Panasonc Lumix G7, 4K protagonista nel segmento mainstream

Panasonc Lumix G7, 4K protagonista nel segmento mainstream

di Alberto De Bernardi , pubblicato il

“La Panasonc Lumix G7 ha il grande pregio di portare un corpo di ispirazione "pro" e molte tecnologie avanzate nella fascia mainstream. Video 4K, 4KPhoto e DFD sono solo alcuni esempi di ciò che la G7 può offrire. ”

Introduzione

Dopo l'anteprima pubblicata a questo indirizzo, completiamo qui la recensione della Panasonic Lumix G7, aggiungendo la consueta parte tecnica e di misura.

Per quanti si fossero persi l'anteprima, la Panasonic Lumix G7 è una significativa evoluzione della famiglia G, che ha il grande pregio di portare nella fascia mainstream tutta la tecnologia più qualificante dei modelli top di gamma come la GH4 (che, vale la pena ricordarlo, ha debuttato con un prezzo ufficiale di 1499 Euro per il solo corpo, contro i 699 Euro della G7).


Coerentemente con la specializzazione del marchio, la Lumix G7 è, innanzitutto, una fotocamera con eccellenti doti video, che per la prima volta in questa fascia di prezzo arriva alla risoluzione 4K. Si tratta, in particolare, di un flusso video da 100 Mbps @ 25 (PAL) o 30 (NTSC) fps registrato internamente; di conseguenza, facilmente utilizzabile anche da un pubblico amatoriale, a differenza di altri prodotti concorrenti (Sony) di indiscussa qualità ma che richiedono costosi accessori esterni.


Per la prima volta, inoltre, anche i fotografi più classici, non interessati alle doti video, avranno modo di approcciare e apprezzare il 4K grazie alla peculiare tecnologia 4KPhoto, che sfrutta il motore video per registrare temporaneamente ed estrapolare fotogrammi da circa 8 Mpixel ad altissimo frame rate da un flusso video 4K.

Ma la Lumix G7 è una fotocamera che si fa apprezzare anche - forse soprattutto - per altre doti, che vanno oltre gli aspetti più appariscenti. Il corpo macchina è ora a tutti gli effetti a doppia ghiera di comando, come si richiede a un modello professionale, è equipaggiato con un ottimo mirino OLED da 2.360.000 punti con ingrandimento pari a circa 1,4x (circa 0,7x nel formato 35mm), è reattivo, ed è dotato di un solido sistema AF capace di lavorare con pochissima luce. Un ottimo punto di partenza, insomma, per entrare nel mondo della fotografia dall'ingresso principale.

La fotocamera è stata testata principalmente con l'obiettivo Lumix G Vario 14-42mm f/3.5-5.6 II ASPH, parte del kit base per questo modello. Nel corso della prova sono stati utilizzati anche gli obiettivi Leica DG Summilux 25mm F1.4 ASPH, Panasonic Lumix G 42.5mm F1.7 ASPH e Leica DG Macro Elmarit 45mm F2.8 ASPH.

Al momento in cui scriviamo, la Lumix G7 (prodotto ufficiale Italia) è reperibile online a partire da circa 650 Euro (solo corpo) o 750 Euro (kit con 14-42mm).

BenQ Monitor