Compattezza e prezzo aggressivo: ecco le carte di Olympus OM-D E-M10

Compattezza e prezzo aggressivo: ecco le carte di Olympus OM-D E-M10

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Olympus mette sul piatto, dopo i tanti rumor, la nuova OM-D E-M10, piccola mirrorless che punta sui tratti in comune con le sorelle maggiori OM-D e sul prezzo più aggressivo per farsi notare”

Squadra che vince non si cambia. Olympus ha quindi scelto di continuare a battere sul tasto del mix formato da aspetto vintage e simil-reflex per la sua nuova mirrorless Micro Quattro Terzi. La nuova Olympus OM-D E-M10 diviene la più accessibile della serie OM-D, ma pesca a piene mani dal corredeo delle sorelle più grandi. Il sensore da 16 megapixel è lo stesso di OM-D E-M5, mentre dalla top di gamma E-M1 la piccola 'ruba' il processore TreuPic VII e la connettività Wi-Fi.

Rispetto alle sorelle maggiori offre uno stabilizzatore sul sensore più classico (a tre assi invece dei 5 di E-M5 ed E-M1) e non offre la porta accessori. La fotocamera punta sulle dimensioni ridotte e sul prezzo più contenuto rispetto alle sorelle per farsi notare, sia nella gamma Olympus, sia nel segmento delle mirrorless. Compatte sono anche le ottiche che Olympus lancia assieme alla macchina: un pancake luminoso M.ZUIKO DIGITAL 25mm f1.8, che inquadra un angolo di campo di un 'normale' su full frame, e il nuovo zoom kit collassabile M.ZUIKO DIGITAL 14-42mm f 3.5-5.6 EZ. Molto particolare poi l'ottica-tappo 9mm F8 Fish-Eye.

Il sensore da 16 megapixel si spinge fino a 25600 ISO di sensibilità massima e la macchina puà scattare raffiche fino a 8 frame al secondo (3,5 fps con autofocus con tracking attivo). Nella protuberanza superiore che ospita il mirino la macchina integra anche un flash pop-up. Il mirino elettronico ha risoluzione 1.440.000 punti e lavora a 120fps. Grazie al sensore di prossimità la macchina passa automaticamente le immagini al display da 3,0", dotato di meccanismo basculante.

Non mancano nel corredo della macchina gli Art Filter, funzionalità lanciata nel mondo mirrorless proprio da Olympus e ora divenuti un must del settore. La fotocamera offre due ghiere di regolazione, oltre a una ghiera dei modi e a diversi pulsanti personalizzabili. La connettività Wi-Fi (l'accoppiamento con lo smartphone può avvenire in modo semplice tramite QR code) permette oltre alla condivisione immediata delle foto, anche il controllo remoto da parte del cellulare o dello smartphone. Il prezzo sarà uno dei suoi punti di forza: negli USA il corpo costerà $699, mentre la versione kit con zoom 14-42mm costerà 100 dollari in più. Siamo in attesa dei prezzi ufficiali per l'Italia.


Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: efrite15 pubblicato il 29 Gennaio 2014, 11:36
Veramente un'ottima macchina fotografica!! Peccato l'assenza del GPS che in molti casi può tornare utile... Mi piacerebbe vedere una recensione approfondita.
Non ci sono inoltre informazioni sulla parte Video
Commento # 2 di: umby85 pubblicato il 29 Gennaio 2014, 12:56
La domanda che mi sorge è: sarà weather sealed?
Se lo fosse, allora a quel prezzo sarebbe incredile!
@efrite15: Credi davvero che il GPS integrato sia così importante? Vista la quantità di smartphone attivi in Italia e visto che quasi tutti gli smartphone hanno il GPS, non credi che risparmiare la batteria della macchina fotografica abbia la precedenza?
Commento # 3 di: zi1024 pubblicato il 29 Gennaio 2014, 14:01
No, non e' weather sealed.
Commento # 4 di: umby85 pubblicato il 29 Gennaio 2014, 14:40
@zi1024: La tua notizia mi rende molto triste. :-(
Commento # 5 di: efrite15 pubblicato il 29 Gennaio 2014, 18:02
@umby85

La risposta è: SI, penso sia importante, per diversi motivi.
Io attualmente utilizzo un GPS esterno della QstarZ per geotaggare le mie foto (quasi esclusivamente "street" e, nonostante abbia provato praticamente QUALSIASI software in circolazione (da Lightroom al software Google, inclusi gli ufficiali QStarZ) c'è SEMPRE qualche problema (io lavoro esclusivamente in RAW) o di compatibilità, o di dati scritti male, o problemi di corrispoendenza con l'orario (mi è capitato di non aggiornare il "fuso" e modificare la data di scatto, che normalmente è una cavolata, si è rivelato un incubo...). E sono solo alcune problematiche... avere il GPS a bordo (magari disattivabile) per me sarebbe manna dal cielo... poi capisco che non sia l'esigenza dei più... ma se uno spende 700eurazzi per una macchina penso che un antenna da 5dollari si possa anche inserire...
BenQ Monitor