Allagamenti in Thailandia: problemi per Sony e Nikon

Allagamenti in Thailandia: problemi per Sony e Nikon

di Alessandro Bordin, pubblicata il

“Le alluvioni che stanno colpendo la Thailandia avranno ripercussioni anche sulla commercializzazione di macchine fotografiche a marchio Sony e Nikon”

Le alluvioni che stanno colpendo la Thailandia sono prima di tutto un'emergenza umanitaria. Sono quasi 300 le vittime degli allagamenti in questa regione del Globo, quasi tutte causate dalla volontà di non abbandonare le proprie abitazioni da parte della popolazione più indigente, temendo furti delle poche cose possedute.

Una terra dalle mille contraddizioni, scelta però da moltissime aziende per il basso costo della mano d'opera e per la perizia del personale specializzato. Non fanno eccezione praticamente tutte le aziende attive nel campo della fotografia che, in questi giorni, subiscono a diverso titolo gli effetti delle inondazioni.

Fra queste sono due le aziende più colpite, ovvero Sony e Nikon. Sony ha recentemente presentato i modelli A77 e A65, equipaggiate con sensore da 23,4 Mpixel e attese al debutto per il mese di ottobre, quello in corso. Sembra però che vi saranno ritardi nella commercializzazione di questi nuovi apparecchi, almeno secondo Techradar, in quanto prodotti proprio nelle aziende localizzate nel luogo del disastro.

Nikon
(credit: noppatjak)

Anche Nikon, stando alle dichiarazioni di Nikonrumors, avrà i suoi problemi. In base alla fonte, la fabbrica colpita è quella che produce la maggior parte delle reflex entry-level della casa giallonera, motivo per cui non è da escludere una commercializzazione a rilento di tali apparecchi.


Commenti (8)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Cfranco pubblicato il 11 Ottobre 2011, 10:51
Non bastava il terremoto ...
E' un anno da dimenticare per le case giapponesi
Commento # 2 di: tazok pubblicato il 11 Ottobre 2011, 11:06
Originariamente inviato da: Cfranco
Non bastava il terremoto ...
E' un anno da dimenticare per le case giapponesi


Giappone <> Thailandia

http://it.wikipedia.org/wiki/Thailandia

http://it.wikipedia.org/wiki/Giappone

Quando funziona usatelo
Commento # 3 di: maumau138 pubblicato il 11 Ottobre 2011, 11:32
Originariamente inviato da: tazok


Questo era ovvio, però le aziende Giapponesi hanno avuto prima problemi con gli stabilimenti produttivi in Giappone (per via del terremoto) e poi con quelli in Thailandia (per via delle alluvioni). Quindi il post n°1 ci sta tutto.
Commento # 4 di: Lybra85 pubblicato il 11 Ottobre 2011, 11:45
Certo però che un terremoto di M9 è un evento difficilmente prevedibile...le alluvioni invece in quella zona del mondo non dico siano all'ordine del giorno ma è un evento che può accadere e vale per la Thailandia e anche zone limitrofe, diciamo che bisogna conoscere i rischi di quando si va ad investire da quelle parti.

Con ciò non voglio dire che devono fare tutto in Giappone perchè un terremoto è meno frequente delle alluvioni nel sud-est asiatico però ecco...neanche mi stupisco troppo
Commento # 5 di: Asterion pubblicato il 11 Ottobre 2011, 11:55
Originariamente inviato da: tazok


Credo si riferisse solo alla provenienza delle aziende, entrambi giapponesi.
Commento # 6 di: tazok pubblicato il 11 Ottobre 2011, 12:04
Originariamente inviato da: Asterion
Credo si riferisse solo alla provenienza delle aziende, entrambi giapponesi.


allora penso ci sia stato un fraintendimento sul termine "case", mentre avrebbe dovuto dire "aziende" come hai scritto tu :-)

Pace
Commento # 7 di: Chelidon pubblicato il 11 Ottobre 2011, 15:09
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Non fanno eccezione praticamente tutte le aziende attive nel campo della fotografia che, in questi giorni, subiscono a diverso titolo gli effetti delle inondazioni.

Sicuri abbiano tutti stabilimenti in Thailandia e non solo quei due? Canon non mi sembra ne abbia nemmeno uno lì..
Di sicuro non ne ha lì Pentax che invece ne ha in Vietnam come anche Olympus.
Samsung nemmeno che io sappia, Panasonic non credo (le aziende tedesche/svedesi inutile nominarle). Quindi va bene che il Vietnam è sempre sud-est asiatico, però allora correggerei la notizia evitando di parlare di sola Thailandia, ma dell'area.
Commento # 8 di: fadeslayer pubblicato il 12 Ottobre 2011, 09:41
canon ha anch'essa dei centri di produzione in quella zona, per alcuni obiettivi e corpi entry level
BenQ Monitor