Nuova Panasonic Lumix G80 con nuovo doppio sistema di stabilizzazione Dual IS 2

Nuova Panasonic Lumix G80 con nuovo doppio sistema di stabilizzazione Dual IS 2

di Roberto Colombo , pubblicato il

“L'aspetto e l'ergonomia sono quelli di una reflex in miniatura, con mirino elettronico centrale, doppia ghiera di regolazione e display orientabile. Offre un sensore Live-MOS da 16 megapixel e video e foto 4K. Nuovo il sistema di stabilizzazione sensore+ottica Dual IS 2. Le caratteristiche tecniche della macchina tradiscono fin da subito le intenzioni di Panasonic di aggredire una fascia di mercato superiore, a partire dal corpo in magnesio a prova di polvere e spruzzi d'acqua.”

Le caratteristiche tecniche della macchina tradiscono fin da subito le intenzioni di Panasonic di aggredire una fascia di mercato superiore

Panasonic è stato il primo marchio a credere nelle mirrorless: per il produttore nipponico è un segmento fondamentale dell'offerta fotografica. Anche in questa edizione di Photokina, Panasonic ha messo sul piatto delle novità. La casa giapponese aveva già una gamma decisamente variegata per le sue Lumix G, ma ha deciso di introdurre un nuovo modello che si discosta dalla nomenclatura utilizzata fino a ora. Avevamo infatti le serie G, GF, GM e GH, tutte con modello indicato a cifra singola: ora con Lumix G80 Panasonic introduce un novità in gamma che va a posizionarsi tra il prodotto 'di massa' G7 e la professionale GH4 per chi preferisce il mirino centrale a quello laterale 'tipo rangefinder' della serie GX. Le caratteristiche tecniche della macchina tradiscono fin da subito le intenzioni di Panasonic di aggredire una fascia di mercato superiore, a partire dal corpo in magnesio a prova di polvere e spruzzi d'acqua. Tra le nuove funzionalità troviamo lo stabilizzatore a 5 assi, in grado di dare vita al sistema doppio Dual IS 2 che è in grado di far lavorare insieme lo stabilizzatore sul sensore e quello integrato nelle ottiche per raggiungere compensazione del movimento fino a 5 stop.

L'otturatore,come già visto su Lumix GX80, abbandona il classico design 'a molla' per una motore elettromagnetico che si occupa di gestire sia lo scatto, sia il ritorno della tendina e che promette di azzerare le micro vibrazioni. Ora Lumix G80 introduce anche la possibilità di utilizzare una prima tendina elettronica, per ridurre ulteriormente le vibrazioni. Con l'otturatore totalmente elettronico la fotocamera arriva a scattare con tempi pari a 1/16.000 di secondo. '4K Photo' è uno dei punti di forza delle mirrorless Panasonic: registrando un filmato 4K la fotocamera mette a disposizione una raffica di fotografie a 8 megapixel, gestibile in diversi modi. Oltre alle modalità già in uso, che permettono ad esempio di estrarre il fotogramma giusto da una raffica, di utilizzare una raffica fatta a diverse regolazioni della messa a fuoco per avere la funzione Posto Focus (messa a fuoco dopo lo scatto) o per quella di Focus Stacking (profondità di campo estesa a tutta l'immagine), ora è possibile salvare sulla scheda tutta la raffica di 5 secondi come serie di 150 foto, azione che prima non era possibile. La raffica a piena risoluzione, 16 megapixel, arriva a 9 fotogrammi al secondo (6 con autofocus continuo), con una profondità della raffica dichiarata di 200 JPEG e 40 RAW. In ambito video la fotocamera permette di registrare sulla scheda (UHS-II), e non solo sull'uscita HDMI esterna, video 8-bit con campionatura 4:2:2. I video 4K sono registrabili a 30p, 25p e 24p. Il sensore Live-MOS da 16 megapixel è privo di filtro antialiasing e il contenimento del moiré è affidato al processore d'immagine Venus Engine.

