Canon: ecco come riconoscere i prodotti contraffatti

Canon: ecco come riconoscere i prodotti contraffatti

di Roberto Colombo, pubblicata il

“Il mercato degli accessori contraffatti da un lato toglie ricavi ai produttori, ma dall'altro espone gli utenti a pericoli: ecco come riconoscere gli originali”

Il mercato degli accessori è una delle voci di bilancio molto importanti per i produttori di fotocamere: batterie, caricabatterie, impugnature verticali sono tra gli oggetti che vedono il maggiore smercio. A volte i ricambi originali possono avere dei costi abbastanza elevati ed è tentazione per molti la ricerca di alternative meno costose. Ci si può affidare ai produttori di terze parti, sempre cercando di non scendere troppo a compromessi sul fronte della qualità: alcuni produttori offrono accessori di grande qualità, ma i prezzi non possono essere troppo concorrenziali, chi invece offre prezzi troppo bassi probabilmente ha risparmiato sulla qualità in qualche punto della lavorazione. A volte, volendo rimanere nell'ambito degli accessori originali, si trovano offerte particolarmente vantaggiose o prezzi decisamente stracciati, ma bisogna sempre stare attenti a non imbattersi in prodotti contraffatti.

Si tratta di un grosso problema per i produttori, non solo per i mancati ricavi, ma anche per i problemi che gli utenti possono poi riscontrare, addebitando la colpa alla Canon, Nikon o Sony di turno. I problemi possono essere la mancanza di prestazioni, ma anche sfociare in problematiche più gravi, come il surriscaldamento, fino ad arrivare all'incendio o all'esplosione.

A volte è molto difficile distinguere un accessorio originale da uno contraffatto e Canon da diverso tempo sta puntando ad innalzare il livello di consapevolezza degli utenti sul problema, anche con pratiche guide per evitare brutte sorprese. Un di queste è apparsa recentemente in unop stand Canon e recita:

  1. Il logo o la stampa sulla batteria sono sfocati
  2. I prodotti usano un font diverso
  3. La confezione utilizza un rosso diverso dal 'Rosso Canon'
  4. L'accessorio ha un ologramma diverso
  5. Il prezzo è stranamente basso
  6. La confezione ha un aspetto economico
  7. Il prodotto è privo del manuale d'uso
  8. La batteria o l'accessorio si inseriscono con difficoltà
  9. La batteria o il caricatore si surriscaldano
  10. La batteria non mantiene la carica

Questi sono i principali 10 indizi che dovrebbero farci sospettare di aver ricevuto una fregatura e acquistato un accessorio non originale, ma spacciato per tale. Canon consiglia, per evitare problemi, di rivolgersi solo a rivenditori autorizzati, prestando particolarmente attenzione quando si acquista da siti esteri. Alcuni degli indizi sembrerebbero difficili da riconoscere a prima vista, ma è sufficiente (nel caso del font, del colore e del logo) mettere a confronto gli accessori acquistati con il materiale originale Canon in nostro possesso per evidenziare le differenze. In caso di dubbi ci si può rivolgere direttamente a Canon per un controllo e per assicurarsi di non essere stati truffati.


Commenti (19)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Paganetor pubblicato il 05 Marzo 2014, 12:07
E quei prodotti che non sono di Canon, ma che vengono realizzati da produttori "stimati"?

Tipo la Duracell: http://www.duracelldirect.it/fotoca...pno/bp-511.html

questi sono autorizzati? Sono "sicuri"?
Commento # 2 di: Aenil pubblicato il 05 Marzo 2014, 12:20
Originariamente inviato da: Paganetor
E quei prodotti che non sono di Canon, ma che vengono realizzati da produttori "stimati"?

Tipo la Duracell: http://www.duracelldirect.it/fotoca...pno/bp-511.html

questi sono autorizzati? Sono "sicuri"?


direi di sì, così come ho trovato batterie cinesi a pochi euro che comunque una volta aperte* mostravano caratteristiche identiche a quella originale. ma appunto sono eccezioni ed in Canon fanno bene a segnalare questa cosa.

*cosa che sconsiglio in quanto abbastanza pericolosa..
Commento # 3 di: frankie pubblicato il 05 Marzo 2014, 12:32
Direi di si!

Compatibile è diverso da contraffatto. Il primo è autorizzato, il secondo no.

Ricordo una recensione molto tecnica sui caricabatteria USB. I peggiori non erano i compatibili, che in alcuni casi erano migliori degli originali, ma i tarocchi, vere e proprie schifezze elettriche.

Anche io ho preso un paraluce canon compatibile, 8€ vs 43€, vero che son materiali e finiture diverse, ma alla fin fine è un pezzo di plastica, e la satinatura interna l'ho fatta io in 2 minuti.
Commento # 4 di: Rubberick pubblicato il 05 Marzo 2014, 12:33
Bisogna fare attenzione con i prodotti contraffatti anche quando meno ce lo si aspetta:

Un noto shop online di cui non faccio nome ma molto apprezzato dagli utenti per via delle spedizioni veloci, a volte gratuite e con un ottimo servizio assistenza clienti in passato ha avuto problemi a causa dei suoi stessi utenti.

