Nikon D5500: primo contatto con la reflex e le ottiche 55-200mm collassabile e 300mm F4

Nikon D5500: primo contatto con la reflex e le ottiche 55-200mm collassabile e 300mm F4

di Alberto De Bernardi , Roberto Colombo , pubblicato il

“Nikon D5500 aggiorna la gamma delle reflex entry level della casa giallonera portando il supporto touchscreen sul display orientabile assieme all'interessante ghiera virtuale messa a disposizione da esso. L'abbiamo incontrata assieme alle nuovo ottiche AF-S Nikkor 300mm f/4E PF ED e AF-S Nikkor 55-200mm f/4-5.6G ED VR II che fanno della compattezza il loro punto di forza”

Nikon D5500: è l'ora del touch

Nikon è stato l'unico produttore in ambito fotografico a puntare molto sul CES di Las Vegas, distinguendosi dal resto della compagine per la presentazione di un corpo macchina reflex, la nuova Nikon D5500. In accoppiata alla macchina sono arrivati anche un nuovo tele zoom di dimensioni compatte e il nuovo 300mm F4, anch'esso orientato alla massima trasportabilità. Abbiamo incontrato i nuovi prodotti dal vivo a Torino presso la sede Nital, il distributore ufficiale per il nostro Paese dei prodotti Nikon. Partiamo subito con il nostro primo contatto con la nuova dimagrita reflex:

[HWUVIDEO="1681"]Nikon D5500: primo contatto dal vivo[/HWUVIDEO]

Nikon D5500 è un'evoluzione del precedente modello D5300 (prodotti particolari a parte in casa Nikon il 4 è bandito) a cui - praticamente - aggiunge solo il supporto touchscreen sul display posteriore orientabile. Si tratta nella pratica di un'aggiunta non da poco: ora regolare i parametri di scatto avanzati è ancora più semplice e la funzione Fn Touch aggiunge una ghiera virtuale, assegnabile a una funzione a piacere, da utilizzare quando si sta guardando nel mirino. Mentre si sta inquadrando, muovendo il dito sul display (che apparirà nero) è possibile modificare il parametro scelto: un paio di esempi sono la sensibilità ISO, ma anche il punto di messa a fuoco.

Il cuore della fotocamera non cambia, basandosi sul sensore APS-C CMOS con 24,2 milioni di pixel effettivi (23,5x15,6 mm e crop factor 1,5x). Come nel modello precedente il sensore in formato DX è privo del filtro OLPF anti-aliasing, puntando nella direzione della nitidezza e lasciando al processore EXPEED 4 il lavoro per il contenimento del moiré: nuovi algoritmi di gestione hanno permesso di innalzare la sensibilità nominale fino a 25600 ISO, gradino prima raggiungibile solo in modalità espansione. Anche Nikon D5500 rimane fedele al collaudato modulo autofocus Nikon Multi-CAM 4800DX con 39 punti AF (di cui 9 a croce), oltre che al mirino con il 95% di copertura e ingrandimento 0,82x. Nikon ha scelto di eliminare il GPS, ritenuto poco utile, a favore di un dimagrimento generalizzato, con un peso inferiore di 60 grammi rispetto al modello precedente. Non mancano poi Wi-Fi e supporto ai video Full HD 60p con ingresso audio per microfoni esterni.

BenQ Monitor