Nikon presenta D5300: Wi-Fi, GPS e sensore da 24 MP senza filtro AA

Nikon presenta D5300: Wi-Fi, GPS e sensore da 24 MP senza filtro AA

di Michele Tarantini, pubblicata il

“La casa giallonera ha presentato la nuova Nikon D5300: svariate le caratteristiche che l'avvicinano a D7100 guadagnando inoltre gli inediti Wi-Fi e GPS integrati ”

A circa un anno di distanza dalla presentazione di Nikon D5200 ecco svelare da parte del colosso giapponese la nuova generazione di reflex d'ingresso con caratteristiche evolute, modello D5300. In un segmento composto da articoli con cicli di vita tanto brevi e nel quale la concorrenza si è fatta ormai estremamente serrata presentare una nuova fotocamera in grado di offrire al pubblico qualcosa di nuovo senza cannibalizzare gli altri prodotti a listino può risultare impresa tutt'altro che semplice.

Dopo che la precedente generazione aveva ereditato dalla mid range D7000 diverse caratteristiche -tra le quali spiccava il modulo autofocus Nikon Multi-CAM 4800DX con rilevazione di fase TTL con 39 punti AF- ecco che la casa nipponica per D5300 ha deciso di puntare sull'implementazione di caratteristiche, seppure non prettamente fotografiche, addirittura totalmente inedite sulle reflex della casa.

Nikon

Nikon D5300 è infatti la prima reflex della casa giallonera ad essere dotata di moduli Wi-Fi e GPS incorporati. Tramite dispositivi iOS o Android sarà quindi possibile controllare a distanza la fotocamera, ricevere le foto catturate per poi condividerle ed archiviarle come meglio si preferisce. Nei metadati delle foto saranno naturalmente presenti tutte le informazioni relative alla posizione (latitudine,longitudine e altitudine) dove si è scattata l'immagine grazie al modulo GPS integrato; modulo che rimane attivo anche a fotocamera spenta, registrando in questo modo tutti gli itinerari percorsi, funzione pensata per essere sfruttata dal software ViewNX 2 di Nikon per creare mappe di viaggio da memorizzare poi in qualsiasi social network che supporti la funzione GPS.

Per quanto riguarda il design D5300 ha ereditato sostanzialmente tutto da D5200, riuscendo però ad essere leggermente meno pesante (pesa 480 grammi, batteria esclusa) ed ingombrante (misura 125 x 98 x 76mm). Tra le differenze di maggior evidenza con D5200 salta subito all'occhio il nuovo display posteriore orientabile da 3.2" e 1.037.000 punti. Sotto la scocca D5300 continua a condividere la risoluzione massima del sensore CMOS in formato DX APS-C da circa 24 megapixel con la sorella minore D3200 ma con una novità che da molti sarà giudicata come una delle principali: la totale assenza di filtro low-pass ottico. Nikon ha infatti scelto di portare in questa fascia di mercato la stessa filosofia adottata prima su D800E e poi su D7100 cercando di incrementare la qualità dell'immagine tramite la conservazione dei dettagli più fini ottenuta grazie all'assenza di filtro AA.

Nikon D5300 - principali caratteristiche

Sensore APS-C (23.5 x 15.6 mm) CMOS
Risoluzione effettiva 24 Megapixel
Dimensioni immagini 6000x4000 - 4496 x 3000 - 2992 x 2000 pixel
Processore Expeed 4
Sensibilità ISO da 100 a 12800, con boost a 25600
Display TFT LCD articolato, 3,2 pollici, 1.0370.00 pixel
Mirino ottico Pentaspecchio, 95% di copertura
Velocità otturatore da 1/4000 a 30 secondi
Scatto a raffica 5 al secondo
Formati video MGEP4 - H.264

1920 x 1080 (60, 50, 30, 25, 24 fps)

1280 x 720 (60, 50 fps)

640 x 424 (30, 25 fps)

Archiviazione foto scheda singola SD/SDHC/SDXC
Batteria utilizzata EN-EL14a or EN-EL14
Wi-Fi
GPS
Dimensioni 125 x 98 x 76 mm
Peso 480 grammi, con batteria

Il nuovo processore EXPEED 4 permette di spingere ora la gamma ISO nativa fino a 12.800 (estendibile all'occorrenza fino a 25600) e di scattare raffiche a 5fps. L'entry level evoluta di Nikon permette inoltre ora la registrazione di filmati FullHD 60p. Rispetto alla diretta concorrente, Canon EOS 700D, che può vantare un display touch screen ed il sistema di autofocus "Hybrid", D5300 ha dalla sua maggiori risoluzione e punti AF, la possibilità di registrare in 1080 a 60p oltre che i moduli Wi-Fi e GPS integrati.