In pratica gli utenti che facevano, compravano batterie originali? se le facevano arrivare? prendevano la batteria scrausa che avevano comprato per due soldi e la mettevano nello scatolino di quella originale mandando indietro il prodotto per recesso o roba simile...

Risultato: per un breve periodo son cominciate a girare batterie fasulle in confezioni originali talvolta anche dotati di ologramma di questa o quell'altra ditta, ora dovrebbe essere tutto risolto.

E' per questo motivo che i manifacturers stanno volutamente facendo delle confezioni che si distruggono letterlamente sia come cartone che come plastica al momento dell'apertura... per rendere impossibile un ritorno del prodotto al negozio senza che ci si renda conto di eventuali manomissioni all'articolo originale. E se ci sono "restituzioni" vengono passate come è giusto che sia alla lente di ingrandimento per evitare fregature..

ps: se volete rispondermi non quotate il messaggio intero ma un cut, altrimenti non sarò in grado di editarlo.
Commento # 5 di: Aenil pubblicato il 05 Marzo 2014, 12:36
Originariamente inviato da: Rubberick
A volte il problema però si può riscontrare anche negli shop online, anche quelli + fidati.

Un noto shop online di cui non faccio nome ma molto apprezzato dagli utenti per via delle spedizioni veloci, a volte gratuite e con un ottimo servizio assistenza clienti in passato ha avuto problemi a causa dei suoi stessi utenti.

In pratica gli utenti che facevano, compravano batterie originali? se le facevano arrivare? prendevano la batteria scrausa che avevano comprato per due soldi e la mettevano nello scatolino di quella originale mandando indietro il prodotto per recesso o roba simile...

Risultato: per un breve periodo son cominciate a girare batterie fasulle in confezioni originali talvolta anche dotati di ologramma di questa o quell'altra ditta.

E' per questo motivo che i manifacturers stanno volutamente facendo delle confezioni che si distruggono letterlamente sia come cartone che come plastica al momento dell'apertura... per rendere impossibile un ritorno del prodotto al negozio senza che ci si renda conto di eventuali manomissioni all'articolo originale.


che gente, certo che bisogna anche averci del tempo da perdere per pensare solo 'ste cose..
Commento # 6 di: Rubberick pubblicato il 05 Marzo 2014, 12:39
Originariamente inviato da: Aenil
che gente, certo che bisogna anche averci del tempo da perdere per pensare solo 'ste cose..


meno male che avevo chiesto la cortesia di non quotare tutto il topic in risposta, sei anche al reply subito sotto ^_^'

Ad ogni modo io la vedo molto semplice:

Potrebbero semplicemente fare un simpatico database con tutti i numeri di serie delle batterie con un codice di controllo associato un pò come i seriali dei software.
Sulle batterie, o sulla confezione o su una documentazione interna andrebbe poi stampato un qrcode che porta alla pagina di controllo.

Se uno ha comprato un prodotto contraffatto e non lo sa può semplicemente andare armato di prova dal rivenditore e glie ne dice 4..

In alcuni prodotti è un sistema già usato.. e per alcuni produttori di ssd se metti dentro al pc l'ssd e fai un check su internet ti dice se è genuino originale o meno..
Commento # 7 di: qboy pubblicato il 05 Marzo 2014, 12:47
5. Il prezzo è stranamente basso
sopratutto questo
Commento # 8 di: Rubberick pubblicato il 05 Marzo 2014, 12:50
Originariamente inviato da: qboy
5. Il prezzo è stranamente basso
sopratutto questo


si ma la fregatura + brutta la becchi quando pensi che uno stock sia originale ma non lo è

facciamo un esempio di un prodotto che si vende a 50 euro...

trovi gli shop + cari che se la sparano a 55, 60, 65 mano mano che vogliono lucrare di +

ma ci sarà anche qualche vat player o shop di fascia + economica che lo vende a 45... - 40..

non è come dire 12 euro...

tu lo compri, magari ti fidi e invece è contraffatto a quel punto che fai?

io risolvo comprando dal negozio + caro e con assistenza migliore una tantum e se c'e' qualcosa che non va li tengo ore al tel.. ma nn so gli altri..
Commento # 9 di: Therinai pubblicato il 05 Marzo 2014, 14:27
Originariamente inviato da: Rubberick
io risolvo comprando dal negozio + caro e con assistenza migliore una tantum e se c'e' qualcosa che non va li tengo ore al tel.. ma nn so gli altri..


Link ad immagine (click per visualizzarla)
Commento # 10 di: frankie pubblicato il 05 Marzo 2014, 15:16
Ehm ma poi scrivi qui e il primo BM ti dice che su trovaprezzi lui lo potrebbe acquistare a moolto meno. Peccato che in___prezzi mi ha già fregato due volte in relazione ai primi vendor: una volta uno solo, e ribadisco solo a transazione avvenuta aggiungeva le spese paypal, mentre il secondo era del gruppo granbazaar, tuttora vivo e vegeto (occhio).

E per lo stesso motivo la valutazione dell'usato non dovrebbe essere fatta su quello.

Morale: i pezzi se posso li prendo nel negozio fisico a 2km da casa, senza spese di spedizione e di rispedizione in caso di problemi.
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor