Sony FE 100mm F2.8 STF e FE 85mm F1.8: due sorprese per Sony A7. Primo contatto

Sony FE 100mm F2.8 STF e FE 85mm F1.8: due sorprese per Sony A7. Primo contatto

di Roberto Colombo , pubblicato il

“Due medio tele nati per il sistema mirrorless Full Frame Sony Alpha A7: hanno anime diverse, ma sono entrambi obiettivi decisamente azzeccati. Ve li raccontiamo nel nostro primo contatto sul campo. Sony FE 100mm F2.8 STF offre grande nitidezza e sfocato di riferimento grazie al design Smooth Trans Focus apodizzato e FE 85mm F1.8 dimostra di tenere il passo del fratello maggiore pur costando solo un terzo del suo listino”

La strategia di Sony in ambito mirrorless è stata certamente vincente: partita con un sistema APS-C l'azienda giapponese aveva già previsto un bocchettone abbastanza grande da ospitare ottiche e sensore Full Frame. Il lancio di Alpha A7 e dei modelli che poi l'hanno declinata secondo le diverse esigenze del mercato è stata una pietra miliare per la compagnia nipponica. Un sistema fotografico è però composto non solo dai corpi macchina ma soprattutto dalle ottiche. Anche in questo senso lo sforzo di Sony è stato importante: ad oggi sono 42 le ottiche dedicate al sistema mirrorless nato con le NEX e 22 di esse sono compatibili coi corpi full frame.

Il passaggio fondamentale per Sony nel modo della fotografia era avvenuto con l'acquisto di Minolta e l'eredità dello storico marchio giapponese ogni tanto ritorna ancora a galla negli attuali prodotti Sony. La nuova ottica STF è una di quelle che affonda le sue radici proprio nei prodotti Minolta, questa volta però con una dose di rinnovo tecnologico decisamente interessante. Diciamo 'questa volta' perché già in passato Sony aveva ripreso alcune delle ottiche Minolta con un leggero restyling e l'esempio più lampante è proprio l'ottica STF per il sistema reflex/SLT Sony 135mm F2,8 [T4,5] STF, che era rimasto ancorato al vecchio design senza autofocus.

Partendo da quel concetto, Sony ha creato un nuovo design per un'ottica autofocus con schema ottico con un elemento apodizzato, dando così vita al nuovo Sony FE 100mm F2.8 STF (Smooth Trans Focus) GM OSS: che è un obiettivo autofocus, stabilizzato e con costruzione resistente alle intemperie. L'ottica è stata presentata assieme al nuovo Sony FE 85mm F1.8 Prime e con essa è stata protagonista ieri di una sessione di scatto in una villa della nella campagna inglese. Come dicevamo ora il filtro apodizzante viene integrato in uno schema ottico moderno, con autofocus e soprattutto con l'uso anche di una lente asferica: secondo quanto detto da Sony questo design dovrebbe unire i vantaggi delle ottiche moderne orientate verso la massima risoluzione alla morbidezza del bokeh delle ottiche Smooth Trans Focus con elemento apodizzato. Quest'ultimo è una lente con un filtro ND variabile radialmente, trasparente al centro e più scuro verso i bordi. Dovrebbe garantire ottimo dettaglio dei punti a fuoco e resa morbida di quelli fuori fuoco: bokeh morbido, ma assenza di aberrazione sferica grazie all'integrazione della lente asferica nello schema ottico.

Naturalmente la presenza dell'elemento apodizzante ha un impatto sulla quantità di luce che riesce ad attraversare l'obiettivo. L'ottica riporta quindi anche la trasmittanza reale: in termini più semplici a tutta apertura ha la profondità di campo di un'ottica F2.8, ma ha la 'luminosità' di un'obiettivo F5.6. Il fatto, considerato l'ottimo comportamento delle mirrorless Sony agli alti ISO, rappresenta un problema molto meno che in passato.

La messa a fuoco è affidata a un motore supersonico piezoelettrico: Direct Drive Super Sonic Motor. Le prestazioni in accoppiata al corpo Sony Alpha A7 R II ci sono parse molto buone, nonostante la relativa scarsa luminosità dell'ottica. La messa a fuoco è parsa precisa oltre che sufficientemente veloce: la precisione in un obiettivo che spesso verrà utilizzato a tutta apertura e che punta molto sullo sfocare è una componente essenziale e Sony sembra aver fatto un ottimo lavoro per quanto riguarda il nuovo Sony FE 100mm F2.8 STF GM OSS. In generale la messa a fuoco si muove tra 1 metro e infinito, ma Sony ha dotato l'ottica della possibilità di mettere a fuoco fino a 57cm di distanza: la modalità è disponibile ruotando l'apposita ghiera (con pulsante di sblocco) sul barilotto dell'ottica. Le possibilità Macro (ingrandimento 0.25x) unite allo sfocato molto morbido sono uno dei punti di forza di questo obiettivo, che si è dimostrato abbastanza versatile nell'uso, ma che trova nel ritratto uno dei suoi campi di utilizzo per eccellenza.

Anche a tutta apertura offre una nitidezza di riferimento su tutto il campo inquadrato: questo è forse il particolare che più ci ha stupito del nuovo obiettivo e il lavoro fatto da Sony in merito è davvero egregio. Inoltre l'ottica è stabilizzata con sistema Optical SteadyShot, per tenere lontano il mosso anche dai corpi non stabilizzati. Con Sony Alpha A7 R II è stato possibile scattare a mano libera anche oltre il tempo di sicurezza ottenendo scatti nitidi a 42 megapixel, dove il micro mosso è sempre in agguato. L'obiettivo, inoltre, non ha problemi a lavorare anche in condizioni difficili, essendo tropicalizzato, come gli altri suoi fratelli della serie Sony G-Master.

Il difetto principale del nuovo Sony FE 100mm F2.8 STF GM OSS è uno: il prezzo. Con un listino di €1850 non rientra certo tra le ottiche 'accessibili'. Ha comunque tutte le carte in regola per giocarsela a viso aperto nel mercato degli obiettivi premium, sfidando gli amici/concorrenti di un marchio storico come Zeiss.

Tra le due ottiche il nuovo Sony FE 85mm F1.8 Prime poteva sulle prime poter essere oscurato dal fratello maggiore, ma è stata invece la più grande sorpresa di giornata. Piccolo e leggero - abbastanza da poter entrare nel corredo dei fotografi viaggiatori - offre delle prestazioni di rilievo su fronte della nitidezza a tutta apertura.

Complice l'elevata apertura, non sfigura nel confronto con il fratello maggiore per quanto concerne lo sfocato, naturalmente più duro, ma comunque molto efficace nello staccare il soggetto dallo sfondo. Sempre l'elevata apertura, in accoppiata al motore di messa a fuoco con due motori lineari, permette all'autofocus di essere molto veloce e preciso.

L'ottica non sbilancia i corpi mirrorless né in termini di peso, né in termini di dimensioni e risulta molto efficace a livello ergonomico, con una ghiera di messa a fuoco di generose dimensioni. Contando che il suo prezzo è un circa un terzo del fratello maggiore (650€) crediamo che il nuovo Sony FE 85mm F1.8 Prime ha le carte in regola per diventare uno degli obiettivi più desiderati del sistema Sony A7.


Commenti

BenQ Monitor