Come spesso accade per aggiornamenti di questo genere il nuovo modello non costituisce una vera e propria rivoluzione ma solamente un'evoluzione del modello precedente; andando ora ad offrire caratteristiche addirittura estranee a segmenti superiori (che però continuano ad vantare specifiche esclusive e per molti irrinunciabili come ad esempio la doppia ghiera) pur mantenendo tutti i limiti tipici del segmento entry level come mirino reflex a pentaspecchio con copertura del fotogramma pari a circa il 95% e tempi di otturazione compresi tra 1/4000sec e 30 secondi.

Nikon D5300 sarà disponibile nelle colorazioni nero, grigio e rosso partire dal prossimo mese ad un prezzo che dovrebbe attestarsi agli €900 per il solo corpo macchina e poco sopra gli €1.000 per il kit con il classico zoom Nikkor 18-55mm VR. Di seguito una galleria di immagini.


Commenti (20)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: AUTOMAN pubblicato il 17 Ottobre 2013, 12:48
A 900 euro la vedo poco convincente, ti ritrovi sempre un corpo macchina entry level con mirino pentaspecchio e otturatore da 1/4000s, solo la conta dei mpixel non mi sembra sufficiente a giustificare quel prezzo. Che dite?
Commento # 2 di: Opteranium pubblicato il 17 Ottobre 2013, 13:00
oddio, la k-5 IIs sta sui 1100 di mercato, vero è che è tutta un'altra storia..
Commento # 3 di: AUTOMAN pubblicato il 17 Ottobre 2013, 13:09
Originariamente inviato da: Opteranium
oddio, la k-5 IIs sta sui 1100 di mercato, vero è che è tutta un'altra storia..


Mpixel a parte è TUTTA un'altra macchina, una signora macchina.
Commento # 4 di: zyrquel pubblicato il 17 Ottobre 2013, 13:09
Originariamente inviato da: AUTOMAN
A 900 euro la vedo poco convincente

come tutte le macchine entrylevel all'uscita il prezzo è ridicolmente alto...ci si può prendere una D7000 con obbiettivo o una D7100 solo corpo con 900€
Commento # 5 di: roccia1234 pubblicato il 17 Ottobre 2013, 13:20
A memoria non mi sembra ci sia tutta 'sta differenza dalla D5200... a 900€ è decisamente cara, con 200€ di più c'è la D7100, che è tutt'altra storia.

Originariamente inviato da: AUTOMAN
A 900 euro la vedo poco convincente, ti ritrovi sempre un corpo macchina entry level con mirino pentaspecchio e otturatore da 1/4000s, solo la conta dei mpixel non mi sembra sufficiente a giustificare quel prezzo. Che dite?


1/4000 è più che sufficiente per chiunque. Se proprio vuoi scattare a f/1.4 col sole a picco, ci sono i filtri ND o il pola.

Ma che è, la nuova moda questo benedetto 1/8000? Non è nulla di magico, è giusto 1 stop in più che la stragrande maggioranza delle persone sfrutta una manciata di volte nella vita.
Commento # 6 di: AUTOMAN pubblicato il 17 Ottobre 2013, 13:50
Originariamente inviato da: roccia1234

1/4000 è più che sufficiente per chiunque. Se proprio vuoi scattare a f/1.4 col sole a picco, ci sono i filtri ND o il pola.

Ma che è, la nuova moda questo benedetto 1/8000? Non è nulla di magico, è giusto 1 stop in più che la stragrande maggioranza delle persone sfrutta una manciata di volte nella vita.


