anteprima, sotto mentite spoglie, durante la fase di sviluppo: a loro la parola”

In campo fotografico non c'è modo migliore per sviluppare un buon prodotto se non quello di metterlo nelle mani di chi con quello strumento deve quotidianamente 'guadagnarsi la pagnotta'. Fujifilm si è circondata in questi anni da una folta schiera di professionisti, gli X-Photographer, e ha sfruttato molto la loro esperienza per mettere a punto la nuova X-Pro2, fotocamera che rinnova l'ammiraglia della casa nipponica. Tra essi anche alcuni nomi italiani, tre dei quali ci hanno accompagnato nel viaggio in Giappone in occasione della presentazione delle novità Fujifilm, novità che trovate raccontate a questo indirizzo.


Il treno veloce della linea Shinkansen alla stazione di Tokyo ripreso con X-Pro2

Sul treno veloce della linea Shinkansen che ci stava riportando a Tokyo dopo 24 ore di scatti a Kyoto abbiamo chiesto a Max De Martino, Simone Raso e Luca Bracali le loro prime impressioni sulla macchina, che hanno utilizzato in anteprima, sotto mentite spoglie, durante la fase di sviluppo: a loro la parola.

[HWUVIDEO="1965"]Luca Bracali, Max De Martino, Simone Raso: tre X-Photographer per la nuova X-Pro2[/HWUVIDEO]

Commenti (2)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: pingalep pubblicato il 20 Gennaio 2016, 19:41
ooooosteeeeee, com'è....
Commento # 2 di: Manublade pubblicato il 20 Gennaio 2016, 23:28
Solo gli italiani potevano fare una cosa del genere. E parlo della intervista in treno, in Giappone, cosa considerata maleducata dai giapponesi.
BenQ Monitor