Nokia entra nella realtà virtuale con Ozo, fotocamera a 360° per professionisti

Nokia entra nella realtà virtuale con Ozo, fotocamera a 360° per professionisti

di Nino Grasso, pubblicata il

“Nokia ha annunciato ufficialmente Ozo, un setup di 8 fotocamere e relativi obiettivi e microfoni che serve a realizzare video stereoscopici a 360° per la realtà virtuale”

Nokia Ozo è una fotocamera sferica dotata di otto sensori, ed altrettanti obiettivi ed immagini, capace di registrare video 3D stereoscopici a 360°. A differenza di altri setup simili, quello di Nokia è un prodotto pensato con in mente le esigenze dei filmmaker professionisti. Attraverso un sistema di analisi in tempo reale, poi, Ozo consente di offrire una panoramica completa della composizione, dell'illuminazione e del risultato finale che si otterrebbe attraverso un casco in realtà virtuale.

Nokia Ozo
Fonte: TheVerge

Inoltre, i contenuti registrati con Ozo sono riproducibili sin da subito, o quasi. I sistemi attuali richiedono a volte anche ore per unire in un unico file i video registrati con i singoli moduli e creare un'esperienza di realtà virtuale coesa. Ozo, di contro, permette di riprodurre i contenuti registrati in pochi minuti attraverso una post-produzione grezza a bassa risoluzione, e quindi notevolmente più rapida. In questo modo è possibile valutare la validità del contenuto prima di salvarlo definitivamente.

"Ozo punta a far progredire la prossima ondata di innovazione nella realtà virtuale mettendo nelle mani dei professionisti uno strumento potente in grado di creare esperienze diverse in tutto il mondo", ha dichiarato Ramzi Haidamus, presidente di Nokia Technologies. "Ci aspettiamo che le esperienze in realtà virtuale miglioreranno ben presto radicalmente il modo di comunicare e di vivere le storie, l'intrattenimento, gli eventi del mondo, e anche di connettere gli utenti l'uno con l'altro".

Il Presidente di Nokia sostiene che con Ozo la società pianifica di essere una parte imprescindibile di questo nuovo settore. I contenuti registrati con il particolare setup finlandese, dopo essere stati registrati e post-prodotti, saranno disponibili per la visione attraverso caschi appositi per la realtà virtuale, come ad esempio Oculus Rift, o GearVR di Samsung. Ad aver supportato sul piano finanziario il progetto troviamo Jaunt, produttore di attrezzature per la realtà virtuale con sede a Palo Alto, nell'americana California.

Il prezzo finale di Ozo, così come le caratteristiche più tecniche, verranno annunciate nella prossima stagione autunnale, nel periodo in cui il prodotto verrà rilasciato commercialmente.


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Univac pubblicato il 29 Luglio 2015, 12:03
Credo sia solo 360° senza 3D, sarebbero stranamente in anticipo su tutti.
Commento # 2 di: AlPaBo pubblicato il 29 Luglio 2015, 14:01
Originariamente inviato da: Univac
Credo sia solo 360° senza 3D, sarebbero stranamente in anticipo su tutti.


Immagino che sfruttino la sovrapposizione degli angoli di visione delle varie telecamere per mantenere comunque due immagini stereografiche.

In quanto ai 360°, dall'immagine sembra che vi siano 6 immagini sul diametro principale e due davanti (come "dietro" intendo l'estrusione del contenitore sferico che si vede a sinistra nella foto). Se è così, non dovrebbe registrare verso la parte posteriore.
D'altra parte, i 360° sono ambigui in questi casi in quanto fanno riferimento a un angolo planare e non a un angolo solido (che dovrebbe essere misurato in steradianti): significano solo che la visione è completa lungo una circonferenza massimale (un meridiano), non che la visione è possibile in tutte le direzioni.
Commento # 3 di: TrudTilp pubblicato il 30 Luglio 2015, 11:09
La pinna caudale al retro che diavolo gli servirebbe? :-\
BenQ Monitor