Toshiba FlashAir: scheda SDHC con connettività Wi-Fi bidirezionale

Toshiba FlashAir: scheda SDHC con connettività Wi-Fi bidirezionale

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Toshiba lancia il guanto di sfida ad Eye-Fi con la sua scheda FlashAir con connettività Wi-Fi bidirezionale”

Eye-Fi è stato il primo produttore a credere nell'inserimento della connettività Wi-Fi all'interno delle schede di memoria SD, venendo incontro alle esigenze di chi desidera un modo più svelto di interfacciarsi con la propria fotocamera, soprattutto senza bisogno di cavi e fili. I prodotti Eye-Fi hanno avuto una certa diffusione, ma forse non hanno raggiunto il successo di massa sperato: in ogni caso anche Toshiba ha deciso di buttarsi nella mischia e durante i giorni dell'IFA ha presentato la sua scheda SDHC FlashAir da 8GB.

Dotata di connettività Wi-Fi la scheda è in grado di comunicare tramite la rete wireless con altri dispositivi compatibili oppure di interfacciarsi con un server e inviare direttamente le immagini a servizi di storage online. Il dispositivo può essere comodo quindi quando si è in viaggio per avere un backup online delle proprie foto quando si trova un hot-spot Wi-Fi oppure per condividere in modo semplice in mobilità le foto appoggiandosi a uno smartphone. Rispetto a quanto già mostrato da Eye-Fi, la nuova Toshiba FlashAir introduce una comunicazione a due vie, permettendo ad esempio di inviare alla macchina fotografie attraverso la rete, oppure scambiare immagini tra macchine diverse.

Il campionamento della scheda presso i produttori dovrebbe iniziare verso novembre, mentre l'arrivo sul mercato è previsto per febbraio 2010. Per quanto riguarda i costi si parla di un listino iniziale di circa $85. Cruciale, naturalmente, sarà il supporto dei produttori di fotocamere, che dovranno rendere compatibili i propri prodotti per un utilizzo al pieno delle capacità della nuova scheda.


Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: GianL pubblicato il 07 Settembre 2011, 11:17
due sere fa ho visto un documentario su Lagerfeld, e in alcune scene si vedeva lui che fotografava dei modelli con una macchina parecchio strana, non era una reflex digitale tradizionale sembrava più un cannocchiale monocolo con un boxino attaccato in modo un po' spartano con antennina anch'essa poco glamopur, tipo antenne corte per le auto; quando scattava trasmetteva tutto immediatamente a un MacBook Pro lì vicino o a postazioni fisse.

Penso che con questa sarebbe stato tutto molto più "carino".
Commento # 2 di: Portocala pubblicato il 07 Settembre 2011, 11:33
Quindi i produttori di fotocamere dovranno aggiungere il menù WiFi all'interno del software altrimenti non la puoi usare?
Commento # 3 di: PaveK pubblicato il 07 Settembre 2011, 11:33
mentre l'arrivo sul mercato è previsto per febbraio 2010.

Bene dai, manca poco
Commento # 4 di: extremelover pubblicato il 07 Settembre 2011, 11:50
Originariamente inviato da: Portocala
Quindi i produttori di fotocamere dovranno aggiungere il menù WiFi all'interno del software altrimenti non la puoi usare?


Credo di no. La configuri con un qualche sw da PC/Mac. La fotocamera la deve solo alimentare e tu puoi accedere al suo file system via WiFi.
Commento # 5 di: PaveK pubblicato il 07 Settembre 2011, 12:08
Originariamente inviato da: Portocala
Quindi i produttori di fotocamere dovranno aggiungere il menù WiFi all'interno del software altrimenti non la puoi usare?

Se è com per le Eye-fi, la funzionalità wireless è totalmente trasparente alla macchina. Quest'ultima infatti semplicemente scrive il file come farebbe su qualunque altra schedina.
Commento # 6 di: lcfr pubblicato il 07 Settembre 2011, 12:38
Bello!

Finalmente potrò aggiornare le foto sulla cornice digitale o i file MP3 sullo stereo della camera da letto senza stare a sbattermi con cavi USB o monta/smonta della SD...

...Madonna quanto so' pigro!
Commento # 7 di: PietroSkanta pubblicato il 08 Settembre 2011, 10:56
Originariamente inviato da: GianL
due sere fa ho visto un documentario su Lagerfeld, e in alcune scene si vedeva lui che fotografava dei modelli con una macchina parecchio strana, non era una reflex digitale tradizionale sembrava più un cannocchiale monocolo con un boxino attaccato in modo un po' spartano con antennina anch'essa poco glamopur

Era una Hasselblad con un trasmettitore radio per il flash (se ho visto bene era lo stesso che uso io, della Elinchrom). Vista la mole di dati che devono gestire per ogni scatto effettuato (50-100 Mb ognuna) e la velocità di elaborazione necessaria in certi ambienti, quando si lavora con quelle macchine di solito lo si fa tenendole collegate via firewire in modo che possano scaricare ogni foto appena eseguita.
BenQ Monitor