Canon: catena produttiva operativa al 100% entro fine giugno

Canon: catena produttiva operativa al 100% entro fine giugno

di Roberto Colombo, pubblicata il

“L'ultima stima rivede le tempistiche di recupero degli stabilimenti Canon: entro fine giugno dovrebbe tornare tutto alla normalità dopo il terremoto dell'11 marzo 2011”

Le capacità di recupero dopo i disastri (naturali o creati dall'uomo) è una delle caratteristiche che maggiormente contraddistingue il popolo giapponese. Dopo il terribile terremoto dello scorso 11 marzo, con la successiva ondata Tsunami a devastare le coste, diverse aziende erano state messe in ginocchio. La catena produttiva di alcuni settori, tra cui quello dell'imaging, sembrava essere compromessa per lungo periodo, tanto da portare alcuni marchi, come Canon, non solo ad avvertire gli utenti di possibili carenze di prodotti e di ritardi nel lancio di novità, ma anche a rivedere al deciso ribasso le previsioni finanziarie per il 2011.

Canon aveva dichiarato che la catena di fornitura non sarebbe tornata completamente operativa se non, in modo indeterminato, verso giugno/luglio, ma l'ultima stima del colosso nipponico pare dare per sicuro il recupero al 100% entro la fine del mese di giugno, togliendo dall'incertezza e permettendo di rivedere al rialzo le stime del fatturato di quasi 50 milioni di yen pari a 600 milioni di dollari.

Nel frattempo la casa biancorossa ha profuso il suo impegno anche nel diversificare la sua produzione in differenti siti, per evitare il blocco totale in caso di problemi ai una fabbrica o in un grappolo di stabilimenti: la fabbrica in costruzione a Kyushu sarà ampliata rispetto al progetto iniziale proprio a questo scopo.


Commenti (7)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Paganetor pubblicato il 24 Maggio 2011, 09:20
che poi è uno dei concetti base del backup: non accatastare tutto nello stesso posto, che in caso di problemi sei fregato!

Comunque bene così, fa piacere leggere che i giapponesi si stanno rimettendo in corsa!
Commento # 2 di: utentenonvalido pubblicato il 24 Maggio 2011, 10:22
Mi chiedo se ci sia qualche rischio che oggetti provenienti dal giappone, costruiti nelle vicinanze di fukushima, possano essere radioattivi e quindi dannosi per la nostra salute.
Onestamente con un bambino piccolo in casa ho qualche timore adesse a comprare qualcosa fabbricato in giappone ...
Commento # 3 di: Paganetor pubblicato il 24 Maggio 2011, 10:58
non credo ci sia pericolo: personalmente ho contatti con alcune aziende giapponesi e molte esportano allegando un certificato di verifica per la radioattività (io parlo di impianti industriali, se ti piazzi qualche tonnellata di metallo radioattivo in officina è un problema...)
Commento # 4 di: gervi pubblicato il 24 Maggio 2011, 17:36
ed invece il problema esiste eccome se esiste.

Io avevo gli stessi dubbi , che sono certezze o quasi , basta googlare e vedere cosa dicono scienziati NON di parte a proposito.

Eè ovvio che nessuna azienda che fa core business ammetterebbe mai che si siano rischi!

E men che meno quando si parla di controlli , perchè è chiaro che tutto viene insabbiato pur di vendere!!!!

Occhio!!

NON è da sottovalutare questo problema , sate attenti , NON fidatevi di cio che dicono le multinazionali..

possiblile che NON vi venga il minimo dubbio??

I controlli sono falsati , xchè anche li c'è la corruzione pur di insabbiare la verità.


Poi quando ci sono casi di tumore in aumento in tutto il mondo e ce ne sono , NON dobbiamo dire che la causa è il destino e ragionare come nel medioevo.

C'è una spiegazione a tutto.

Quindi è bene informarsi per rendersi conto che la reatà attuale è molto critica, attenti.

State attenti per favore, la salute è la cosa + importante.

A che serve comprare comprare e comprare se poi succedono disatri e non te le puoi godere??

state attenti , il rischio contaminazione c'è è reale eccome.


Le aziende MAI diranno la verità , xchè devono vendere...

xazzarola , ma possibile che NON vi viene il benche minimo dubbio , il ragionevole dubbio che sto capitalismo sfrenato antepone i SOLDI prima di tutto..dannazione.....


State attenti mannaggia!!!!!!!!!!!


Usate la tecnologia per informarvi su TUTTO!!

La cosa che + mi fa rabbia è che nessun forum italiano , nessun sito , anche la redazione di hwupgrade che reputo onesta e consapevole abbia parlato nemmeno minimamente di questo pericolo!!!!

Come se Fukushima NON esistesse , come se nulla fosse successo!

Ma davvero per poter parlare è necessario che esploda un continente intero???




Commento # 5 di: Paganetor pubblicato il 24 Maggio 2011, 19:25
eh ma che pippe mentali che ti fai!

non ho detto che in Giappone tutto funzioni alla perfezione e che non ci sia stata una fuga di materiale radioattivo: ho fatto un esempio che conosco
Commento # 6 di: gervi pubblicato il 24 Maggio 2011, 20:38
Originariamente inviato da: Paganetor
eh ma che pippe mentali che ti fai!

non ho detto che in Giappone tutto funzioni alla perfezione e che non ci sia stata una fuga di materiale radioattivo: ho fatto un esempio che conosco


no va be , sono stato impetuso ed irascibile nel post.

però purtroppo non sono seghe mentali , magari lo fossero , è che le Radiazioni in realtà sono molto....astarde ......aihmè....sono + contaminanti di un virus o di un batterio.