Sicuramente si sopravvive anche con quello da 1/4000s, anch'io ho usato per anni macchine con quel "limite", però è anche vero che mi è capitato di sforare perchè avevo gli iso relativamente alti dopo che per esempio passavo da una zona in ombra a una di luce, e per non perdere l'attimo non ci stai a far caso nell'immediato...
Comunque di fondo un otturatore da 1/8000s si spera che sia più avanzato/robusto/veloce nelle raffiche e di solito lo usano su macchine più costose, appunto per quei motivi.
Commento # 7 di: aled1974 pubblicato il 17 Ottobre 2013, 14:08
... saranno naturalmente presenti tutte le informazioni relative alla posizione (latitudine,longitudine e altitudine) dove si è scattata l'immagine grazie al modulo GPS integrato; modulo che rimane attivo anche a fotocamera spenta, registrando in questo modo tutti gli itinerari percorsi, funzione pensata per essere sfruttata dal software...


la batteria ringrazia sentitamente così come il proprietario che se nel tragitto casa-luogo da fotografare ovvia togliendo la batteria poi dopo che deve fare per preservare un po' di carica? Togli-metti di continuo perchè non si può disabilitare il gps?

o sto fraintendendo io l'articolo in quanto il gps PUO' essere lasciato in funzione ma SI PUO' anche spegnere, volendo? Non saranno mica stati così pazzi da fare una cosa simile, no?

ciao ciao
Commento # 8 di: roccia1234 pubblicato il 17 Ottobre 2013, 14:24
Originariamente inviato da: AUTOMAN
Sicuramente si sopravvive anche con quello da 1/4000s, anch'io ho usato per anni macchine con quel "limite", però è anche vero che mi è capitato di sforare perchè avevo gli iso relativamente alti dopo che per esempio passavo da una zona in ombra a una di luce, e per non perdere l'attimo non ci stai a far caso nell'immediato...
Comunque di fondo un otturatore da 1/8000s si spera che sia più avanzato/robusto/veloce nelle raffiche e di solito lo usano su macchine più costose, appunto per quei motivi.


In quel caso l'errore è stato tuo, avresti dovuto prepararti o comunque tirare giù gli iso tramite comandi rapidi o impostarli in auto.

Alla peggio, comunque, avresti sovraesposto di 1 stop, non un gran danno...

Originariamente inviato da: aled1974
la batteria ringrazia sentitamente così come il proprietario che se nel tragitto casa-luogo da fotografare ovvia togliendo la batteria poi dopo che deve fare per preservare un po' di carica? Togli-metti di continuo perchè non si può disabilitare il gps?

o sto fraintendendo io l'articolo in quanto il gps PUO' essere lasciato in funzione ma SI PUO' anche spegnere, volendo? Non saranno mica stati così pazzi da fare una cosa simile, no?

ciao ciao


Mah, spero si possa spegnere... gps always on anche a macchina spenta è una vaccata, quanto durerebbe la batteria? .

O magari si è in mezzo al nulla per un paio di giorni, e la amcchina consuma inutilmente batteria, magari di notte mentre si dorme, per il gps?
Commento # 9 di: Marko#88 pubblicato il 17 Ottobre 2013, 14:35
Originariamente inviato da: roccia1234
Ma che è, la nuova moda questo benedetto 1/8000? Non è nulla di magico, è giusto 1 stop in più che la stragrande maggioranza delle persone sfrutta una manciata di volte nella vita.



Più che altro per una questione che un otturatore da 1/8000 "tecnicamente" è migliore di uno da 1/4000.
Detto questo, scattare a 1/8000 non capita mai e di finire letteralmente un otturatore idem, generalmente la voglia di cambiare corpo arriva ben prima
Quella del GPS è bella, spero sia disattivabile davvero...
Commento # 10 di: roccia1234 pubblicato il 17 Ottobre 2013, 15:23
Originariamente inviato da: Marko#88
Più che altro per una questione che un otturatore da 1/8000 "tecnicamente" è migliore di uno da 1/4000.
Detto questo, scattare a 1/8000 non capita mai e di finire letteralmente un otturatore idem, generalmente la voglia di cambiare corpo arriva ben prima
Quella del GPS è bella, spero sia disattivabile davvero...


Beh ma l'otturatore penso sia l'ultima cosa che da problemi in una reflex, a meno di beccarlo difettoso.

Per finirlo... dovresti fare almeno 100k scatti... ora che li raggiunge un amatore il corpo macchina fa in tempo a diventare vecchio decrepito.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor