EIZO ColorEdge CG248-4K, nuovo display 4K per i professionisti

EIZO ColorEdge CG248-4K, nuovo display 4K per i professionisti

di Alessandro Bordin, pubblicata il

“Nuovo display ad alte prestazioni da EIZO, che con il modello ColorEdge CG248-4K mette a disposizione dei professionisti dell'immagine un monitor da 23,8 pollici con risoluzione 4K di elevata qualità”

Techpowerup ci informa della presentazione da parte di EIZO di un nuovo display professionale per i creativi dell'immagine, il modello ColorEdge CG248-4K. La sigla mette in chiaro un paio di caratteristiche chiave, ovvero la diagonale di 24 pollici (23,8 per essere precisi) e la risoluzione 4K, 3180x2160 pixel.

EIZO

La diagonale per certi versi ridotta, abbinata alla risoluzione molto elevata, porta la densità dei pixel a ben 185 ppi, un valore notevole considerando che siamo di fronte a un display desktop e non a uno smartphone. La tecnologia utilizzata è quella IPS con retroilluminzione a LED, mentre da citare è il sensore interno per l'autocalibrazione del colore. Rimanendo in tema, EIZO dichiara una copertura dello spazio colore Adobe RGB del 99%, 100% Rec. 709 (standard per la TV ad alta risoluzione), EBU e SMPTE-C, 77% Rec. 2020 e del 93% per quello DCI.

Confermando sia la natura professionale del prodotto, sia la nota attenzione per la qualità del colore offerto dai propri dispositivi, EIZO fornisce con ColorEdge CG248-4K il servizio cloud ColorNavigator Network, per avere a disposizione un ulteriore strumento per la calibrazione del monitor, a patto di avere installato sul ColorNavigator NX.

EIZO ColorEdge CG248-4K può essere utilizzato anche con l'orientamento portrait e vanta una visione ottimale fino a 178° su entrambi gli assi. A livello di connessioni troviamo 2 DisplayPort (ver. 1.2), 2 HDMI e 3 USB 3.0, mentre la garanzia è di 5 anni. Si troverà in vendita a partire da aprile ad un prezzo ancora da definire.


Commenti (15)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: AleLinuxBSD pubblicato il 17 Marzo 2015, 12:12
Io penso che schermi che supportano risoluzioni così elevate dovrebbero essere di maggiori dimensioni dato che le scritte (menù, opzioni, etc), indipendentemente dalle possibilità di personalizzazioni, di SO e degli stessi applicativi, risultano di più difficile leggibilità.
Anche se ovviamente, a parità di tecnologia, qualità, ecc., presentano costi maggiori ed i maggiori ingombri, in determinati casi, rendono simili sistemi non adatti in certe realtà.
Commento # 2 di: Avatar0 pubblicato il 17 Marzo 2015, 12:28
Originariamente inviato da: AleLinuxBSD
Io penso che schermi che supportano risoluzioni così elevate dovrebbero essere di maggiori dimensioni dato che le scritte (menù, opzioni, etc), indipendentemente dalle possibilità di personalizzazioni, di SO e degli stessi applicativi, risultano di più difficile leggibilità.
Anche se ovviamente, a parità di tecnologia, qualità, ecc., presentano costi maggiori ed i maggiori ingombri, in determinati casi, rendono simili sistemi non adatti in certe realtà.


Chi si può permettere un monitor del genere, ne ha ovviamente anche altri dove parcheggiare le barre degli strumenti e tutto quello che gli serve per lavorare comodo, di sicuro non lo userà come desktop primario.
Commento # 3 di: Marci pubblicato il 17 Marzo 2015, 12:43
Originariamente inviato da: Avatar0
Chi si può permettere un monitor del genere, ne ha ovviamente anche altri dove parcheggiare le barre degli strumenti e tutto quello che gli serve per lavorare comodo, di sicuro non lo userà come desktop primario.


