Terremoto in Giappone: Fujifilm in via di ripresa, Sony ancora ferma a Kumamoto

Terremoto in Giappone: Fujifilm in via di ripresa, Sony ancora ferma a Kumamoto

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Sony è stata la più colpita ed è stata costretta a chiudere uno degli stabilimenti che sforna sensori CMOS e CCD per fotocamere digitali: l'impatto sul business del produttore giapponese è stato tale da spingere Nikon a ritardare l'arrivo sul mercato di alcune compatte che utilizzano sensori prodotti a Kumamoto”

Sono passate due settimane dal terremoto che ha colpito il Giappone nella prefettura di Kumamoto, ma alcuni degli impianti industriali sono ancora interessati da verifiche e riparazioni: tra essi troviamo anche stabilimenti che interessano in prima persona il mercato fotografico. Fujifilm informa oggi che le operazioni nella fabbrica di Kikuyo-cho sono riprese sotto osservazione già dal 23 aprile e che stanno continuando a buon ritmo. La previsione è quella di tornare al regime pre-terremoto entro la fine del mese di maggio, mentre le spedizioni dei prodotti che erano in magazzino al momento del terremoto sono già ricominciate, dopo aver passato un'ulteriore ispezione.

Sony è stata la più colpita ed è stata costretta a chiudere uno degli stabilimenti che sforna sensori CMOS e CCD per fotocamere digitali, videocamere di videosorveglianza e micro-display: l'impatto sul business del produttore giapponese è stato tale da spingere Nikon a ritardare l'arrivo sul mercato di alcune compatte che utilizzano sensori prodotti a Kumamoto. In particolare erano stati i piani superiori degli edifici quelli interessati dai maggiori danni, con le clean room utilizzate per le lavorazioni sui wafer di silicio e gli impianti di produzione, localizzati al piano terra, non hanno subito danni di rilievo. Al piano di sopra avvengono fasi della produzione come l'assemblaggio e le misure, oltre a quelle che interessano i moduli fotocamera completi: qui i danni sono stati più consistenti.

La produzione è ancora ferma, vista la conta dei danni precisa ancora da effettuare, anche a causa delle scosse di assestamento, continuate fino a pochi giorni fa. I prodotti già finiti al momento del terremoto sono già stati ispezionati e Sony ha ripreso le spedizioni, mentre sono ancora in fase di analisi i prodotti semi-finiti e quelli incompleti.


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: calabar pubblicato il 03 Maggio 2016, 00:40
Ragazzi, correggete l'orrore grammaticale nella descrizione prima che troppi lo leggano!
Commento # 2 di: LORENZ0 pubblicato il 03 Maggio 2016, 08:12
"...da spingere Nikon ha ritardare l'arrivo sul mercato di alcune compatte..."

Commento # 3 di: grog-light pubblicato il 03 Maggio 2016, 15:45
Eddai... è KuMamoto non Kunamoto.
BenQ Monitor