L'aspetto e l'ergonomia sono quelli di una reflex in miniatura

L'aspetto e l'ergonomia sono quelli di una reflex in miniatura, con mirino elettronico centrale, doppia ghiera di regolazione e display orientabile. Il mirino utilizza un pannello da 2,36 milioni di punti come già visto su altri modelli, ma è stato rivisto nella parte ottica e ora offre in ingrandimento migliore e un eye point di 20mm, permettendo l'utilizzo anche con gli occhiali. Il display posteriore da 1040k punti oltre a essere orientabile offre anche il supporto touch screen. Il design è più squadrato dei modelli che l'hanno preceduta. Tra gli accessori troviamo anche il battery grip, altro elemento che la fa atterrare su un posizionamento più alto degli altri modelli consumer.Tra le connessioni troviamo l'ingresso per un microfono esterno. Sul fronte delle connessioni la presenza del Wi-Fi permette il download senza fili delle immagini e il controllo remoto tramite app su smartphone e tablet.

Abbiamo potuto provare in anteprima un modello pre-produzione della fotocamera, etichettato come 'non-definitivo'. L'ergonomia è buona e la presa, grazie all'impugnatura ben sagomata è salda. I comandi sono ben disposti e la presenza della seconda ghiera di regolazione permette il facile utilizzo della macchina anche in modalità completamente manuale. Abbiamo apprezzato la nuova funzionalità introdotta nella modalità 4K Photo: poter salvare tutta la raffica di 5 secondi permette di scegliere in post produzione su un display di dimensioni maggiori le foto effettivamente riuscite bene e anche di utilizzare poi tutta la serie di scatti a piacimento. Per il pubblico consumer (ma non solo) la funzione 4K Photo apre interessanti potenzialità creative e nelle modalità di focus stacking e di post focus può rappresentare un modo semplice per ottenere scatti che per un amatore potrebbero essere molto complessi.


Il giudizio complessivo sulla macchina dopo il primo breve contatto è nel complesso positivo, ma speriamo di poterla provare presto in laboratorio per mettere alla frusta tutte le sue capacità.

Articoli correlati

EOS M5: Canon cala l'asso in ambito mirrorless

EOS M5: Canon cala l'asso in ambito mirrorless

La nuova Canon EOS M5 è una mirrorless che racchiude in sé tutte le funzionalità della reflex prosumer 80D, ma con un ingombro del 55% inferiore e con un peso che ferma la bilancia 427 grammi. All'interno della nuova Canon MX troviamo infatti lo sensore CMOS in formato APS-C da 24,2 megapixel con tecnologia Dual Pixel AF di ultima generazione, con in più la novità di adottare il nuovo processore d'immagine DIGIC 7
Fujifilm X-Pro2, l'erede di un modello che è già parte della storia

Fujifilm X-Pro2, l'erede di un modello che è già parte della storia

Migliorata in tutto, ma senza tradire lo spirito originale della capostipite, assicura una qualità d'immagine ai vertici della categoria. Il suo approccio old-style si può amare oppure odiare.
Sony A6300, la mirrorless APS-C sfida le ammiraglie

Sony A6300, la mirrorless APS-C sfida le ammiraglie

Discreta (grazie al sensore APS-C) e non molto costosa, la Sony A6300 vanta specifiche che sfidano le ammiraglie reflex: un sistema AF a rilevazione di fase presentato come "il più veloce al mondo", cadenza di scatto da 11 fps, video 4K e molte funzioni avanzate.
Fujifilm X-T2 ufficiale: l'ammiraglia si rinnova con sensore da 24MP, AF potenziato e video 4K

Fujifilm X-T2 ufficiale: l'ammiraglia si rinnova con sensore da 24MP, AF potenziato e video 4K

Fujifilm solleva il sipario sulla mirrorless X-T2, atteso nuovo modello di fascia alta del catalogo che dà il cambio all'apprezzata X-T1 e si presenta al pubblico come un'alternativa alla recente X-Pro 2 dalla quale eredita il sensore da 24,3 megapixel. Un modello, suggerisce Fujifilm, maggiormente adatto alla fotografia sportiva, grazie al rinnovato sistema di autofocus.


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Lionking-Cyan pubblicato il 19 Settembre 2016, 13:05
Questa va praticamente a sostituire la g7?
Spero anche in un confronto con la futura fz2000
Commento # 2 di: Roberto Colombo pubblicato il 20 Settembre 2016, 12:49
Teoricamente dovrebbe piazzarsi tra la G7 e la GH4 (e futura GH5)
Commento # 3 di: AleLinuxBSD pubblicato il 30 Settembre 2016, 16:49
Ottima mossa da parte di Panasonic.

Nota:
Mi auguro che non faccia lo scherzo di non mettere la stabilizzazione sulla GH5 ...
BenQ Monitor