Quoto, basta anche un 17" messo affianco per parcheggiare l'interfaccia ed usare il 24" solo per l'area di lavoro.
Io ad esempio, uso il mio portatile Precision connesso ad un Dell u2412 tenendo l'interfaccia sul monitor del laptop
Commento # 4 di: Ginopilot pubblicato il 17 Marzo 2015, 13:00
Il punto forte di questo monitor non e' certo la risoluzione 4k.
Commento # 5 di: palleggiatore pubblicato il 17 Marzo 2015, 13:09
come ordine di grandezza di che prezzi si parla?
Commento # 6 di: Ginopilot pubblicato il 17 Marzo 2015, 13:17
Penso dal millino in su
Commento # 7 di: benderchetioffender pubblicato il 17 Marzo 2015, 13:44
Originariamente inviato da: AleLinuxBSD
Io penso che schermi che supportano risoluzioni così elevate dovrebbero essere di maggiori dimensioni dato che le scritte (menù, opzioni, etc), indipendentemente dalle possibilità di personalizzazioni, di SO e degli stessi applicativi, risultano di più difficile leggibilità.


mmmm proprio no eh! se le interfacce sono costruite intorno ad alte risoluzioni dpi (osx sicuro, mi pare di si anche per windows 8, linux non saprei, non avendo monitor ad altissima definizione non mi sono mai informato) la leggibilità aumenta notevolmente, in maniera totalmente indipendente dalla dimensione del monitor... anzi, un monitor grandissimo 29" in su ti costringe a lavorare ad una certa distanza a schermo pieno.... allora si un dpi troppo alto diventa controproducente

per la leggibilità fai pure un giro al centro commerciale a vedere un monitor retina (tanto per beccare qualcosa di facile da trovare e testare) e confrontalo con uno normale....la differenza c'è e si vede

bel bestio, peccato che richieda un lavoro serio per giustificarne l'esborso
Commento # 8 di: AleLinuxBSD pubblicato il 17 Marzo 2015, 13:51
Per le sue caratteristiche si tratta di prodotti destinati alla fotografia/video ad alta risoluzione, dove la collocazione, riveste un'importanza critica, per cui potrebbe risultare non sempre fattibile/pratico disporre di spazi adeguati specialmente in configurazioni che prevedono più monitor.

Un conto sono le configurazioni multi-monitor esistenti per i settori finanziario, giochi, architettonici (2D), altro conto sono quelle che prevedono criticità nella gestione del colore.

Originariamente inviato da: benderchetioffender
se le interfacce sono costruite intorno ad alte risoluzioni dpi
la leggibilità aumenta notevolmente, in maniera totalmente indipendente dalla dimensione del monitor...

La migliore leggibilità a cui ti riferisci è essenzialmente dovuta a miglioramenti nella tecnologia dei monitor in grado di fornire una percezione migliore, ma esiste un limite a quanto una scritta piccola risulti di facile lettura.

Originariamente inviato da: benderchetioffender
anzi, un monitor grandissimo 29" in su ti costringe a lavorare ad una certa distanza a schermo pieno....

Sicuramente esiste questa problematica, ma nessuna soluzione è perfetta.
Commento # 9 di: palleggiatore pubblicato il 17 Marzo 2015, 14:19
visto che mi sembrate ferrati, ne approfitto: i monitor eizo a tubo catodico come si confrontano con gli lcd eizo? voglio dire, un professionista che lavora in tipografia/fotolito con un monitor eizo a TC (che a quanto mi risulta riesce a scalare moltissime risoluzioni proprio per il fatto di essere a tubo catodico) quale vantaggio avrebbe a passare ad un monitor come questo?
il 4k è superiore alla risoluzione massima di un monitor a tubo catodico e quindi finalmente per questo tipo di professioni si può parlare di passo in avanti o c'è altro?
Commento # 10 di: PhoEniX-VooDoo pubblicato il 17 Marzo 2015, 14:31
Originariamente inviato da: palleggiatore
come ordine di grandezza di che prezzi si parla?


l'Eizo CG247 sta a 1600 euro.
Per questo aggiungerei 1000, circa..
« Pagina Precedente     Pagina Successiva »
BenQ Monitor