E rimangono zonzolanti per centinaia e centinaia di anni , avvelenando tutto chio chè incontrano.

Poi come al solito , nonostante l'esperienza negativa di chernobyl , anche a Fukushima NON hanno imparato dagli ORRORI del passato.

Anzi hanno fatto di peggio, poichè con la fusione del nucleo hanno appestato anche il Mare , il pacifico , oltre all'aria.

Quindi solo in futuro si avranno gli effetti negativi.

E chiaramente quando la memoria storica sull'evento svanirà , tutti si chiederanno:: ma come mai stanno aumentando i tumori ????

Risposta:: vedere gli orrori dei decenni passati dovremo rispondere.

xchè NON ce ne ricorderemo +.

Ma le cause vanno ricercate nel passato

Negli ultimi 60 anni::

dabbe bombe nucleari di Hiroshima e Nagasaki, + tutti gli altri esperimenti nucleari fatti , + tutti gli incidenti nucleari verificatisi ( Mile Islands-Chernobyl-Fukushima , ed altri che abbiamo dimenticato , xchè avvenuti anche quando molti di noi ancora non erano nati) , le radiazioni che rimangono attive x migliaia di anni e che sono presenti in ogni parte del mondo , in misura maggiore o minore ( ma non c'è differenza alla fine) , hanno influito , influiscono ed influiranno , sulle patologie dell'uomo!!!


Purtroppo.

NON sono pessimista ma semplicemente realista.
Commento # 7 di: Stefano Landau pubblicato il 26 Maggio 2011, 09:01
Originariamente inviato da: gervi
no va be , sono stato impetuso ed irascibile nel post.

però purtroppo non sono seghe mentali , magari lo fossero , è che le Radiazioni in realtà sono molto....astarde ......aihmè....sono + contaminanti di un virus o di un batterio.

E rimangono zonzolanti per centinaia e centinaia di anni , avvelenando tutto chio chè incontrano.

Poi come al solito , nonostante l'esperienza negativa di chernobyl , anche a Fukushima NON hanno imparato dagli ORRORI del passato.

Anzi hanno fatto di peggio, poichè con la fusione del nucleo hanno appestato anche il Mare , il pacifico , oltre all'aria.

Quindi solo in futuro si avranno gli effetti negativi.

E chiaramente quando la memoria storica sull'evento svanirà , tutti si chiederanno:: ma come mai stanno aumentando i tumori ????

Risposta:: vedere gli orrori dei decenni passati dovremo rispondere.

xchè NON ce ne ricorderemo +.

Ma le cause vanno ricercate nel passato

Negli ultimi 60 anni::

dabbe bombe nucleari di Hiroshima e Nagasaki, + tutti gli altri esperimenti nucleari fatti , + tutti gli incidenti nucleari verificatisi ( Mile Islands-Chernobyl-Fukushima , ed altri che abbiamo dimenticato , xchè avvenuti anche quando molti di noi ancora non erano nati) , le radiazioni che rimangono attive x migliaia di anni e che sono presenti in ogni parte del mondo , in misura maggiore o minore ( ma non c'è differenza alla fine) , hanno influito , influiscono ed influiranno , sulle patologie dell'uomo!!!


Purtroppo.

NON sono pessimista ma semplicemente realista.


/OT (in realtà si dovrebbe parlare di Canon....... )
Purtroppo non si considera però una cosa. Il PETROLIO e tutti i suoi derivati sono molto peggio del nucleare. Lentamente stanno avvelenando la terra provocando disastri immani. Io addebito alla produzione smodata di co/2 almeno la metà delle vittime di tornado e tifoni degli ultimi 30 anni.
Guardiamo solo quest'anno quanti morti ci sono stati. Ben di più di chernobyl e fukushima messe assieme. Solo che con il Petrolio, non ce ne rendiamo conto, perchè è una cosa che facciamo da sempre. In un bicchiere d'acqua non poi annegare...... in un mare si. Lo stesso concetto della quantità si applica alla co/2. Un fuocherello non fa nulla, ma quello che stiamo facendo senza che ce ne rendiamo conto sta cambiando il clima dell'intero pianeta. Sperando di non generare qualche cosa di IRREVERSIBILE.

La gente ha paura di ciò che non conosce, quindi il NUCLEARE genera Isterismi e panico nella gente ignorante (ignorante in materia, quindi nel 99.999 % della popolazione)

Però sia con Chernobyl che Fukushima, alla fine nella peggiore delle ipotesi rimarrà contaminata una zona limitata (poche decine di km dalla centrale) mentre con il PETROLIO, oltre a finanziare il terrorismo islamico avveleniamo tutto il pianeta.

Quello che dobbiamo fare è smetterla di abboccare ai gridi allarmistici che servono solo per far guadagnare visibilità al politico all'opposizione di turno, ma ragionare.

Io so che dobbiamo fare una sola cosa ora

SMETTERE DI BRUCIARE PETROLIO IL PIU' PRESTO BOSSIBILE.

questo vuol dire abbattere il consumo energetico del 70-80% a livello mondiale, oppure andare sul nucleare, intgrandolo con altre fonti, che però non sarebbero in grado di sostituire al 100% il petrolio, cosa possibile invece con l'aiuto del nucleare.

FINE Off Topic.
BenQ Monitor