Pentax 645Z IR: ora la medio formato vede l'infrarosso

Pentax 645Z IR: ora la medio formato vede l'infrarosso

di Roberto Colombo, pubblicata il

“PENTAX 645Z IR è una versione speciale della medio formato equipaggiata con sensore CMOS da 50 megapixel che, come reso evidente dal nome, spinge la sensibilità del sensore anche nella regione dell'infrarosso”

Pentax ha trovato nel medio formato uno sbocco molto interessante e sta continuando a sviluppare i suoi prodotti in quel settore. L'ultima nata è PENTAX 645Z IR, versione speciale della medio formato tropicalizzata equipaggiata con sensore CMOS da 51 megapixel che, come reso evidente dal nome, spinge la sensibilità del sensore anche nella regione dell'infrarosso. Pentax presenta infatti una versione della sua fotocamera priva del filtro IR, in grado di vedere la radiazione elettromagnetica fino alla lunghezza d'onda di 1100nm. Il sensore copre così tutto lo spettro dal visibile all'infrarosso. Chi fosse interessato a sfruttare solo lo spettro IR può utilizzare, come generalmente accade, un filtro apposito per bloccare la luce visibile.

La differenza di lunghezza d'onda tra lo spettro visibile e quello infrarosso è tale che i sistemi di messa a fuoco tradizionali a rilevazione di fase non funzionano, ma l'utilizzo di un sensore CMOS permette di accedere alla visualizzazione Live View, con la quale mettere a fuoco in modo manuale con tutti gli aiuti messi a disposizione dalla fotocamera. I possibili clienti di questo tipo di macchina solo gli istituti i ricerca, musei, agenzie governative e specialisti forensi. Pentax ad esempio pubblica due immagini che rendono evidenti le potenzialità della visione infrarossa nell'analisi di reperti.


Commenti (5)

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - Info
Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email personale (vedere in alto sotto il titolo). Non è detto che una domanda diretta inserita nei commenti venga verificata in tempi rapidi. In alternativa contattare la redazione a questo indirizzo email.
Commento # 1 di: Chelidon pubblicato il 28 Novembre 2015, 12:10
Bene adesso voglio vedere anche la rivisitazione di qualche vecchio schema per questi usi specialistici come erano i leggendari Ultra Achromatic Takumar!

Caspita non l'avrei mai detto che per questa nicchia si dedicasse addirittura il prodotto di più alta gamma!
Ricordo che una decina di anni fa c'erano le reflex Fuji della serie S# che erano dedicate a questi ambiti professionali, ma nonostante si appoggiassero a degli altrettanto ottimi obiettivi del sistema Nikkor sono fuori produzione ormai da anni.
Commento # 2 di: roccia1234 pubblicato il 28 Novembre 2015, 13:06
Originariamente inviato da: Chelidon
Bene adesso voglio vedere anche la rivisitazione di qualche vecchio schema per questi usi specialistici come erano i leggendari Ultra Achromatic Takumar!

Caspita non l'avrei mai detto che per questa nicchia si dedicasse addirittura il prodotto di più alta gamma!
Ricordo che una decina di anni fa c'erano le reflex Fuji della serie S# che erano dedicate a questi ambiti professionali, ma nonostante si appoggiassero a degli altrettanto ottimi obiettivi del sistema Nikkor sono fuori produzione ormai da anni.


Quello che hai linkato è per riprese UV, non IR

Comunque molto interessante questa fotocamera, sarei curioso di provarla solo per vedere i risultati ottenibili in foto ""normali"" con spettro del visibile + IR .
Commento # 3 di: Italia 1 pubblicato il 28 Novembre 2015, 13:21
Personalmente ho modificato 2 Nikon D70 con filtri interni IR (uno 720 nm, l'altro 840nm), ho problemi con focali lunghe (con un 70-300@300 sempre foto sfocate). Questa sarebbe una soluzione perfetta, ma visto che faccio si e no 10 foto IR l'anno giusto per paragoni con il normale, non mi conviene. Piuttosto pensavo di montare un filtro UV + IR
Commento # 4 di: roccia1234 pubblicato il 28 Novembre 2015, 13:28
Originariamente inviato da: Italia 1
Personalmente ho modificato 2 Nikon D70 con filtri interni IR (uno 720 nm, l'altro 840nm), ho problemi con focali lunghe (con un 70-300@300 sempre foto sfocate). Questa sarebbe una soluzione perfetta, ma visto che faccio si e no 10 foto IR l'anno giusto per paragoni con il normale, non mi conviene. Piuttosto pensavo di montare un filtro UV + IR


Perchè evidentemente sulle tue lenti manca il riferimento per la messa a fuoco IR (che è diverso da quello del visibile) oppure te non lo consideri .
Commento # 5 di: Chelidon pubblicato il 01 Dicembre 2015, 12:24
Non è questione che manchi il pallino...
Mi spiego, non necessariamente un obiettivo dotato del riferimento per il fuoco in nIR è detto sia ben corretto in quella porzione e viceversa non è a priori detto che un obiettivo a cui non abbiano messo il pallino debba per forza fare schifo in quell'intervallo; bisogna provarli!
Però è vero che il pallino è importante perché ti indica che in IR il fuoco può cadere in un punto diverso da quello previsto per il visibile (proprio perché l'obiettivo non è corretto per quella porzione di spettro) e perciò bisogna compensare o ancora meglio scattare solo in LV. Questo a prescindere dal fatto che se il tuo tele è poco corretto per quell'intervallo potrà essere pieno di aberrazioni e quindi più si usa un filtro a banda stretta e più si può cercare di ridurre il problema (eventualmente si cambia obiettivo).
Originariamente inviato da: roccia1234
Quello che hai linkato è per riprese UV, non IR

Informati meglio!
Gli Ultra Achromatic Takumar erano obiettivi corretti (lo dice il nome stesso che sono ultra corretti) su uno spettro molto più ampio del visibile (e grazie al piffero: la dispersione utilizzando elementi in quarzo e fluorite è ridottissima) e permettevano ottime prestazioni, estendendo il campo di utilizzo al di fuori del visibile, oltre che nel UV, anche nel vicino IR: in pratica sono corretti (quindi niente aberrazioni e niente compensazioni di fuoco) da 200 nm a 1100 nm, ammesso che tu abbia un sensore che ti permetta una sufficiente sensibilità da arrivarci a quegli estremi.
BenQ Monitor