Computational Zoom: NVIDIA e UniversitÓ della California unite per la composizione delle foto in post-produzione

Computational Zoom: NVIDIA e UniversitÓ della California unite per la composizione delle foto in post-produzione

di Alessandro Bordin, pubblicata il

“Emerge al Siggraph 2017 una nuova tecnica di composizione delle foto digitali, con la possibilitÓ di eseguire in post produzione cambiamenti impensabili con le normali fotocamere. Esercizio o rivoluzione? Non mancherÓ il nostro parere dopo avervi descritto di cosa si tratta”

Il Siggraph 2017 di Los Angeles Ŕ un appuntamento che nel tempo sta assumendo sempre pi¨ importanza nel mondo della tecnologia e del digital imaging. La descrizione che segue a Siggraph sul sito ufficiale recita proprio "International Conference on Computer Graphics and Interactive Techniques", facendoci capire che il tema principale Ŕ la computer graphic e le tecniche ad essa legate.

Proprio una di queste tecniche viene ripresa da molti siti specializzati, usando come tamburo di risonanza non solo il prestigio dell'UniversitÓ della California, ma anche il nome dell'altra realtÓ che lo ha realizzato, ovvero NVIDIA. La tecnica prende il nome di Computational Zoom (qui il documento ufficiale) e si propone di garantire un modo del tutto nuovo di comporre gli scatti, il tutto in post produzione e non  durante il click. Il risultato Ŕ difficile da spiegare a parole, motivo per cui vi invitiamo a guardarvi il video che alleghiamo, verso la fine. Poi ovviamente procederemo a spiegare qualcosa in pi¨ riguardo a questa tecnica.

I ricercatori e il team di NVIDIA hanno insomma tentato una strada insolita nel mondo della fotografia, ovvero variare lo sfondo del soggetto a piacere in fase di post produzione sfruttando la potenza computazionale e un numero elevato di scatti realizzati utilizzando la stessa focale, ma a distanze diverse dal soggetto. Avviene via software una sorta di analisi e rendering delle immagini, con la possibilitÓ di variare lo sfondo tenendo fisso il soggetto.

Lo scopo? Rendere disponibile questo strumento come plug-in o anche come app sul telefono. Risultati di questo genere non sono possibili con le tecniche di post produzione tradizionale, nel senso che in tempo reale non si pu˛ ricomporre l'immagine e avvicinare o allontanare lo sfondo. Una rivoluzione o esercizio universitario? Saremo tradizionalisti, ma a noi sembra molto pi¨ il secondo. Ma forse stiamo invecchiando, e troppi anni nel mondo della tecnologia ci hanno tolto la possibilitÓ di stupirci facilmente.


Commenti (3)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, cosý da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non Ŕ detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: lucusta pubblicato il 04 Agosto 2017, 01:44
il trench con le infradito è impareggiabile.
il resto.. con photoshop viene meglio.
Commento # 2 di: giocaridi pubblicato il 04 Agosto 2017, 06:30
quando un uomo indica la luna lo stupido guarda il dito

non sono in grado di valutare l'articolo ma il commento di locusta mi sembra ancora inferiore alle mie capacità
Commento # 3 di: amd-novello pubblicato il 04 Agosto 2017, 08:32
ti sei registrato per questo? che bisogno impellente
BenQ Monitor