Fujifilm X-E1: non è solo la sorellina di X-Pro1

Fujifilm X-E1: non è solo la sorellina di X-Pro1

di Roberto Colombo, pubblicata il 17 Settembre 2012, alle 14:55

“Fujifilm X-E1 vuole presentarsi a una nuova fascia di pubblico e non vuole essere solo la sorellina di X-Pro1: eccola dal vivo”

Noi l'abbiamo denominata la sorella minore di X-Pro1, ma la nuova Fujifilm X-E1 non vuole proprio sentire questa definizione. Fujifilm ha pensato la nuova fotocamera come una mirrorless dedicata a un'utenza completamente diversa da X-Pro1.

Quest'ultima è dedicata agli amanti del mirino ottico, che trovano nella soluzione ibrida di Fujifilm il connubio tra modernità e tradizione. Il mirino ibrido ha però un costo di produzione non indifferente, che pesa sul prezzo finale di X-Pro1, tale da mettere la fotocamera in una nicchia.

Con X-E1 Fujifilm vuole portare le potenzialità del sensore X-Trans CMOS, che abbiamo lodato per nitidezza nella nostra recensione di X-Pro1, a un pubblico più ampio. Ampio ma non troppo visto il prezzo di acquisto vicino ai mille euro per la versione solo corpo.

Abbiamo parlato della macchina con Riccardo Scotti, di Fujifilm Italia. Oltre al corpo macchina Fujifilm ha presentato anche due nuove ottiche e punta ad espandere a breve termine il sistema arrivando a un totale di 10 obiettivi X-Mount:


Commenti (4)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Eversor2 pubblicato il 18 Settembre 2012, 00:12
Scusate la mia ignoranza, ma non è tantino 400 euro (in kit pergiunta) per un ottica zoom su un sensore APS-C?
Immagino che il made in japan significhi molto, ma sulle canon/nikon entry level le ottiche stabilizzate zoom in kit vanno dalle 70 alle 200 euro in + rispetto al corpo.
Commento # 2 di: Eversor2 pubblicato il 18 Settembre 2012, 00:16
Mi rispondo da solo: immagino che questa ottica si posizioni su ben altro livello qualitativo rispetto alle kit della d3200 o della 1100d, d'altra parte il prezzo del corpo e' il doppio di quello di una reflex entry quindi ci sta in fondo che le ottiche siano di un livello adeguato.
Commento # 3 di: Donagh pubblicato il 18 Settembre 2012, 10:45
Originariamente inviato da: Eversor2
Mi rispondo da solo: immagino che questa ottica si posizioni su ben altro livello qualitativo rispetto alle kit della d3200 o della 1100d, d'altra parte il prezzo del corpo e' il doppio di quello di una reflex entry quindi ci sta in fondo che le ottiche siano di un livello adeguato.


si vero, pero ce sempre da vedere la prova pratica per decretare quanto è adeguata la qualità, io ho la fuji x-pro1 con 35 1.4, costa un po piu di un normale "50 mm" di altre marche ma è di molto superiore (ho anche il canon 50 1.4) anche a tutta apertura (lo uso quasi sempre a TA)

ricordo che oggi è uscito il firmware 2.0 per la fuji x-pro1 e le ottiche
Commento # 4 di: ArteTetra pubblicato il 18 Settembre 2012, 16:19
Originariamente inviato da: Eversor2
Scusate la mia ignoranza, ma non è tantino 400 euro (in kit pergiunta) per un ottica zoom su un sensore APS-C?
Immagino che il made in japan significhi molto, ma sulle canon/nikon entry level le ottiche stabilizzate zoom in kit vanno dalle 70 alle 200 euro in + rispetto al corpo.


Questa ottica è più luminosa dei classici kit, 2.8-4 contro 3.5-5.6, e malgrado questo rimane molto compatta. Guarda quanto ti fa pagare Canon per il suo 17-55 f/2.8, che oltretutto è enorme, pesante e mal costruito.
Inoltre devi considerare che i volumi di vendita saranno piuttosto ridotti.
E comunque la serie X di Fujifilm è pensata per essere qualcosa di "lusso", quindi con prezzi e margini più alti.